Medici in sciopero 48 ore il 17 e 18 marzo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
medici_sanità_ospedaleAl ‘silenzio assordante’ del governo replicano con il pugno duro, decisi a non mollare fino a quando l’esecutivo di Matteo Renzi ”non darà risposte concrete assumendosi le proprie responsabilità”: per dire basta ai tagli alla Sanità, e soprattutto per difendere il Sevizio sanitario nazionale e il diritto di cure adeguate per tutti i cittadini, i medici hanno oggi proclamato 48 ore di sciopero generale per il 17 e 18 marzo.

Una decisione presa all’unanimità dall’intersindacale dei camici bianchi, che riunisce tutte le sigle della categoria. Non è bastata dunque una prima giornata di sciopero, quella dello scorso 16 dicembre che raccolse un’adesione vicina all’80%, per ‘smuovere le acque’ ed il governo: i problemi sollevati dai camici bianchi sono ancora sul tavolo, così come il loro contratto di lavoro, non rinnovato da 7 anni. Ma la prima cosa che i sindacati medici vogliono chiarire è che la protesta estrema della sciopero non è a difesa di ‘interessi di categoria’ bensì a difesa dei diritti di tutti i cittadini: la posta in gioco, avvertono, è infatti altissima perchè si parla della sostenibilità stessa del nostro Sistema sanitario e, dunque, della possibilità di continuare a garantire cure e prestazioni a tutti i cittadini e senza differenze sul territorio.

Le questioni, afferma Costantino Troise, segretario del maggiore dei sindacati dei medici dirigenti, l’Anaao-Assomed, ”sono rimaste tutte sul tappeto e non vi è stata alcuna interlocuzione con il governo, nè riguardo la sostenibilità economica della Sanità pubblica, nè sul ruolo professionale nè, tanto meno, in merito alla garanzia del diritto di cura per i cittadini”.

Sono questioni ”essenziali – incalza – che non possono essere omesse dall’agenda della politica”. Per questo, annuncia, ”abbiamo anche in programma una serie di manifestazioni interregionali, e partiremo dal Sud, da Napoli, a fine febbraio, oltre alle 48 ore di sciopero nazionale”. Manifestazioni sono in calendario, da aprile, anche a Milano e Firenze. Insomma, sottolinea Troise, ”non si tratta di questioni corporative ma nell’interesse dei cittadini e vorremmo che la politica si assumesse le proprie responsabilità”.

Un esempio su tutti: ”Le annunciate assunzioni non ci sono ancora state, mentre ciò che c’è di concreto sono i tagli della Legge di stabilità e l’assenza di un progetto complessivo per la Sanità pubblica”. Sulla stessa linea il segretari della Fp-Cgil medici, Massimo Cozza: ”La nostra mobilitazione continua per ricostruire una Sanità che oggi è a pezzi e per fermare la deriva del taglio delle risorse sanitarie rispetto al Pil.

Per quest’anno, infatti, il Fondo sanitario nazionale è fissato a 111 miliardi, con la riduzione di oltre 4 mld rispetto a quanto preventivato dal Patto per la salute, e sono evidenti le sempre maggiori difficoltà a garantire i Livelli essenziali di assistenza. Attendiamo inoltre le annunciate 6mila assunzioni, e negli ospedali cresce la difficoltà a rispettare orari di lavoro adeguati”. Netto il giudizio del segretario della Federazione dei medici di famiglia (Fimmg), Giacomo Milillo: ”Di fronte all’indifferenza del governo, alle mancate riposte o alle risposte elusive o di presa in giro, non ci rimaneva che questa ulteriore azione di forza; siamo stanchi di parlare ai sordi, dal ministero al governo tutto”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.