Salerno: per Piazza della Libertà i pm avevano chiesto l’arresto di 12 persone

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
piazza_libertà_crescent_salernoDodici le richieste cautelari respinte dal Gip Berni Canani nell’ambito dell’inchiesta su Piazza della Libertà e la variante milionaria approvata in corso d’opera che ha portato nei giorni scorsi alla notifica di 26 avvisi di conclusione indagine.

I pubblici ministeri Cantarella e Valenti avevano sottoposto al giudice per le indagini preliminari la necessità di applicare misure cautelari nei confronti di tecnici comunali ed imprenditori.

Misure, dodici in tutto (esclusi, dunque, i politici – per loro l’accusa è di falso in atto pubblico), che sarebbero cadute perchè mancherebbe il pericolo della reiterazione del reato o perchè non ci sarebbero riscontri su ulteriori appalti anomali per i costruttori finiti sotto la lente della magistratura inquirente. Come scrive Le Cronache oggi in edicola.

I fatti risalirebbero a qualche mese fa e la Procura non avrebbe presentato appello. Ci sarebbero, difatti, altri accertamenti in corso. Nelle carte dell’inchiesta ci sono intercettazioni telefoniche che confermerebbero le tesi accusatorie. Intercettazioni nel corso delle quali tecnici e imprenditori definirebbero i prezzi dei materiali da sottoscrivere nei preventivi e le tipologie di interventi da fare.

L’inchiesta – scrive La Città oggi in edicola  – parte dalla variante da più di otto milioni di euro, in favore della Esa costruzioni, poi fallita, che stava costruendo la piazza. Variante motivata con insorgenza di una “sorpresa geologica”, spiegando che la falda acquifera era risultata più alta del previsto. Secondo gli inquirenti gli stati di avanzamento e la variante non erano altro che la necessità di riparare ad un errore in fase progettuale. Un errore che, in questo modo, sarebbe ricaduto sulle spalle dei contribuenti e non sugli effettivi responsabili.

Oltre a Vincenzo De Luca sono indagati i componenti della giunta di allora (Eva Avossa, Alfonso Bonaiuto, Gerardo Calabrese, Luca Cascone, Domenico De Maio, Augusto De Pascale, Aniello Fiore, Ermanno Guerra, Vincenzo Maraio, Franco Picarone), il tecnico Alberto Di Lorenzo e, per la sola ipotesi di reato di fatturazioni fittizie, Mario Del Mese e Vincenzo Lamberti della Ifil.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. le ipotesi di reato- il gip le ha respinte!- perchè continuate a spiare dal buco sella serratura…??

  2. E volevano pure arrestare Il socio compariello di quel tizio, indagato per bancarotta fraudolenta per la stessa società’, il cui padre voleva candidare nel giro di una notte alla Camera dei Deputati nel PD in barba a rapporti tra persone e regolamenti interni di partito.
    Forse faceva meglio a rimanersene in Lussemburgo, da queste parti il suo nome, malgrado la propaganda cerca di spiattellarlo e di proporlo in tutte le salse, rimane sempre legato alla cronaca giudiziaria.

  3. Da oltre ventanni avete perso ogni battaglia dentro e fuori le mura e ancora non vi siete fatti capaci che c’è qualcuno nettamente superiore.
    Ciuccio, ragli dall’invidia.

  4. Dalla nascita mai avuto padroni al contrario di tanti paggetti, maggiordomi e lobotomizzati del sistema forse più’ dentro le mura che fuori.
    Invidioso di cosa è di chi?
    Di chi viene continuamente e scientemente rappresentato come uno statista quando nei fatti lo si conosce solo per un cognome e le indagini che lo riguardano?
    Posa il vino che ti fa’ male, ma mi raccomando, chiedi sempre prima il permesso.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.