Vuole video erotici da una minorenne, arrestato pedofilo 68enne

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
procura_salerno_lembo_polizia_postale

Agenti della Polizia di Stato unitamente allo SCIP della Direzione centrale della polizia criminale hanno arrestato all’aeroporto di Fiumicino un cittadino albanese , D.H.S.
di 68 anni, ricercato in campo internazionale a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare emessa, su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, dal gip del Tribunale di Salerno per il reato di violenza sessuale aggravata, divulgazione di materiale pedopornografico, accesso abusivo a sistema informatico, sostituzione di persona e atti persecutori in danno di minore.

La mamma di una minore quattordicenne, infatti, aveva denunciato presso la polizia postale e delle comunicazioni per la Campania -Sezione di Salerno- che da circa due anni sua figlia era costretta, mediante minacce, a inviare tramite il noto social network Facebook video erotici realizzati con la webcam. Raccontava, inoltre, che a seguito del suo rifiuto di continuare a produrre e ad inviare tali filmati, l’arrestato pubblicava alcuni cortometraggi erotici in suo possesso, rendendoli pubblici e perciò visibili ad amici e parenti

VIDEO INTERVISTA A PROCURATORE LEMBO

LA CONFERENZA STAMPA IN PROCURA

IL COMUNICATO UFFICIALE DELLA PROCURA. Il 28/1/2016, è stato estradato in Italia il cittadino albanese Dedej Hamet Suleiman, nato il 23/4/1947, in quanto indagato per i reati di cui agli artt. 609 quater c.p. (atti sessuali con minorenne), 609 bis – 609 ter (violenza sessuale in danno di minore infraquattordicenne), 615 ter c.p. (accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico), 494 c.p. (sostituzione di persona), 610 c.p. (violenza privata) e 612 bis c.p. ( atti persecutori).

Trattasi del primo caso in Italia e verosimilmente in Europa, che un cittadino straniero, senza mai mettere piede nel paese della persona offesa, venga tratto in arresto per reati di violenza a sfondo sessuale consumati a mezzo internet in danno di una minore degli anni 14.

Nel 2012 a seguito di diverse denunce sporte dalla madre e da altri familiari di una minore degli anni 14, residente nell’hinterland salernitano, si procedeva a carico di ignoto, per avere costui, buon conoscitore della lingua italiana, dapprima convinto la minore a denudarsi ed a compiere atti sessuali a mezzo videochat di facebook e poi costretto la medesima, che si era nel frattempo rifiutata di continuare a prestarsi a questi giochi erotici, a compiere ulteriori atti sessuali sotto la minaccia di divulgare i relativi video; ignoto che poi metteva in atto le sue minacce pubblicando su vari profili facebook e su di un Forum (puntualmente oscurati da questa A.G. con decreto di sequestro preventivi di urgenza), inviandoli anche a parenti ed amici della ragazza ed utilizzando in alcuni casi gli account carpiti alla medesima vittima.

Si procedeva, pertanto, attraverso l‘acquisizione dei files di log presso la società Facebook inc, all’identificazione di un cittadino albanese, tale Dedej Hamet Suleiman, quale titolare della linea telefonica cui era collegato il p.c.

Attraverso l‘espletamento di una rogatoria internazionale in Albania, cui partecipava il Sostituto Procuratore della Repubblica di Salerno, titolare delle indagini, unitamente a personale della Sezione della Polizia Postale di Salerno e dell’Interpol Italia, si effettuavano, nella periferia di Tirana, plurime perquisizioni domiciliari. All’esito delle stesse si procedeva al sequestro dell’hard disk in possesso dell’indagato, da cui veniva estratta copia forense. Attraverso l’analisi informatica, particolarmente complessa, dell’hard disk, la polizia postale acquisiva ulteriori elementi di prova suffraganti la responsabilità del predetto (tra le altre, 52 immagini pedopornografiche; numerose immagini di giovani ragazze prodotte presumibilmente con webcam; diverse immagini della nipote minorenne dell’indagato, ritratta in pose ammiccanti; varie fotografie della figlia maggiorenne scattate mentre la stessa compiva sessuali col marito). Infine la minore, attraverso la visione di una serie di foto scattate dalla p.g. in occasione della perquisizione, riconosceva, per averla vista più volte in videochat, senza ombra di dubbio la stanza da cui il Dedej la contattava attraverso internet.

All’ esito delle indagini veniva, pertanto, avanzata richiesta di misura cautelare in carcere, prontamente accolta dal Giudice per le indagini preliminari Sede, cui seguiva una richiesta di estradizione ex art. 720 c.p.p. e ciò in quanto l’Albania non ha ancora aderito al trattato di Shengen, a fronte dei 25 paesi europei che ad oggi ne fanno parte. Il Dedej veniva, quindi, sottoposto in Tirana in data 16/7/2015 ad arresto provvisorio a fini estradizionali, cui seguiva la formale richiesta di estradizione da parte del Ministro della Giustizia. Dopo essere stato preso in carico in Albania dalla Interpol Italiana, una volta giunto in Italia, ieri il Dedej è stato formalmente tratto in arresto dalla polizia postale della Sezione di Salerno e quindi tradotto presso la casa circondariale di Rebibbia.

Visto

dott. Roberto Penna

Sostituto Procuratore della Repubblica

IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

( dott. Corrado Lembo)

polizia_postale_truffe

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. A parte l’indignazione per questo maniaco, quello che non riesco a capire è come ha fatto a costringere la minorenne a denudarsi dall’Albania. I genitori cosa controllano? Non hanno detto mai niente alla bambina che non si deve accettare l’amicizia con gli sconosciuti e di stare attenta alle videochat? È chiaro che dopo aver avuto le prime foto o video l’ha avuta in pugno e con il ricatto l’ha costretta a fare altre cose.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.