Il lavoro che ci divide, il rispetto che ci unisce (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tony_ardito_foto_2Nei giorni scorsi a Genova, durante la manifestazione degli operai della Ilva, il vicequestore aggiunto, Maria Teresa Canessa, ha fatto un passo avanti, nel momento in cui tra i dimostranti e le forze dell’ordine la tensione era alta, si è tolta il casco ed ha stretto la mano a uno di loro. Solo un istante dopo, il caso ha voluto che giungesse una telefonata con cui si accordava ai dimostranti un incontro a Roma. La protesta si è cosi conclusa senza danni.

L’immagine che ritrae quell’attimo di profonda umanità e reciproco rispetto, ancorché di coraggio, tra chi presidia la Sicurezza dei cittadini e chi invoca e rivendica la tutela di un fondamentale diritto, ha fatto i giro d’Italia e suscitato unanimi sentimenti di apprezzamento e solidarietà.

In quei volti, costretti a fronteggiarsi, ciascuno di noi ha riconosciuto se stesso, un proprio caro e visto forse un paradosso, in cui donne ed uomini a servizio dello Stato sono impegnati a vigilare, non già su facinorosi ideologizzati o devastatori di professione, bensì su lavoratori proprio come loro, su madri e padri ai quali, il venir meno della certezza della propria occupazione corrisponde al buio, alla disperazione, ad un domani senza domani.

canessa vice questoreGenova, Napoli, Trieste, Palermo, Bologna o Salerno, è una scena la quale si potrebbe reiterare ogni giorno in qualunque dove; che testimonia il grande disagio in cui il Paese reale versa e nel quale – fortunatamente –  prevale il senso di responsabilità, l’abilità e la saggezza di rappresentanti dello Stato, come l’equilibrio della stragrande maggioranza dei cittadini che se ne sentono e ne sono davvero parte.

L’Italia è certo un Paese che mostra maturità; che nonostante tutto riesce a scindere e comprendere, ma è anche un Paese stanco il quale, al di là delle incoraggianti statistiche o delle slide presentate in conferenza stampa o nei salotti dei talk televisivi, non avverte i segnali della tanto decantata ripresa.

Sicurezza, riforme, giustizia, impresa e, non ultime, le unioni civili, sono temi assolutamente fondamentali per la vita democratica della Nazione; ma ce ne è uno rispetto a cui tutti essi vengono un attimo dopo e che ne è precondizione: il Lavoro.

Di quali delicati temi, invero, possiamo mai discutere se il Lavoro, nei fatti, non è la priorità? Se gli investimenti in termini di occupazione risultano sostanzialmente inadeguati o depotenziati? Se ancora si registra, copioso, il deprecabile fenomeno dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo? Se il professionista medio arranca, spesso per il troppo credito da esigere o se decine di imprenditori, ogni giorno, vengono indotti alla resa? Se c’è chi, in barba a tutto ciò, un Lavoro ce l’ha e lo disonora o lo tradisce?

editoriale a cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.