Calcio: Zaza gol sorpasso Juve e anche Napoli si arrende

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
18
Stampa
juve napoliAvrà pur ragione Allegri che Juve-Napoli non era decisiva e che restano 13 partite da giocare e 39 punti in palio. Ma adesso che ha completato la rimonta, sorpassando il Napoli battuto con beffa doppia – gol all’88’ e deviazione di Albiol sul sinistro di Zaza – non si vede chi possa fermare questa Juventus, capace di farsi un baffo di infortuni a catena e di vincere all’88’, con una riserva (sia pure di lusso), la partita più importante e delicata (fin qui) della stagione.

Giù il cappello davanti ai bianconeri, al 15/o successo consecutivo in campionato: non avevano Mandzukic, Chiellini, Caceres ed Asamoah, hanno perso per strada anche Bonucci e poi Morata, ma sono andati dritti all’obiettivo come se nulla fosse. Ed Allegri ha, tra i tanti meriti, quello di avere motivato al massimo due giocatori entrati per i minuti finali: è stato decisivo Zaza, ma altrettanto Alex Sandro.

Il brasiliano in mezzo a due avversari ha toccato per Evra il pallone finito poi, passando per Evra, sui piedi dell’attaccante ex Sassuolo. Il Napoli, ad onor del vero, è stato una mezza delusione: a “muso duro” ha giocato troppo poco, contro una squadra che cercava con carattere e grinta di mascherare stanchezza e pezzi mancanti: l’unico tiro di Higuain (36′ st) è stato un disastro, una ciabattata che Buffon ha visto passare innocua lontano metri dalla sua porta.

E poche iniziative sono venute da Hamsik, che pure era partito bene, da Callejon e Insigne, scialba la direzione d’orchestra di Jorginho. Gli azzurri hanno un grande rimpianto: non avere cambiato la storia nei 3′ minuti d’oro, tra il 35′ ed il 38′ del primo tempo: salvataggio decisivo di Bonucci su Higuain, parata altrettanto decisiva di Buffon sul piatto sotto porta di Albiol, palla troppo lunga di Callejon per il ‘Pipita’.

L’ultimo test in allenamento aveva sciolto l’ultimo piccolo rebus in casa bianconera: Khedira, a meno di due settimane dall’ultimo infortunio muscolare, era pronto per giocare dal 1′ ed Allegri non ha avuto dubbi a rischiarlo. Nessuna sorpresa dell’ultima ora nel Napoli, deciso a giocarsi la sfida scudetto “a muso duro” come aveva promesso Sarri, da ultimo spronando la squadra con il grido “Andiamo!” prima del fischio d’inizio, Nello ‘Stadium’ più che mai tutto bianconero – settore ospiti chiuso, tifosi napoletani mischiati qua e là ma quasi in incognito, la Juventus ha subito cercato di tagliare ogni rifornimento a Higuain, il re dei bomber.

E ci è riuscita perché il primo tiro degli azzurri, al 32′ è stato di Allan, contrastato da Barzagli. La Juventus ha patito, all’inizio, la velocità del Napoli, che dava impressione di avere maggior freschezza, e lo stesso pressing degli uomini di Sarri. Impressionante potenza e velocità nei 60 metri di Koulibay, che però in piena area venificava tutto con un velleitario colpo di tacco. E pericoli per Buffon anche dai contropiede di Insigne, che tuttavia calibrava male gli assist al ‘Pipita’.

Allegri calava l’asso nella manica, un Cuadrado in forma ‘mundial’, che teneva sempre accesa la spia dell’allarme nella difesa partenopea: il destro, facile preda di Reina, era in fondo il pezzo peggiore nel repertorio del colombiano, devastante invece negli scatti e nei dribbling. Nell’arco bianconero c’erano anche le frecce di Pogba: punizione al 20′ e poi destro da fuori, prima del tiro improvviso sull’esterno della rete. Uscita indenne dalle fiammate napoletane dopo dopo la mezz’ora del primo tempo, la Juventus ha preso coraggio.

Lo 0-0 sembrava tutto sommato andare bene ad entrambe, per la Juve palla-gol di Dybala che però (18′) sparava alto sull’appoggio di Dybala, sinistro a giro di Hamsik (35′) che non si abbassava, poi un tiro senza pretese di Pogba e lo stesso per un Higuan poco lucido, prima del timbro di Zaza. Che vale primato e un pezzo di scudetto, anche se la stagione è ancora lunga. Ma nello ‘Stadium’ impazzito di gioia, il popolo bianconero canta e prende in giro i napoletani: “Ohi vita ohi vita mia, ohi sole ohi sole mio”, mentre sui social, in onore di Zaza e in riferimento ai tifosi napoletani impazzano le battute sull’ ‘Amaro Lucano’.

SARRI. La differenza l’ha fatta un episodio sfortunato”. Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri assolve la prova degli azzurri: “La partita era bloccata – spiega – abbiamo concesso pochissime occasioni, quasi nessuna. Anzi, probabilmente ne abbiamo avuta una più di loro. Una partita in equilibrio persa per un episodio con doppia deviazione, contro una squadra in grande salute. Dovevamo essere più pronti, il segnale della Juventus era di mantenere il risultato, erano appena passati al 4-5-1”.

Con Bonucci out e il baricentro della Juventus arretrato, il Napoli ha forse osato troppo poco: “Dovevamo essere più sfrontati in certe occasioni – ammette Sarri – creare qualcosa di più: la Juventus ha vinto 15 partite consecutive, il risultato, come è normale che sia, condizionerà il giudizio sulla nostra prestazione. I ragazzi hanno giocato alla pari con una squadra fortissima, in un grande momento, con grande applicazione difensiva. In fase offensiva siamo stati un po’ timidi, ma queste partite sono difficili da giocare”.

Nonostante la sconfitta, il campionato è ancora lungo: “Penso che il nostro obiettivo sia rimanere sereni – aggiunge Sarri – non può essere un tiro deviato a cambiare il giudizio sulla nostra squadra. Non credo che ci saranno ripercussioni, siamo contenti di aver giocato alla pari contro una squadra palesemente di un’altra categoria.

Può succedere ancora di tutto e non solo per Juventus e Napoli: il vantaggio sulle terze si è creato in cinque partite e in altrettante può azzerarsi. Il campionato è ancora lungo”. Concetto confermato anche da Lorenzo Insigne: “Non è una partita decisiva – spiega l’attaccante partenopeo – ci sono altre 13 partite. Continueremo a dare il massimo per arrivare più in alto possibile”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

18 COMMENTI

  1. Hahha Pulcinella non canta più, Avanti Foggia!! #colpadiPlatini #fuorigioco #triplete #pampasosa

  2. Dove sono tutti quei buffoni che osannavano quegli 11 sfigati che ieri sera vestivano di rosso?
    Tutti a casa alè!

  3. CARI TIFOSO FALLITO DEL U SALIERN NESSUNO SA’ COME FINIRA’ IL CAPIONATO DI SERIE A AD OGGI L’UNICA COSA CERTE è CHE IL PROSSIMO A(N)NO RIABBRACCERAI IL TUO PRESIDENTE MARIO MACALLI .

  4. Zaza all 88′! O napulill nn parla più. Si sta leccando le ferite! Ha fatto fuori na scatola i malox per i forti dolori! Ahahahahahaha

  5. 4 palloni…penultimi…umiliati…ridicolizzati…E pensano ad accendere sky e Mediaset per le sfide di altissima classifica?????? Sti poveracci ? salutate il vostro amico Gabinetto…vI sta ricottando e fa morire dal ridere ahahahah

  6. X pietro vierchowod: sarai sicuramente un cavaiuolo o nocellino depresso…sta sent a me,fatt na mbriacat e nun c pnsa…ritenta sarai più fortunato…hai tifato cosenza(1990/91) Juve stabia(1993/1994) Atalanta (1994/1995)Perugia (1995/1996) piacenza( 1998/1999)…e vuo pur parla???Siete la schiuma della provincia di SALERNO

  7. PER I TIFOSI DELLA SALERNITANA: per vedere partite di questo livello dovete solo sognarle la notte! PER I DOPPIOFEDISTI PSEUDO TIFOSI DELLA JUVE: complimenti a voi per la splendida partita, ottenuta con diversi gol di scarto, frutto di una prestazione maiuscola, avete dominato per novanta minuti! Complimenti soprattutto per lo scudetto ormai imminente … PER CICCIO: Ancora Tu? … ma non dovevamo vederci più?

  8. Caro innamorato,sono un altro Ciccio non quello di noi non siamo napolecani…ata muri pazz…

  9. Chist è un altro Ciccio,
    È il noto capoparanza Ciccillo e Casalvelino,se vuoi te lo spiega lui….ma comm so comici sti paisan!

  10. Maroooonnnn viva ò Napuleee viva Insigneeeeeee el Pibe de Cava de Tirreni…..viva ò Sud…..noi Siamo Mediterraneiiiiii noi siamo Cava del Mediterranei….voglio a tuta di Sarri…..mi piace ò Mozzicone e sigarett……..Caveseeeeeeee aleeeeeee Vamos Vamos Argentina………..un giorno all’improvvisoooooooo oooooooohhh ooohhh……l’estate stà finendo e l’ignorante cambia le parole ooohhh ohhh…..

  11. ma dove vogliamo andare … ma lo capite o no che siamo lo zimbello di Italia con questo modo di fare i razzisti tra di noi… gli altri vincono e noi sempre a fare le vittime chissà se arriverà un giorno in cui potremo gioire senza invidiarci tra tifoserie.

  12. …La nostra storia è immensa come il Cielo…Salernitano, tu sei stato solo una nuvola di passaggio…US Foggia? Chi? Dove?…Tutti doppio-tifosotti…andatevi a tifare la Juve, il Milan, l’Inter tanto l’anno prossimo “Tanto già lo so che l’anno prossimo NON giochi PIU NEANCHE di sabato”!!! Ohohohhoh!…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.