Perché i tempi stanno cambiando (il nuovo libro di Ignazio Visco) di Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
angelo_giubileo_2Nel libro Perché i tempi stanno cambiando, il Governatore di Banca d’Italia descrive il processo che, a partire dalla seconda metà del Settecento e in modo particolare negli ultimi cinquant’anni, fa emergere quelle che egli chiama “discontinuità”: “una discontinuità che va di pari passo con la crescita della popolazione mondiale da 800 milioni nel 1750 a più di un miliardo e mezzo nel 1900, a 2,5 miliardi nel 1950, a circa 3 miliardi cinquant’anni fa, a oltre 7 miliardi oggi”.

E inoltre, per quanto rilevato sul piano reddituale, rilevare analogamente come – grazie ai due fattori principali di questi cambiamenti, e cioè la tecnologia e la globalizzazione – “l’obiettivo di dimezzare la percentuale di persone in condizioni di povertà estrema (con un reddito inferiore a 1,25 dollari al giorno) è stato conseguito con cinque anni di anticipo, nel 2010 …”, nonostante ancora “oltre un miliardo di persone vive in queste condizioni”.

Il Governatore, accanto a questo grave problema, ne sottolinea un altro, almeno serio ma forse maggiormente avvertito, che riguarda le disuguaglianze nella distribuzione dei redditi. In proposito, tuttavia, egli evidenzia che “mentre le disuguaglianze nella distribuzione dei redditi tra paesi si sono ridotte, quelle all’interno di ciascun paese si sono ampliate, tra il 1990 e il 2010, in due terzi dei casi per i quali sono disponibili dati”.

Il tema delle disuguaglianze di reddito rappresenta così il quadro di sviluppo dell’analisi che prosegue attraverso la disamina di due opposte tesi: del “ristagno secolare” – avanzata e sostenuta, credo per la prima volta in pubblico solo il mese scorso, anche dal ministro italiano dell’Economia Padoan – e, viceversa, la tesi in discussione della “crescita”.

La tesi del ristagno secolare origina negli anni Trenta ed è stata rielaborata di recente negli USA prima da Larry Summers e poi – in una versione che, mi azzardo a definire, sarebbe connaturata al necessario sviluppo dell’odierno progresso tecnologico – da Bob Gordon. Una tesi, tuttavia, che Visco giudica “al tempo stesso ardita e ingenua”, basata sul presupposto che “le grandi innovazioni generatrici di rilevanti incrementi di produttività sarebbero già state per la maggior parte inventate e sarebbe quindi inevitabile il ritorno a tassi più moderati di crescita”.

Una tesi, tuttavia, che ha per così dire un suo fascino, in quanto credo abbia un impatto maggiore su quella che si è soliti definire gente comune, tutti coloro cioè che non dispongono delle conoscenze dovute, sia pure almeno in parte. Ma, ammesso anche che sia così, in base all’esperienze comuni del passato, Visco è convinto che l’attuale rivoluzione tecnologica o digitalesia ancora lontana dall’avere pienamente dispiegato i suoi effetti sulla produttività”. In proposito, egli parla dell’avvento di una “seconda età delle macchine”, con conseguente crescita e sviluppo in ambiti “quali la robotica, la genomica e la stessa intelligenza artificiale”.

Angelo Giubileo    

(Seconda parte – continua)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.