Rocco Hunt: "Dov’era lo Stato quando facevo il pescivendolo a 16 anni?"

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
44
Stampa
rocco hunt salernoRocco Hunt si sfoga a “L’Arena” di Massimo Giletti. Dopo aver cantato la sua “Wake Up”, il cantante salernitano ha deciso di raccontare la sua storia attaccando le istituzioni.

Per me lo Stato è assente in certi momenti, perché dov’era quando io mi alzavo la mattina e facevo il pescivendolo a 16 anni? E dov’era quando mio padre a casa doveva guardare il frigorifero vuoto? E dov’è oggi quando tutti i miei amici fanno i ragazzi delle pizzerie per 20 euro al giorno?”.

Red Ronnie poi gli fa notare come la sua canzone e quella di Valerio Scanu erano in principio considerate favorite e anche nelle classifiche provvisorie erano posizionate più in alto rispetto al piazzamento finale, accennando una possibile polemica al sistema del televoto. Una polemica subito abbozzata dal rapper salernitano che guadagna un altro applauso facile. “I podi dopo una settimana si dimenticano, quello che conta sono le canzoni che girano in radio e il messaggio che passa”.

VIDEO

 

ROCCO HUNT FA ESPLODERE L’ARENA DI SANREMO DOPO AVER SMERDATO IN DIRETTA GILETTI E I SUOI OSPITI!!UN RAGAZZO DI SOLI 20 ANNI METTE A TACERE TUTTI QUEI FILOSOFI, BRAVO!!

Pubblicato da INFORMATi su Domenica 14 febbraio 2016

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

44 COMMENTI

  1. Mamma mia che povertà sto Rocco Hunt………..mamma mia che brutta immagine di noi del sud. W il sud vero, colto e ironico, forte, e con tanta esperienza sulle spalle. Questo è n’ummnicchio………..per carità.

  2. povero sud!ragazzi che sperano ancora in uno stato che li aiuta a trovare una sistemazione lavorativa,ma non l’avete ancora capito che lo stato vi ha abbandonati a voi stessi già prima che voi nasceste.eppure i vostri genitori ne sanno qualcosa,ma evidentemente qualcuno di loro crede ancora alle chiacchiere della politica.MA SVEGLIATEVI come ha detto Rocco Hant dal palco di S.Remo.E non regalate voti a politici che non meritano la vostra fiducia,tanto lo sapete bene chi ha rovinato la Campania e tutto il Sud italia.

  3. E umiliante dover accettare un sud Italia succube di una politica clientelare, statale e con illusione di un posto fisso che deve assegnare lo stato.E’ umiliante convivere con la camorra,con le raccomandazioni e con il degrado totale del profondo sud Italia.
    Non voglio fare altri elenchi altrimenti il Nord imprenditoriale si impressiona ancor di più e le poche fabbriche rimaste verrebbero spostate in Albania impoverendo ancor di più il meridione.
    Wake Up meridione sveglia.

  4. hai sproloquiato un pistolotto di dubbia qualità lessicale….e la risposta?? A domanda precisa si risponde in maniera precisa, se si vuol rispondere…!

  5. Gradirei non essere chiamato come gentile delle 21.18,anche perchè nei salotti cult della Roma mancina rispecchia il significato di battitore di marciapiede alle ore X.Quindi ridimensioni il suo linguaggio da meridionale che ha fatto una doccia e si è ripulito.Non mi va di fare elenchi,elenchi ed elenchi da vecchio noioso e assonnato di sacrestia. WAKE UP con doccia fredda sud e svegliati.

  6. Mamma mia come sei acida e severa.Secondo me sei una zitella di un paesino del Cilento.Lei parla di dubbi e lessi-cicale,mi risponda Immediatamente e con la massima precisione:Lei è fidanzata, sposata o vedova? Lei deve tassativamente rispondere.
    Il sud e abitato da troppi vecchi.Wake Up

  7. Evito l’appellativo gentile perchè in quanto ad educazione state a zero. Amen, me ne faccio una ragione e vado avanti. Al massimo può dispiacermi per i vs genitori … è evidente che il loro lavoro non li abbia ripagati. Ma entrambi, a parte gli insulti che ovviamente sprecate al chiuso dell’anonimato (eh eh …comodo eh?? insultare senza essere visti !!), NON AVETE RISPOSTO !!
    Quali sono i lavori umili ?? E quali sono quelli importanti ??

  8. e nel concetto di STUDIO vanno inseriti i teatri, i cinema, le librerie, le biblioteche, le sale multimediali, le scuole, tutti gli spazi delle scuole non utilizzati o peggio, a rischio crollo, tutte le sale parrocchiali. Pensate solo a cosa potrebbe venir fuori dai laboratori di elettronica, con i bambini delle elementari impegnati a costruire i propri giocattoli…Nasce lì la cultura del lavoro, di come occupare il proprio tempo, di come rispettare il prossimo. Altrove, in Italia, sta funzionando, può funzionare anche da noi. Se non interagiscono questi soggetti culturali, non cresce la famiglia, non cresce il senso civico, non cresce l’educazione per le istituzioni. E se non crescono, anzi, crollano questi valori poi nessuno ha il diritto di meravigliarsi, di scandalizzarsi, di piangere. Pure quando ero ragazzo io (50) i miei genitori non se la passavano bene…i miei come quasi tutti quelli che conoscevo…parlo degli anni settanta, della crisi petrolifera, delle targhe alterne, delle auto ferme la domenica, delle cento lire di carta, dei panni che in famiglia si passavano uno con l’altro, delle scarpe che se le consumavi per il pallone a casa prendevi pure il resto … delle zuppe di latte la mattina e qualche volta pure la sera….della televisione in bianco e nero e due canali ! Ma nessuno si permetteva di mancare di rispetto all’adulto di riferimento, all’insegnante, al vigile, al carabiniere, al negoziante, al prete… E quando c’era il guappetiello di cartone che si metteva in luce, ( e ce n’erano pure allora…!) gli altri ragazzi PARLAVANO E SI DIFENDEVANO….!!! E gli adulti intervenivano. Il delinquente di turno camminava sotto al muro…non ci teneva a farsi conoscere…. Oggi invece il quadro si è rovesciato, la merda è diventata cioccolata, e molti di noi girano lo sguardo dall’altro lato. Tuto è dovuto, non si dice no a niente e non si distingue più l’utile dal superfluo. Il rispetto è quello che manca. E la merda prende il sopravvento (non sempre, ma spesso). Lo si vede dalle risposte a k.zzo che date qua sopra. SVEGLIATEVI E STUDIATE !!!! NON PERDETE TEMPO IN SCORCIATOIE INUTILI E DANNOSE.

    cavalluccio di mare

  9. Lei è una persona anonima,senza nome e nascosta,infatti non si qualifica.Il suo approccio con il prossimo è molto scostante infatti si sente offesa e di questo mi dispiace.Quello che però mi indigna e che lei non si offende e non reagisce criticamente al degrado e all’abbandono del meridione,eppure alla sua veneranda età dovrebbe rendersi conto di ciò che la circonda.Rocco Hunt nella sua posizione pone una riflessione a tutti noi meridionali e a reagire a questo Status Quò.Il lavoro più umile è proprio questo sensibilizzare il meridione e prendere coscienzanel nel darsi da fare.Lei però non ha RISPOSTO ALLA MIA DOMANDA:Lei è Fidanzata, Sposata o Vedova? Tassativamente mi risponda. WAKE UP SUD

  10. E’ inutile litigare. Le responsabilità dei problemi del Sud sono sia dello Stato (che poi siamo tutti noi, non una cosa astratta) sia dei cittadini.

    Articolo 4 della Costituzione Italiana:
    La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

    La Repubblica ha promosso le condizioni? Qualche dubbio mi viene. Penso che Rocco volesse dire anche questo. Comunque perché prendersela con un giovane di 20 anni che si è affermato grazie alle sue indiscutibili capacità di artista? Io penso sia motivo di orgoglio anche per Salerno e per il Sud.

  11. mi fa piacere per lui che riempie il frigorifero, ma sinceramente tutta quest’arte e questo sensibilità d’animo, io non la vedo affatto, anzi …!

  12. scendete tutti in piazza // scassate tutte’ cose // pigliatele cu a’ mazza// se po’ vet’ e stancate // ve canto na canzone// ca cantavano e’ viecchie’ antiche// domani è domani // oggi è oggi// ……

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.