Rapina CAF Salerno: la solidarietà del Presidente Nazionale del Patronato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
rapina_salerno8“Il vile ed efferato atto di aggressione alla nostra cara LR, operatrice scrupolosa e professionale del nostro Patronato, è un atto grave che evidenzia una forte degenerazione del tessuto sociale e l’innalzamento della recrudescenza criminale in quella realtà, che non risparmia nemmeno le donne in gravidanza e le organizzazioni sociali non lucrative, quale è il nostro Patronato”. È quanto afferma in una nota il Presidente Nazionale Enasc, Salvatore MAMONE esprimendo solidarietà e pieno sostegno alla dipendente, operatrice del Patronato.

Come si ricorderà, questo grave atto di cronaca è avvenuto a Salerno, in via Domenico Scaramella, sede dell’Unsic e del Patronato ENASC. La donna, al sesto mese di gravidanza è stata colpita al volto (tra l’orecchio e lo zigomo sinistro) con una pistola a piombini da un uomo dal volto scoperto entrato poco dopo le 18 di venerdì nella sua sede lavorativa e dopo un breve diverbio con la dipendente ha estratto una pistola a piombini e l’ha puntata contro la donna, ferendola gravemente.

“Oggi, per estensione – evidenzia il Presidente MAMONE -, Patronato significa assistenza, protezione sociale, o anche ente benefico per la protezione e l’assistenza di particolari categorie di persone, quali i lavoratori, giovani, pensionati, precari, sussidiati, diseredati. E a queste particolari categorie sociali che rivolgono il loro quotidiano operare i nostri tanti e scrupolosi operatori su tutto il territorio nazionale.

Per queste ragioni – stigmatizza MAMONE – questo gesto, non solo criminale, ma folle ed incomprensibile. Confido nella azione delle Forze dell’Ordine e della Magistratura e sono sicuro che, presto, gli esecutori materiali ed eventuali mandanti, potranno essere consegnati alla giustizia. Tuttavia – conclude il Presidente – sollecito tutte le forze sociali, politiche ed istituzionali del territorio di riferimento a reagire adeguatamente e far sì che siffatti episodi di violenza criminale non abbiano più a verificarsi”.

“Un particolare appello a rafforzare l’azione di vigilanza anche in direzione delle sedi sindacali e di patronato, lo rivolgo al Prefetto ed il Sig. Questore di Salerno. Per quanto ci riguarda, come forze sociali ed assistenziali faremo la nostra parte sul versante della affermazione della ‘cultura della, legalità’. Bisogna contrastare la criminalità micro e macro, promuovendo “carovane di legalità”, a partire dalle scuole, che restano il primo, vero, presidio di crescita culturale, capace di ricostruire un tessuto democratico e civile, nel quale non alligni più la criminalità”.

Salvatore MAMONE, Presidente ENASC Nazionale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.