Salerno Capitale spinge per recupero sommergibile Velella a largo di Punta Licosa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Sommergibile_VelellaFar riemergere il sommergibile Velella. E’ questa l’iniziativa di Vincenzo Pellegrino ed Angelo Avallone. Fondatori dell’associazione Salerno Capitale, i due salernitani, hanno da mesi avviato una campagna di sensibilizzazione avente ad oggetto le peculiarità storico-culturali di Salerno e della sua Provincia. E questo perché sarebbe impensabile rispettare il territorio senza un substrato culturale che l’associazione, seguita da centinaia di utenti, si prefigge di fornire.

“Soltanto conoscendo la storia è possibile rispettare e far rispettare Salerno e la sua Provincia. E questo è l’obiettivo che, con grande sacrificio e attraverso una squadra consolidata composta da esperti del settore, stiamo perseguendo. Qualcuno ci chiede perché lo facciamo. Lo facciamo perché amiamo il nostro territorio: è il minimo che possiamo fare per promuoverlo e, al contempo, tutelarlo”, le parole di Vincenzo Pellegrino.

Sulla stessa lunghezza d’onda Angelo Avallone: “Talvolta, quelle che ci sembrano semplici pietre nascondono al loro interno secoli di storia. Ma come si può esigere il rispetto per il territorio se nessuno conosce la storia dello stesso?”.

Ma questa volta la loro iniziativa prescinde dal capoluogo di provincia ed è quanto mai utopistica. E riguarda il sommergibile Velella, il sommergibile del Regio Esercito che detiene il triste primato di essere stato l’ultimo sommergibile italiano perduto nella guerra contro gli Alleati: il Velella fu silurato dal sommergibile britannico Shakespeare al largo di Punta Licosa. Tutto l’equipaggio, il comandante Patané, 5 altri ufficiali e 44 fra sottufficiali e marinai, scomparve con il sommergibile. Nel corso degli anni vani sono stati i tentativi di farlo riemergere.

“Salerno è silente in merito all’Operazione Avalanche, nonostante numerosi salernitani abbiano, nella stessa operazione, perso la vita. Si pensi – afferma Vincenzo Pellegrino – che a Salerno non è presente un vero e proprio museo dello sbarco. Esiste, e questo mi preme ricordarlo, soltanto una mostra permanente in città, quella presente presso la cappella di San Ludovico, nell’Archivio di Stato. E’ curata da una associazione, Salerno 1943, che, con grande sacrificio e grande dispendio di energie, ancora oggi ricostruisce le storie di chi la guerra l’ha combattuta”. 

Ma l’obiettivo che abbiamo anticipato è un altro: recuperare il sommergibile Velella. “E’ una operazione utopistica, ma noi ci crediamoaffermano Pellegrino ed Avallone -. E’ a 8,9 miglia da Punta Licosa, a circa 138 metri di profondità: al suo interno giacciono ancora i corpi dei soldati morti per la nostra patria. E’ giunto il momento di andarlo a ripescare. L’Italia si vanta di avere grossi mezzi militari in grado di recuperare relitti a più di 300 metri di profondità, pensiamo ad esempio alla nave Anteo, dotata di un minisommergibile attrezzato a questi scopi: il Velella è a soli 138 metri”. 

“Forse le reali motivazioni sono altre. Il Velella fu silurato ad armistizio già firmato, forse la paura è quella di ritrovare carte di bordo “scomode”. Sta di fatto che, a più di 70 anni di distanza, è incredibile come, malgrado le numerose iniziative, nessuno abbia accolto le istanze di chi vuole soltanto dare degna sepoltura ai propri caduti. E pensare che americani ed inglesi vengono ancora qui a ricercare i loro dispersi. Noi, che ce li abbiamo a 138 metri di profondità, non muoviamo un dito”. 

Ma ancora: “Il recupero del Velella potrebbe essere il momento propizio per l’apertura di una mostra permanente sull’operazione alleata, si potrebbe esporre il sommergibile o quel che ne resta. Si potrebbe, una volta e per tutte, realizzare quell’opera di informazione cui auspichiamo. Noi ci proveremo. Coinvolgendo tutte le forze politiche e tutti gli organi necessari. E’ un dovere morale, ce lo chiede chi è, ancora oggi dopo più di 70 anni, a poche miglia dalla costa in attesa di una degna sepoltura”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Sarebbe bellissimo recuperare un pezzo della nostra storia. Sarebbe ancora piu bello se in noi potesse nascere il senso di appartenenza alla Nazione. Chi rinnega il proprio passato non è degno nemmeno di vivere il presente. Viva la DECIMA

  2. Finalmente qualcuno comincia a parlare del Velella!!!! La marina militare recupera barconi affondati ad oltre 300 m di profondità e del recupero del Velella e dei corpi degli eroici marinai caduti e rimasti al suo interno nessuno ne ha mai fatto cenno! E’ scandaloso!!!!!

  3. La Marina Militare opera dietro disposizioni impartite dal Ministro della Difesa, quindi dal Governo. Se il governo, e quindi la politica, non decidono in merito, i vertici della MARINA MILITARE non possono disporre il recupero di un relitto affondato. Anche perché, dislocare una nave militare (o anche mercantile, perché esistono anche quelle che fanno questo), per un certo numero di settimane e mesi, costa soldi ai contribuenti.
    Se il Governo od il parlamento dispongono, si potrà procedere al recupero del VELELLA.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.