Fine di una presidenza (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

cosimo risiA novembre si vota alle presidenziali americane e noi seguiamo le primarie con maggiore attenzione di quelle per i municipi italiani. Il Presidente USA è anche il “nostro” Presidente, sebbene non siamo chiamati a votare per lui (o per lei, se davvero Hillary Clinton sarà la candidata democratica). E’ prassi  che il Presidente in carica, terminato il mandato, fondi una biblioteca a proprio nome e scriva il libro di memorie.

Barack Obama si conferma originale anche in questo e anticipa in una serie di interviste le sue considerazioni di politica estera. L’approccio è minimalista e pragmatico. Non una “dottrina”, come altri Presidenti prima di lui amavano definire le loro strategie, ma considerazioni di ordinaria saggezza.

La principale è che l’America non deve contare solo sulla forza militare per ottenere rispetto nel mondo. Non è che se scoppia una grana da qualche parte, l’America deve per forza intervenire. Esistono altri mezzi e soprattutto esistono gli alleati. Gli europei tendono a fare i “free riders”, i giovinotti che salgono a bordo dei mezzi pubblici senza biglietto. Tradotta in concreto, l’espressione sta a significare che gli europei ambiscono alla grande politica,  ma senza dotarsi dei mezzi idonei.

Risparmiano sulle spese per la difesa per contare sull’aiuto americano e se questo non ci sta, vanno in difficoltà. Significativo è il caso della Libia nel 2011. Giunge notizia che il Colonnello Gheddafi (Qaddafi) minaccia gli insorti di “asfaltarli” (Obama non usa questa parola del nostro gergo, è più elegante, ma il senso quello è), si profila una possibile crisi umanitaria, Francia e Regno Unito intervengono a tutela ma solo dopo che l’America ha disattivato le difese antiaeree libiche.

Obama ne ha anche per altri tradizionali alleati. Allude all’Arabia Saudita quando dichiara che un paese si valuta da come tratta la metà della popolazione (quella femminile) e che Riyadh deve trovare “una pace fredda” con Teheran dopo l’intesa sul nucleare iraniano, senza contare sull’intervento americano per regolare “certe contese tribali”.

Col Primo Ministro d’Israele i rapporti sono  difficili. Qualcuno ricorda lo scambio di battute, in fuori onda, fra Obama e Sarkozy a proposito di Netanyahu. Obama ci torna su e si mostra infastidito dalla condiscendenza con cui “Bibi” lo tratta: sono nero, figlio di una madre single, eppure sono divenuto Presidente, merito rispetto.

Con la Russia il rapporto è “asimmetrico”. Obama riconosce che l’Ucraina è vulnerabile all’interesse militare della Russia mentre sta lontano dall’interesse strategico degli Stati Uniti. Con Mosca  un rapporto costruttivo va tenuto per il bene della pace.

A proposito di Russia un altro Grande, Mikhail Gorbacev, alla festa degli 85 anni, nota che Putin non ha completato il processo democratico avviato dallo stesso Gorbacev con la perestrojka (ristrutturazione), anche se la maggioranza della popolazione sta con lui. La Russia comunque sta facendo tutto il suo dovere in Siria contro il terrorismo.

di Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.