Puc, Cammarota scrive al Sindaco: urbanistica partecipata e sociale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
avvocato_cammarota_salerno_2In riferimento alla discussione sul futuro urbanistico di Salerno, interviene l’avvocato Antonio Cammarota con una lettera al Sindaco Vincenzo Napoli. “Le trasformazioni urbane e urbanistiche – scrive Cammarota – devono incentrarsi sulla persona, perché l’urbanistica o è sociale o non è; per questo, l’urbanistica deve essere partecipata, e quindi l’evoluzione di una identità che afferma la forza di una comunità cittadina, e non solo il suo cemento armatoEcco il testo della lettera :

Egr. Sig.

Arch. Vincenzo Napoli

Sindaco di Salerno

 

 

 

                   Egregio Sig. Sindaco di Salerno,

 

Le scrivo, ancora come per il passato, nella mia qualità di consigliere comunale della città di Salerno, in riferimento all’idea di urbanistica per il prossimo puc e quindi alla più ampia discussione sulla trasformazione urbana della nostra città.

Troppe volte si è svenduto suolo vergine per modificare in maniera irreversibile e radicale il volto, e quindi la storia e il destino, di una città e della sua identità, sulla base di progetti privati di imprenditori privati con lo scopo, legittimo, del lucro.

Ma il bene pubblico, e l’interesse pubblico, è anche altro.

Lei è architetto, sa bene che oggi si afferma, anche legislativamente, l’idea di una trasformazione del territorio la più partecipata possibile, proprio perché il territorio non sia una cosa, ma la casa di un popolo.

Per questo, le trasformazioni urbane e urbanistiche devono incentrarsi sulla persona, perché l’urbanistica o è sociale o non è; per questo, l’urbanistica deve essere partecipata, e quindi l’evoluzione di una identità che afferma la forza di una comunità cittadina, e non solo il suo cemento armato.

Per questo, ho votato trasformazioni urbane a condizione che si mantenesse il tratto identitario di ciò che si andava a modificare, sia che fossero i platani del progetto Feudi, o la fontanella di piazzetta Alario, o la gradinata del Vestuti; ma contro la cementificazione, qui sol per necessità di cassa, di piazza della Concordia.

D’altro canto, imporre ex auctoritate trasformazioni di terreni da agricoli in edificabili con il solo risultato iniquo di far pagare maggiori tasse per un vantaggio che non c’è, o continuare a costruire case in una città che svende i propri appartamenti depauperando le proprietà dei salernitani, non ha senso.

Ben vengano, dunque, i ripensamenti sull’azione urbanistica, ma questa volta non si ripetano errori del passato, le scelte siano partecipate a tutti i livelli sociali con un referendum consultivo sulle scelte esiziali, che consentono alla città di crescere insieme e di non tradire se stessa, perché senza identità il futuro non sarà mai un destino originale.

 

Salerno, 23 Marzo 2016

Antonio Cammarota

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Che fine ha fatto la proposta del sorteggio per gli scrutatori, avanzata tempo fa dal Consigliere Cammarota?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.