Dai broccoli cinesi alle arance d’Egitto, ecco la black list dei cibi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
broccoli cinesiI broccoli cinesi, il prezzemolo del Vietnam e il basilico dell’India. Eccolo il podio dei cibi più contaminati contenuti nella black list presentata oggi da Coldiretti a Napoli. Il primato va ai broccoli cinesi con la quasi totalità dei campioni risultati irregolari (il 92%) per la presenza di residui chimici. A seguire, nella speciale classifica, c’è il prezzemolo del Vietnam con il 78% di irregolarità rilevate e il basilico dall’India, fuori norma in ben sei casi su dieci. La “Black list dei cibi più contaminati” è stata redatta sulla base delle analisi condotte dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel rapporto 2015 sui residui dei fitosanitari in Europa ed è stata presentata al Palabarbuto di Napoli in occasione della mobilitazione promossa da Coldiretti con migliaia di agricoltori italiani scesi in piazza con i propri trattori a difesa della dieta mediterranea e contro le speculazioni low cost.




DIFESA DELLA DIETA MEDITERRANEA, COLDIRETTI CAMPANIA: IN MIGLIAIA A NAPOLI. Migliaia di agricoltori hanno riempito l’interno e l’esterno del PalaBarbuto in viale Giochi del Mediterraneo. Un’iniziativa della Coldiretti per difendere la dieta mediterranea sotto l’attacco di inganni, schifezze low cost e speculazioni avallate dall’Unione Europea che mettono a rischio la produzione di grano, pomodoro, extravergine e mozzarella Made in Italy.

“Dalla Campania – spiega Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania e vicepresidente nazionale – un messaggio forte all’Italia e all’Europa. Nella regione che ha un patrimonio agroalimentare unico e che ha il maggior numero di controlli sulla salubrità dei prodotti, migliaia di agricoltori chiedono più trasparenza e tracciabilità dei prodotti. Basta con i furti di identità, con le frodi furbette che usano un nome o un’immagine della nostra terra. Oggi la Campania si ritrova a poter rappresentare un’avanguardia nella capacità di innovazione, nelle filiere, nel biologico, nell’agricoltura sociale”.

Dall’olio di oliva “Vesuvio” del Sudafrica alla scamorza “Salerno” del Canada fino alla mozzarella “Capri” degli Stati Uniti, dove vengono prodotti in California anche pomodori San Marzano in scatola, sono alcuni dei prodotti esposti dalla Coldiretti. L’agropirateria internazionale – denuncia la Coldiretti – utilizza impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all’Italia per prodotti taroccati che non hanno nulla a che fare con la realtà nazionale.

Nel tempo della globalizzazione si assiste alla presenza di un numero crescente di consumatori che nel mondo è attento alla propria dieta premiando i principi della dieta mediterranea il cui ruolo importante per la salute – sottolinea la Coldiretti – è stato riconosciuto anche con l’iscrizione della dieta mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco che è avvenuto oltre 5 anni fa, il 16 novembre 2010.

 

L’AUMENTO RECORD IMPORT INGREDIENTI PIZZA NEL 2015

Olio di oliva dalla Tunisia                                               +279%

Concentrato di pomodoro dalla Cina                             +379%

Formaggi per la trasformazione industriale                  +17,2%

Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati Istat

 

LA BLACK LIST DEI CIBI PIU’ CONTAMINATI

PRODOTTO                 PAESE                  % IRREGOLARITA’ PER RESIDUI CHIMICI

Broccoli                                Cina                                  92%

Prezzemolo                          Vietnam                             78%

Basilico                                 India                                  60%

Melagrane                            Egitto                                 33%

Peperoncino                        Thailandia                          18%

Menta                                   Marocco                            15%

Meloni/Cocomeri                 Rep. Dominicana                14%

Fragole                                 Egitto                                 11%

Piselli                                    Kenia                                 10%

Arance                                  Egitto                                  5%

Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati Rapporto EFSA 2015

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.