Fonderie Pisano: Regione sospende autorizzazione ambientale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
fonderie_pisano_salernoLa Regione Campania ha emanato nei confronti delle Fonderie Pisano di Salerno un provvedimento di sospensione dell’autorizzazione integrata ambientale per 60 giorni, dando anche un termine di 15 giorni alla proprietà per potersi conformare ai rilievi avanzati. Il provvedimento nasce sulla base delle risultanze di un’ispezione dell’Arpac, la cui relazione è stata inviata anche al Comune di Salerno.

“La nostra unica preoccupazione – ha detto l’assessore comunale all’Ambiente Gerardo Calabrese – è sempre stata la salute. Noi in passato ci siamo costituiti anche parte civile nei procedimenti. Da tempo, comunque, stiamo lavorando alla delocalizzazione.

Il Comune di Salerno già nel gennaio 2007, quando approvammo il Puc, aveva previsto una norma proprio tesa a favorire la delocalizzazione dello stabilimento, riconoscendo un indice di edificabilità più elevato del comparto in cui è inserito”. “Gli operai – spiega Anselmo Botte, segretario Cgil Salerno – domani andranno a lavorare. Questo provvedimento, almeno per ora, non comporta la chiusura della fabbrica. Le maestranze sono comunque preoccupate per il loro futuro”.

M5S SU SOSPENSIONE. “La nuova sospensione della Regione Campania dell’autorizzazione integrata ambientale delle Fonderie Pisano di Salerno è un segnale importante per avviare una inversione di tendenza e rispondere agli ultimi rilievi dell’Arpac. Non basta però. L’impianto dev’essere delocalizzato perché non è compatibile con una zona così densamente abitata”.

Lo dice il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano che aggiunge “I controlli sono fondamentali per accertare se vi siano stati sversamenti di rifiuti nell’area circostante lo stabilimento e nel fiume Irno – continua – e quindi la tutela della salute dei residenti e lavoratori”.

“Le iniziative del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale sono state finalizzate sempre e solo – aggiunge – per chiedere chiarezza sull’emergenza ambientale e sanitaria a tutela dei residenti e degli stessi lavoratori”. “La Regione Campania – conclude Cammarano – a distanza di tempo comincia a dare segnali sulla vicenda Fonderie Pisano e questo è un fatto positivo”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.