I bambini litigano e i genitori si picchiano, tensione a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
24
Stampa
carabinieri-corso-salernoSerata di tensione ieri a Salerno in pieno centro. Due famiglie si sono picchiate con calci e pugni sotto lo sguardo attonito dei figlioletti e dei passanti. E’ avvenuto in Corso Vittorio Emanuele. La discussione scaturita dal litigio tra i due bambini per un telefono cellulare in possesso di uno dei due è degenerata. I genitori anzichè riportare la calma tra i due bambini hanno prima urlato e poi cominciato a darsele di santa ragione. Nella rissa hanno partecipato anche le mamme dei piccoli. Solo il tempestivo intervento delle forze dell’ordine ha evitato ulteriori problemi. Sul posto anche alcune ambulanze per soccorrere le persone rimaste ferite

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

24 COMMENTI

  1. Date a questi genitori il premio “miglior genitore dell anno!”… e poi ci lamentiamo della maleducazione dei ragazzini…. la mela non cade mai lontano dall albero… che schifo!!!

  2. Poveri figli. Il destino gli ha riservato questo popo’ di esempi educazione e civilta’.
    AUGURISSIMI

  3. Che munnezz !!

    Sprecare parole per un episodio talmente deprecabile è davvero tempo perso.

    E questi devono essere da esempio per le future generazioni???

    Restate nel recinto dei maiali invece di andare a fare il giro
    dei cafuncielli il Sabato sera a Saliern…….

  4. Caro Pippo, quasi concorde con tutto il tuo contenuto, tranne che per un’osservazione: perché mancare di rispetto ai poveri maiali ? C’è da paragonarli con questi “individui” ? Non credo, sinceramente ? Saluti.

  5. No erano di salerno da tre generazioni abitano in centro stesso palazzo dove abito io e dove abitava mio padre…!!

  6. Come e strano… per una banale lite quanti commenti che sottolineano la città, gli abitanti della città, il turismo e compagnia bella. Il bisogno di criticare e trovare a tutti i costi il caprio espiatorio è quasi esasperante, quasi quanto chi scrive tutte queste cavolate!!!

  7. la cosa squallida e’ che hanno picchiatore una donna di fronte i suoi figli! I giornalisti o chi ha fatto i video avrebbero dovuto dividere chi stava commentando un atto deplorevole! Le donne non si toccano! Che schifo questo paese e non Salerno o Napoli o Roma! È’ l’Italia che non funziona e chi fa notizia!

  8. purtroppo non sempre le notizie sono come descritte in maniera corretta dai media.
    Non si tratta nè di furto nè di famiglie che litigano ma una donna che è stata pestata a sangue davanti ai figli mentre i cittadini di SALERNO guardavano “lo spettacolo” indecente e lo filmavano.
    Ci sono bambini che hanno aggredito, qualche ora prima, con prepotenza per avere un pallone e nessun cellulare era tra le loro mani … e poi la spedizione punitiva di un padre il cui figlio aveva già sferrato un pugno.
    Bambini che hanno visto la loro mamma devastata dai pugni di un “uomo”… chi cancellerà questo trauma???

  9. Ma vi rendete conto che in un episodio simile non importa la provenienza di coloro che lo hanno commesso, coloro che continuano a dire che sono di qua o di là sono solo dei poveri falliti orbi difronte ad un fatto avvenuto alla presenza di minori che gli stessi autori dovrebbero avere il compito di educarli. Quindi ci vuole una condanna unanime e la spinta verso i servizi sociali, affinché indaghino se effettivamente sussistano i presupposti perché questi minori possano continuare a vivere ed essere educati da genitori che sono dediti a questi comportamenti. La patria potestà non è un diritto, ma va conquistata in ogni momento a poco a poco sacrificandosi nell’interesse dei figli e qualche volta, come in questo caso bisogna pure girarsi dall’altra parte oppure mantenere la calma, altrimenti può essere persa!

  10. Munnezza…. gli stessi frequentatori di Salifornia. MA i personaggetti che abbiamo mandato in consiglio comunale che dicono???

  11. Le donne non si toccano?
    Allora se una donna mi aggredisce mentre io sto per i fatti miei, io dovrei subire senza difendermi? Non devo toccarla comunque?
    E poi la donna incinta della truffa?

  12. … tutto compreso nella sceneggiata:
    le famiglie
    i bambini,
    le donne,
    i mariti,
    i giornalettari di quartiere
    i commentatori che lasciano un commento qui sopra,
    il luogo,
    quello che crede di vivere in Svizzera e dice contro Napoli e Caserta perchè così gli hanno detto di fare gli ultras
    i portatori che comandano tutto pure Cristo in croce che non vuole essere portato da nessuno ma loro lo portano lo stesso,
    gli assenteisti,
    i nullafacenti “annanz u’bbbar”,
    gli incendiari,
    i bombaroli,
    gli estorsori,
    gli abusivi,
    gli ecomafiosi,
    i sabotatori di Santa Teresa,
    i politici al 4% che pur continuando a pigliare “paccheri” da 25 anni non si arrendono
    … tranne:
    i VVUU ormai protagonisti solo a “Chi l’ha visto”

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.