La Salernitana ritorna indietro di un anno: errori e sconfitta in casa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
salernitana_vicenza_3_donnarumma_delusioneDopo Novara mister Sannino ricordò la difesa ballerina della passata stagione, vantando un maggior equilibrio in retroguardia.Ma questa sera all’Arechi la tifoseria salernitana ha rivisto gli strafalcioni difensivi della passata stagione che hanno fatto tribolare tutti fino ai play-out. E’ proprio sugli errori granata il Vicenza stasera ha costruito la sua prima vittoria stagionale a Salerno. Prima mezz’ora con gli ospiti avanti di due gol (doppietta in fotocopia di Signori) ma con almeno altre due reti sciupate. Nel finale di tempo Della Rocca riapre il match di testa. Nella ripresa al 9’ Rosina dalla sua “mattonella” trova la punizione vincente e riagguanta il pari. Sembra l’inizio della remuntada che però non si completa anche per la giornata no di Coda e soprattutto Donnarumma (fischiatissimo) e nonostante l’ingresso dell’acclamato Zito. Anzi è il Vicenza, alla mezz’ora, con il neo entrato Di Piazza a calare il tris dopo l’ennesima dormita generale. Sannino ci prova con Caccavallo e Ronaldo, ma finisce cosi: da oggi inizia un altro campionato di sofferenza per la Salernitana.

I granata dunque tornano in campo nei tre anticipi in programma oggi nella quarta giornata di campionato. All’Arechi alle ore 21 è di scena il Vicenza. Giuseppe Sannino cambia modulo per acciuffare la prima vittoria e passa al 4-3-1-2 con Rosina trequartista ritrovato e Odjer affiancato da Busellato e Della Rocca in mezzo al campo. Perico prende il posto di Laverone sulla difesa destra. L’ex biancorosso scivola in panchina con Schiavi. Centrali Mantovani e Bernardini. In avanti Coda e Donnarumma vicino al rinnovo di contratto.  Sugli spalti non c’è il pienone come contro il Verona ma comunque la cornice è sempre importante.




Modulo 4-2-3-1, invece, per il Vicenza di mister Franco Lerda che dovrà fare a meno degli infortunati Vigorito, Esposito e Giacomelli ma recupera Benussi dopo la squalifica per una giornata. Davanti al pipelet ex Lecce agiranno Zaccardo (campione del Mondo nel 2006), Adejo, Bogdan e Pucino, con Signori e Rizzo in mediana e Vita, Galano e Siega a comporre il terzetto di fantasisti alle spalle dell’ariete Raicevic. Fuori dalla lista dei convocati, tra gli altri, anche D’Elia. Ben otto i precedenti con un bilancio favorevole ai granata: nove vittorie della Salernitana, 4 del Vicenza e 5 pari. L’ultima vittoria granata risale alla stagione 2004/2005 undici anni fa 3 a 1.

E’ Jean Luca Sacchi di Macerata a dirigere Salernitana-Vicenza. Gli assistenti di linea sono Domenico Rocca e Luigi Rossi, quarto uomo Daniele Viotti. Sacchi fu l’arbitro del derby farsa Salernitana-Nocerina, gara che fu costretto a sospendere dopo 22’ per gli infortuni fasulli dei molossi voluti dagli ultrà rossoneri esclusi dalla trasferta di Salerno.

LA PARTITA. Serata calda di fine estate all’Arechi con circa 10mila presenze. Minuto di raccoglimento prima del match per la scomparsa dell’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Salernitana in tenuta granata che comincia attaccando verso la curva nord, dove sono assiepati una trentina di tifosi ospiti. Parte bene il Vicenza con Vita sulla destra che pennella un cross al bacio per Raicevic che gira bene di testa e sfiora il palo. Ancora Vicenza con Galano sulla sinistra chiuso in corner da Terracciano in uscita bassa. Ci prova Donnarumma a suonare la carica ma il bomber ex Teramo è in off-side. Al 4’ ancora i veneti con Vita che non approfitta di un indecisione tra Terracciano e Mantovani. All’ 8’ Vicenza in vantaggio: bella azione sulla destra veneta tra Galano e Vita, con incursione di quest’ultimo in area che scarica all’indietro per il solo Signori che all’altezza del dischetto batte Terracciano che tocca comunque la sfera. 0-1 e notte fonde all’Arechi.

Al 12’ buono spunto di Rosina che non trova nessun compagno abile a capitalizzare la sua serpentina in area. Al 17’ ci prova l’esordiente Perico di testa dopo calcio d’angolo a creare pericoli a Benussi ma la sfera è fuori. Al 18’ lancio di Rosina per Coda che viene chiuso al limite, sfera allo stesso Rosina atterrato in area ma per l’arbitro è tutto regolare. Al 20’ raddoppio ospite: azione travolgente sulla sinistra di Siega che salta Mantovani, mette al centro con la difesa granata in bambola, sfera a Vita taglia sulla fascia, lo stesso Siega evita il fondo e passa indietro a Signori che nuovamente scarica a rete trovando l’angolino basso vincente. Salernitana totalmente in affanno con la difesa incapace di uscire dal forcing vicentino. Dopo un colpo di testa velleitario di Donnarumma piovono i primi mugugni all’Arechi.

Alla mezz’ora punizione di Galano che termina alta sulla traversa. Dall’altro versante è Coda a sfiorare di testa la traversa. Al 33’ si riapre il match: Vitale batte un calcio d’angolo chirurgico e Della Rocca gira ottimamente di testa sul palo più lontano la sfera che batte Benussi. La Salernitana ora si risveglia: Coda ci prova dalla distanza e Benussi in due tempi si salva. Al 36’ ancora pericolosi i veneti con Bogdan  che di piatto spara a botta sicura con Della Rocca che di testa sventa in corner. La partita è bella e viva ora: Donnarumma imbeccato da Vitale non trova il guizzo vincente. Al 40’ proteste granata per un fallo di mano in area di Pucino. Dopo un ammonizione per Siega e un minuto di recupero con una punizione alta di Vitale termina il primo tempo giocato bene dal Vicenza e in maniera confusionaria dalla Salernitana.

SECONDO TEMPO. Squadre in campo nella ripresa con gli stessi schieramenti iniziali. Al 4’ Donnarumma recupera un pallone sulla sinistra e scarica al centro per Rosina che tira di prima con Benussi che blocca a terra. Pericoloso in ripartenza Galano con Terracciano che gli strappa la palla tra i piedi. Al 7’ giallo per Vita per gioco pericoloso su Vitale e dopo un minuto cartellino per Bogdan che atterra Rosina. Punizione granata da buona posizione, con Rosina che di sinistro trova l’angolino alla sinistra di Benussi per il 2-2.

L’Arechi ora è una bolgia: cross al bacio ancora di Rosina per Donnarumma che di testa sfiora il sorpasso. Sannino manda in campo Zito per Busellato mentre nel Vicenza dentro Cernigoi per Raicevic. Proprio Cerigoi al 17’ ha il pallone buono sul destro ma da buona posizione spara incredibilmente alto. Ancora Siega al 19’ pericoloso in area: tiro a giro del biancorosso e Terracciano a mano aperta salva ancora. Al 22’ ci prova Coda di sinistro ma la sfera è rimpallata in corner. Dopo un bel sinistro di Galano Lerda lo sostituisce con Di Piazza. Proprio Di Piazza al 28’ trova l’incredibile 2-3: fallo laterale di Pucino, liscio di Zito e Bernardini si perde Di Piazza che stoppa e si gira facendo secco Terracciano.

Dopo una punizione telefonata di Rosina, e un tiro di Vita, Sannino getta nella mischia Caccavallo per un fischiatissimo Donnarumma. Lerda inserisce Bellomo per Vita ed esaurisce i cambi a disposizione. Al 38’ bel cross di Caccavallo per la testa di Della Rocca che inzucca bene ma debolmente, Benussi c’è. Sannino gioca la carta Ronaldo per Della Rocca ma nel finale a parte un colpo di testa di Coda da buona posizione clamorosamente sciupato si annota poco o nulla. Nel recupero ci prova Caccavallo ma senza fortuna. Dopo 5 minuti di extra time finisce una brutta serata per la Salernitana con i propri tifosi che rivedono i fantasmi della passata stagione.

SALERNITANA – VICENZA 2-3 – TABELLINO

Salernitana (4-3-1-2): Terracciano; Perico, Mantovani, Bernardini, Vitale; Busellato (12′ st Zito), Odjer, Della Rocca (42′ st Ronaldo); Rosina; Coda, Donnarumma (31′ st Caccavallo). A disposizione: Iliadis, Schiavi, Tuia, Laverone, Improta, Joao Silva. Allenatore: Sannino

Vicenza (4-2-3-1): Benussi; Zaccardo, Bogdan, Adejo, Pucino; Signori, Rizzo; Siega, Galano (24′ st Di Piazza), Vita (32′ st Bellomo); Raicevic (12′ st Cernigoi). A disposizione: Vigorito, Bianchi, Fontanini, Orlando, Fabinho, Smith. Allenatore: Lerda

Arbitro: Jean Luca Sacchi di Macerata

Assistenti: Domenico Rocca di Vibo Valentia – Luigi Rossi di Rovigo

IV uomo: Daniele Viotti di Tivoli

Reti: 8′ pt Signori, 20′ pt Signori, 33′ pt Della Rocca, 9′ st Rosina, 29′ st Di Piazza

Spettatori: 11500.

Ammoniti: Siega, Vita, Bogdan, Della Rocca. Calci d’angolo: Salernitana: 6 – Vicenza: 3. Recupero: 1′ pt – 5′ st

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. E’ un film gia’ visto. La produzione e’ di Lotirchio. Fallimento garantito. Squadra scarsa. Allenatore in confusione. Richiamiamo Menichini e speriamo in un’altra salvezza disperata.

  2. Ridateci Menechini, anche se questa squadra è ancora più scarsa dell’anno scorso. Solo la fascia sinistra abbiamo migliorato con Vitale ( anche perchè, obiettivamente, fare peggio di Rossi è impossibile)

  3. Ma smettetela di dire le solite cavolate. La Salernitana non ha giocato male non meritava di perdere. Sannino ha dato un gioco accettabile alla squadra. Ma se i difensori sono scarsi, bisogna rivolgersi a Fabiani. E Donnarumma dovrebbe essere messo fuori squadra al minimo di stipendio.

  4. Quando capirai che non è mai stata una questione di risultato, non sarà mai troppo tardi. Piuttosto, lo capisci vero che la tua è una malattia? Puntualissimo il primo commento è sempre il tuo, specchio di un’esistenza triste e un po’ solitaria, vero Peto alias Giggin o’ compless?! Io mi godo il WE, come sempre. Buon weewend anche a te tristissimo Giggin.

  5. Dinci, se Sannino ha dato un gioco accettabile, la squadra di Menichini dell’anno scorso era paragonabile al Barcellona. Al di là di stasera, credo Sannino debba cominciare ad essere un tantino più umile, piuttosto che non accettare fischi o critiche. Evitando di scagliarsi contro chi pone domande del tutto lecite. Questa tifoseria ha ancora alle spalle un campionato frustrante e vergognoso conclusosi non più tardi di 80 giorni fa. Nessuno si aspettava una partenza sulla falsa riga di quello che si è vissuto l’anno scorso. Quindi pensasse a lavorare, pensasse a fare le cose semplici, e non dicesse eresie. Se oggi la squadra non avrebbe potuto fare di più, prendendo il terzo goal da fallo laterale, non oso immaginare cosa accadrebve qualora dovesse fare un po’di meno. Tranquilli. Siamo appena alla quarta. Ma entrate in campo da uomini e non da dilettanti.

  6. come è difficile vivere da cavaiuolo, un’intera esistenza trascorsa a sperare neĺle disgrazie della salernitana. penso sia veramente triste, sarà per questo motivo che le loro donne sono note per essere dai facili costumi, devono pur sfogare in qualche modo.

  7. Povero cavaiuolo sempre in ansia quando gioca la salernitana, è tanto lo stato di sottomissione e frustrazione che stanno sempre qui a commentare…purtroppo la serie D sarà sempre la vostra categoria!!…ciao piccolo sottomessi senza identità!! Buona serie D for ever( per sempre significa)

  8. Buon weekend anche a voi, e rilassatevi che tifo per la salvezza ai play out. Come L’anno scorso, giusto per vedervi soffrire un pochettino!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.