Italia sì, Italia no: la guerra dei cachi (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tony-arditoIl 16 settembre scorso a Roma  la “festa del PD” ha ospitato un interessantissimo dibattito sul referendum per le riforme istituzionali tra il vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti, avversario di Virginia Raggi nella competizione a  sindaco di Roma,  sostenitore del Sì, e Massimo D’Alema, presidente della Fondazione Italiani Europei ed ex presidente del Consiglio, sostenitore del No.

Trasmesso in diretta da La7, il confronto è stato moderato da una abilissimo Enrico Mentana il quale più volte ha, con eleganza, tra una battuta ed una mimica, esortato le tifoserie che popolavano la platea  a  non surriscaldarsi.

A dire il vero, i due contendenti non sono apparsi al meglio della condizione: Roberto Giachetti, talvolta nervoso ed aspro nelle risposte, ha dato la percezione che ci fosse un rancore personale nei riguardi dell’interlocutore; ha spesso indugiato sui lavori della bicamerale del 1997 e le mancate riforme, al tempo, annunciate e non attuate dal suo antagonista, anziché soffermansi sulle ragioni del Sì. Dall’altro lato, un Massimo D’Alema insolitamente poco sarcastico e distante dall’aplomb con cui regge di solito la scena durante i dibattiti o replica alle critiche, e più concentrato ad evidenziare gli errori commessi in parlamento dal Pd ed a stigmatizzare le contraddizioni in termini del segretario-presidente, Matteo Renzi, che a spiegare il perché di  una scelta.

Se fosse stata una partita di calcio, probabilmente il risultato al 90° sarebbe stato uno stanco 0-0.

Ciò che, invece, emerge prepotente è che, al netto delle scelte dei singoli partiti della opposizione i quali, tuttavia, costruiscono un poderoso e strategico schieramento per il no, appare sempre più evidente che la vera battaglia per l’imminente referendum si stia consumando tutta in seno al Partito Democratico.

Le anime che lo compongono non stanno affatto offrendo uno spettacolo lusinghiero. Francamente, credo che l’atteggiamento debba essere altro, tanto più quando si è chiamati a responsabilità di rappresentanza politica ed istituzionale, non di una parte, ma di una Comunità nel suo insieme. La dialettica, anche aspra, favorisce certamente l’esercizio della democrazia e costituisce sempre un indiscutibile arricchimento, ma è pur vero che i panni sporchi vanno lavati in famiglia ed immagino che i milioni di elettori dem, ma non solo, apprezzerebbero di più se la quadra la si trovasse all’interno delle proprie mura, anziché assistere ad imbarazzanti contraddittori come se la compagine di provenienza non fosse la medesima.

C’è un interesse superiore da tutelare, si chiama bene comune, sarebbe il caso che, ogni tanto, gli uni, gli altri e, più in generale, ognuno se ne ricordasse, a prescindere e molto oltre una croce su un Sì o su un No.

 

editoriale a cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.