L’Europa viaggia viaggia e non arriva in alcun porto (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cosimo risiA Bratislava i ventisette leader europei arrivano dopo il lungo viaggio iniziato a giugno con il referendum britannico. Tutto è incerto nella rotta, come se un tour operator impazzito avesse imbarcato i gitanti senza indicare loro una meta. Il tour operator dell’Unione europea non è impazzito, appare solo confuso dalle troppe scadenze. Anzitutto elettorali. In un continente che si picca democratico l’appuntamento elettorale è sinistramente diffuso e continuo.

Basta il voto in un Land poco popoloso a fare suonare l’allarme. La Cancelliera sta sbagliando tutto, di questo passo ci porterà alla sconfitta, a favore del solito movimento populista. In Un Land senza immigrati l’immigrazione appare un problema nazionale, tale da spingere la Cancelliera a rivedere la strategia. Resta il punto fermo dell’austerita, ovvero della virtù di bilancio che premia i virtuosi del nord e punisce i viziosi del sud.

Quelli del sud si erano appena riuniti a Atene, la sentina di tutte le dissipatezze. Il Presidente francese aveva partecipato alla riunione in quanto mediterraneo e socialista. Pareva conquistato alla causa e invece, pochi giorni dopo a Bratislava, riscopre l’asse con la Germania e rispolvera il desiderio di condividere le conclusioni con la Cancelliera. Si, proprio la Cancelliera che a Atene era la convitata di pietra, l’innominato bersaglio polemico degli avversari dell’austerita.

Insomma, una bella confusione. Un girare in tondo che ben conosce il marinaio quando letteralmente perde la bussola. Il nostro Presidente del Consiglio si smarca dal l’asse franco-tedesco e rifiuta la conferenza stampa congiunta. Non condivide le conclusioni di Bratislava che poco o nulla dicono di migrazioni e crescita. Sulle migrazioni i paesi di prima linea restano in prima linea, sulla crescita chi ha il surplus commerciale se lo tiene e gli altri a tirare la cinghia.

L’analisi è probabilmente semplificata, risponde anch’essa a considerazioni elettorali, coglie comunque un nodo di fondo. A navigare a vista la nave dell’Unione non va da nessuna parte. Da’ ragione per converso ai fuoriusciti britannici ed al Gruppo di Visegrad, i quattro paesi dell’est che vorrebbero rivedere i Trattati in senso “sovranista”, in modo opposto a quanti vorrebbero un’Unione sempre più stretta.

La prossima scadenza e’ fissata. Il 25 marzo 2017, in Campidoglio, si terrà la cerimonia del sessantesimo dei Trattati di Roma. Nessuno onestamente esclude che potrebbe essere la cerimonia del commiato.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.