Referendum Sì o No, su La Città “duello” Argentino – Piero De Luca

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
piero-de-luca-ferdinando-argentinoIl primogenito del presidente della Regione Campania, Piero De Luca, in campo per spiegare le ragioni del Sì in un confronto a viso aperto con Ferdinando Argentino, storico dirigente della Cgil e coordinatore dei comitati salernitani del No. Un dibattito che viene approfondito da una ricostruzione storica sul voto referendario a Salerno e provincia sul quotidiano La Città oggi in edicola e realizzata da Massimiliano Amato e Carlo Pecoraro.

Nell’intervista realizzata da Carlo Pecoraro Piero De Luca, Referendario presso la Corte di giustizia dell’Unione europea e coordinatore scientifico del comitato regionale “Basta un sì” dice:  «La riforma costituzionale rappresenta un’occasione unica – attesa purtroppo da decenni e mai realizzata – per rendere più efficiente l’apparato istituzionale e legislativo del nostro Paese. È l’ultimo treno per consentire all’Italia di tornare ad attrarre imprenditori italiani e stranieri e per mettere le nostre istituzioni in condizione di dare risposte rapide e concrete alle drammatiche emergenze sui temi del lavoro, degli investimenti e dello sviluppo manifestate da tanti cittadini in Italia e soprattutto nel Mezzogiorno.




Tutti noi ci troviamo a lottare ogni giorno contro i vincoli della burocrazia e l’incrostazione delle miriadi di regole che ostacolano invece di agevolare le migliori energie che l’Italia ha da offrire e mettere in campo. La riforma crea le condizioni per porre rimedio a tali limiti. Pertanto, pur non mitizzandola e rispettando le posizioni diverse, credo che questa riforma consentirà davvero al Paese di fare un passo avanti importante».

Sui punti di forza della riforma dice: «La riforma consentirà di semplificare ed accelerare i tempi di approvazione delle leggi di conferire stabilità agli Esecutivi al quale darà la fiducia la sola Camera, evitando la deplorevole prassi di governi tecnici, balneari o di scopo, che nascono già delegittimati in ambito nazionale ed internazionale) di risparmiare sui costi della politica (circa 500 milioni di euro annui).

Come vede, si tratta di temi concreti, privi di connotazione politica, che mirano a creare le “condizioni di sistema” perché l’Italia si rilanci e si metta al passo con Stati, quali ad esempio la Germania, che, con spirito pragmatico e senza dibattiti ideologici, hanno avuto il coraggio di modificare le norme costituzionali obsolete per non perdere terreno nella competizione globale. Basti pensare che, secondo uno studio di Confindustria, la riforma potrebbe avere un impatto sull’economia italiana in tre anni (2017 – 2019) di 4 punti percentuale di Pil (Prodotto interno lordo), 17 punti percentuale di investimenti e quasi 600mila unità di lavoro. Il referendum propone il superamento del bicameralismo e modifica la composizione, le funzioni e i poteri del Senato».

Ferdinando Argentino coordinatore del comitato salernitano per la democrazia costituente storico segretario generale della Cgil di Salerno dice: «Siamo chiamati a difendere la Costituzione, la nostra Bibbia laica, tessuto connettivo della convivenza politica, sociale, civile del Paese, compromesso alto tra grandi culture, tra socialisti, liberali, comunisti e democristiani. Sulle modifiche costituzionali e sulla legge elettorale, invece, assistiamo alla sostituzione del confronto e del dialogo con un decisionismo arrogante.

La nostra Costituzione è sottoposta a una torsione autoritaria: l’esercizio del potere va concentrandosi in ristrette oligarchie, si svuotano progressivamente le sedi della democrazia, le istituzioni evidenziano il loro deficit di rappresentatività, allontanandosi dai cittadini. Le modifiche istituzionali si combinano con una pessima legge elettorale, prefigurando meccanismi istituzionali che, senza contrappesi, consegnano di fatto ad una minoranza parlamentare perfino l’elezione del Presidente della Repubblica e della Corte Costituzionale. Si segna il passaggio da una democrazia rappresentativa ad una democrazia dell’investitura».

I punti che non convincono Argentino: «Gli istituti di democrazia diretta vengono penalizzati: per i disegni di legge di iniziativa popolare le firme necessarie da 50 mila si triplicano; si abbassa il quorum di validità per i referendum abrogativi ma vengono richieste ben 800 mila firme. Il Senato viene designato dai consigli regionali e non più eletto dai cittadini.

Certo, viene previsto il principio della proporzionalità, ma il rispetto di questo principio è impossibile: a 10 Regioni spettano 2 seggi, uno è riservato a un sindaco e con un solo consigliere senatore come si fa a rispettare la volontà degli elettori e il principio di proporzionalità? Ricordo che la Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale il Porcellum, le liste bloccate e il premio di maggioranza senza soglia, assegnato alla minoranza politica più forte e, tuttavia, l’Italicum riproduce le storture del Porcellum: la Camera viene eletta mortificando la libertà di voto dei cittadini e i principi democratici.

L’Italicum, infatti, assegna un premio di maggioranza (340 seggi) abnorme in relazione ai voti ottenuti; definisce i capilista nominati e la possibilità di candidarsi in 10 collegi. Si concentra il potere delle mani del “capo” del Partito che decide la scelta dei parlamentari. Ed è paradossale che lo Statuto delle opposizioni venga votato dalla maggioranza eletta con l’Italicum. Una vera perla»

Fonte La Città

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Io non andrò a votare – Non sono nè per il SI e nè per il NO. Ma è mai possibile che un Paese con crescita economica quasi pari a zero, con un’elevatissima disoccupazione, con moltissime aziende in profonda crisi, con servizi pubblici essenziali inefficienti e di scarsissima qualità e con enormi problemi insoluti legati alla mancata messa in sicurezza del territorio e degli edifici pubblici e privati (si pensi ai danni prodotti dall’ultimo terremoto) debba perdere tempo, dividersi e consumare risorse economiche per il referendum? Smettetela “politicanti” di sinistra, di destra, della lega, del M5S e di tutte le forze politiche presenti in Parlamento; non siete assolutamente credibili!!!!!!

  2. X Cittadino salernitano
    E’ proprio quello che sostiene il M5S. Infatti Renzi ed il governo, del resto lo hanno dimostrato con i truffati di banca Etruria, se ne fregano dei cittadini ma fanno solo gli interessi di chi garantisce loro fondi per campagne elettorali per essere eletti e per sdebitarsi devono fare leggi a favore di questi finanziatori che di solito sono lobby o banche di affari.
    Se vuoi che tutto questo non avvenga più, allora non hai che da votare per il NO con cui il governo attuale di massoni andrebbe a casa. Non lasciare decidere agli altri per te.
    IoDicoNO

  3. Piatto a tavola tolto….rullo di tamburo…capovolta e voilà…vedono persi cambia casacca al volo e si fa portavoce del “NO”….che barzelletta………..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.