Sanità in Campania allo sbando: Adinolfi e Cammarano (M5S) chiedono chiarezza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
corsia-ospedaleLa sanità campana continua a versare in uno stato di totale confusione che si riflette puntualmente sulla pelle dei cittadini della nostra regione alle prese con servizi del tutto insufficienti ed inadeguati. I risultati della gestione della sanità da parte della Giunta-De Luca sono sotto gli occhi di tutti: caos organizzativo, chiusure e tagli difficili da inquadrare in un disegno strutturale, qualità dei servizi nella stragrande maggioranza dei casi al di sotto di standard minimamente accettabili.

L’europarlamentare del Movimento Cinque Stelle Isabella Adinolfi ha presentato un’interrogazione a risposta scritta alla Commissione Europea per denunciare quanto si sta verificando in Campania alla luce del recepimento da parte dell’Italia della direttiva 2003/88/CE riguardante taluni aspetti dell’organizzazione dell’orario di lavoro nelle strutture della sanità pubblica che si è tramutato di fatto in un taglio indiscriminato ai servizi essenziali per i cittadini.




“In particolare – scrive l’eurodeputata Isabella Adinolfi – la suddetta legge di recepimento, nell’ambito del settore sanitario, ha causato la chiusura di interi ospedali o singoli reparti, anziché prevedere e programmare nuove assunzioni per garantire tale servizio essenziale ai cittadini. Particolarmente colpita è la Campania, il cui Piano regionale 2016-2017 di programmazione della rete ospedaliera, ha previsto la soppressione di diverse strutture e reparti”.

L’On. Adinolfi chiede alla Commissione di rivolgere una raccomandazione all’Italia per correggere il recepimento della direttiva affinché, quest’ultimo, non sia utilizzato per giustificare ulteriori tagli ai servizi essenziali dei cittadini.

L’azione del Movimento Cinque Stelle si articola sul piano regionale con una doppia iniziativa del Consigliere Regionale Michele Cammarano che ha richiesto un’audizione al Presidente della Commissione Sanità del Consiglio Regionale della Campania relativo al nuovo Piano Ospedaliero Regionale per il triennio 2016/2018. L’On. Cammarano richiama l’attenzione sulla pesante e drastica penalizzazione subita dal Presidio Ospedaliero di Roccadaspide (SA) che – escluso dalla rete territoriale dell’emergenza-urgenza – viene configurato come punto di accesso in deroga in zona particolarmente disagiata, dotato di 20 posti letto di Medicina Generale. Sullo stesso argomento l’On. Cammarano ha anche presentato un’interrogazione a risposta scritta.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.