Ricominciamo dal voto (di Angelo Giubileo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
angelo giubileo 3In Italia, la politica è diventata un semplice “pretesto”.

Secondo il dizionario, pretesto è un motivo addotto palesemente a spiegazione del proprio comportamento o del proprio operato, allo scopo di mascherarne i veri motivi. Con il voto di domenica prossima, questo pretesto, dopo essere stato assunto per decisione politica, sarà definitivamente sussunto dall’intero corpo elettorale del paese. E quindi, occorre soltanto sperare che all’indomani del 5 dicembre si dia un nuovo inizio.

 

Infatti, venti e più anni non sono affatto serviti alla politica e ai politici nostrani per sostenere prima il peso dell’ingresso del paese in Europa e poi, a causa della crescita del debito pubblico e dei deficit annuali, l’uscita dalla crisi. La situazione economica, già seria, è destinata senza rimedio comunque ad aggravarsi a seguito del rialzo dei tassi dell’economia USA, e quindi mondiale; e pertanto temporeggiare non servirà più a nulla.

La crisi dapprima economica, e poi anche politica e istituzionale – per volontà degli addetti ai lavori – ha finito ora per investire anche il corpo elettorale della nazione e l’effetto è stato quello di dimostrare come sia esso stesso diviso. Così che, più che crisi economica politica e istituzionale nel paese, a giudizio di lor signori addetti ai lavori, la crisi sarebbe piuttosto crisi didemocrazia.

La democrazia, è un tema sul quale più volte ci siamo intrattenuti. E in questi anni si è fatto un gran parlare di democrazia, attraverso modelli e forme storicamente possibili di democrazia “diretta”, “rappresentativa” e perfino “autoritaria”.

L’esperienza comune dovrebbe piuttosto insegnarci che la di democrazia diretta è “un’utopia”, ed è quello che Erich Fromm diceva del socialismo: il socialismo o è utopia o non è. La stessa esperienza, giudica nel complesso negativa ogni forma di autoritarismo, se s’intende appunto con questo termine la tendenza a imporre con intransigente fermezza la propria volontà o la propria autorità nei rapporti umani o gerarchici. In definitiva, la storia insegna comunemente che la democrazia o è rappresentativa o non è.

 

Lo schema è dunque semplice: il corpo elettorale elegge i propri rappresentanti e, in base al rapporto fiduciario sancito con l’elezione, i rappresentanti eletti provvedono al governo della cosa pubblica. Al di fuori di questo schema, così riassunto in via dell’unico possibile “principio” democratico al quale occorrerebbe fare riferimento, il sistema politico di ogni sedicente democrazia è e rappresenta – più o meno – soltanto un pretesto.

 Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.