Corpo celeste si avvicina alla Terra, la NASA non l’ha ancora identificato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
La missione di ricerca della NASA denominata NEOWISE (Wide-field Infrared Survey Explorer), deputata allo studio e alla catalogazione di corpi celesti potenzialmente pericolosi per la Terra, ha individuato un misterioso corpo celeste lo scorso 26 novembre: l’oggetto, che dovrebbe avere un diametro compreso tra 500 metri e un chilometro, si sta avvicinando al nostro pianeta (ma non troppo) e mostra caratteristiche intermedie tra quelle di un asteroide e una cometa. Soprannominato 2016 WF9, l’oggetto è scuro e riflette solo una piccola percentuale della luce proiettata sulla sua superficie, caratteristiche che, assieme a quelle dell’orbita calcolata dagli astronomi, lo rendono del tutto simile a una cometa, ciò nonostante la scia di polvere e gas luminoso che caratterizza questi affascinanti corpi celesti è totalmente assente.

Gli scienziati dell’ente americano ritengono che possa trattarsi di una cometa che ha smesso di ‘brillare’: “2016 WF9 potrebbe avere origini cometarie – ha sottolineato James Bauer del Jet Propulsion Laboratory della NASA – ed è un oggetto che illustra quanto possa essere sottile il confine tra asteroidi e comete”. “Forse nel tempo – ha aggiunto lo studioso – 2016 WF9 ha perso la maggior parte delle sostanze volatili che permangono sopra o appena sotto la superficie di questi corpi celesti”.




L’oggetto si sta avvicinando progressivamente alla Terra, e raggiungerà il perigeo (il punto più vicino al nostro pianeta) il prossimo 25 febbraio 2017, a una distanza comunque notevole, circa 51 milioni di chilometri, che ci mette al riparo da qualunque potenziale pericolo. La missione NEOWISE è stata riattivata nel dicembre 2013 dopo aver individuato ben 34 mila asteroidi: nel caso si trattasse di una cometa, 2016 WF9 sarebbe la decima dopo la riattivazione, oppure sarebbe il centesimo asteroide. I mesi scorsi la stessa missione ha scoperto la “cometa di Capodanno”, C/2016 U1 NEOWISE, che avremo la possibilità di osservare soltanto per altri dieci giorni, prima che si inoltri di nuovo verso lo spazio profondo.

La missione di ricerca della NASA denominata NEOWISE (Wide-field Infrared Survey Explorer), deputata allo studio e alla catalogazione di corpi celesti potenzialmente pericolosi per la Terra, ha individuato un misterioso corpo celeste lo scorso 26 novembre: l’oggetto, che dovrebbe avere un diametro compreso tra 500 metri e un chilometro, si sta avvicinando al nostro pianeta (ma non troppo) e mostra caratteristiche intermedie tra quelle di un asteroide e una cometa. Soprannominato 2016 WF9, l’oggetto è scuro e riflette solo una piccola percentuale della luce proiettata sulla sua superficie, caratteristiche che, assieme a quelle dell’orbita calcolata dagli astronomi, lo rendono del tutto simile a una cometa, ciò nonostante la scia di polvere e gas luminoso che caratterizza questi affascinanti corpi celesti è totalmente assente.

Gli scienziati dell’ente americano ritengono che possa trattarsi di una cometa che ha smesso di ‘brillare’: “2016 WF9 potrebbe avere origini cometarie – ha sottolineato James Bauer del Jet Propulsion Laboratory della NASA – ed è un oggetto che illustra quanto possa essere sottile il confine tra asteroidi e comete”. “Forse nel tempo – ha aggiunto lo studioso – 2016 WF9 ha perso la maggior parte delle sostanze volatili che permangono sopra o appena sotto la superficie di questi corpi celesti”.
L’oggetto si sta avvicinando progressivamente alla Terra, e raggiungerà il perigeo (il punto più vicino al nostro pianeta) il prossimo 25 febbraio 2017, a una distanza comunque notevole, circa 51 milioni di chilometri, che ci mette al riparo da qualunque potenziale pericolo. La missione NEOWISE è stata riattivata nel dicembre 2013 dopo aver individuato ben 34 mila asteroidi: nel caso si trattasse di una cometa, 2016 WF9 sarebbe la decima dopo la riattivazione, oppure sarebbe il centesimo asteroide. I mesi scorsi la stessa missione ha scoperto la “cometa di Capodanno”, C/2016 U1 NEOWISE, che avremo la possibilità di osservare soltanto per altri dieci giorni, prima che si inoltri di nuovo verso lo spazio profondo.

Foto di Fratisek_Krejci – Fonte scienze.fanpage.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Secondo alcuni scienziati siamo nel periodo che ci passeranno accanto tanti altri asteroidi per tutto questo anno, come ogni tanto capita, ma nessun ancora si è permesso di cambiare la sua traettoria e cascarci addosso, anche perchè nell’attraversamento con la nostra atmosfera vi resterebbe solo un esile sassolino, poi come si dice tutto è possibile in questo folle 2017, strapieno di nefaste profezie ed iniziato con tragedie che non dimenticheremo mai.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.