Antonio contaminato dall’Uranio in Afghanistan lotta per la vita e per i suoi diritti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Antonio Attianese, 38enne militare di Sant’Egidio del Monte Albino, ex ranger del quarto reggimento alpini paracadutisti, sposato e con due figli,  dopo 35 interventi e 100 ricoveri per essere entrato in contatto con l’uranio impoverito dopo due missioni in Afghanistan sta combattendo con tutte le sue forze anche la battaglia legale per la causa di servizio.

A darne notizia il quotidiano Il Mattino oggi in edicola e che racconta il calvario durato 13 anni dopo il  ‘no’ dal ministero della Difesa per l’assistenza.

Al rientro dalla missione Enduring Freedom Antonio avverte i primi sintomi della malattia: tracce di sangue nelle urine. Si scopre la presenza di un tumore alla vescica, dovuto alla «esposizione a un inquinamento ambientale contenente polveri di acciaio e tungsteno», il metallo pesante presente nelle munizioni.

Oltre al tumore Antonio è costretto a combattere un’altra battaglia quella per far valere i suoi diritti e l’applicazione della e 65/84 dello stato maggiore dell’Esercito, che prevede il «monitoraggio del personale delle forze armate affetto da grave patologia, l’assistenza in campo sanitario, amministrativo, spirituale, psicologico,morale e materiale a favore dei militari e dei loro familiari».

Fonte IlMattino

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. alla famosa COALIZIONE del ca..o che ha aggredito Jugoslavia, Iraq, Afghanistan nonché Libia, Egitto, Siria a guida? … a fare che? … morti causati? … e se verranno mai puniti per i crimini commessi.
    Pure con l’Ucraina ci provano ma là c’è qualcuno che finalmente “e’ ddà n’faccia”

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.