Il ‘reddito di inclusione’ è legge. Sussidio per persone povere (di Luca De Franciscis)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Il Governo avrà sei mesi di tempo per realizzare quanto disposto dalla recente Legge n. 33/2017, per contrastare la povertà e, quindi, occuparsi ad aiutare chi vive in stato di necessità accertata. Dovrà provvedere al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali.

La delega è contenuta nella Legge 15 marzo 2017, n. 33 entrata in vigore il 25-03-2017.

È interessante leggere l’inizio dell’art. 1 che di seguito si riporta: “Al fine di contribuire a rimuovere gli ostacoli economici e sociali che limitano la libertà e l’eguaglianza dei cittadini e il pieno sviluppo della persona, di contrastare la povertà e l’esclusione sociale e di ampliare le protezioni fornite dal sistema delle politiche sociali per renderlo più adeguato rispetto ai bisogni emergenti e più equo e omogeneo nell’accesso alle prestazioni, in attuazione dell’articolo 3 della Costituzione e nel rispetto dei principi della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, il Governo è delegato ad adottare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge uno o più decreti legislativi recanti…(omissis)”.

Il Ministro Giuliano Paoletti ha affermato, che con la nuova normativa si compie un passo storico nel nostro Paese che si dota di uno strumento nazionale e strutturale di contrasto alla povertà.

Si chiamerà Reddito di inclusione (REI) e consentirà di introdurre progressivamente una misura universale fondata sull’esistenza di una condizione di bisogno economico e non più sull’appartenenza a particolari categorie (anziani, disoccupati, disabili, genitori soli ecc.)

Si conferma il cambiamento radicale di orientamento della lotta alla povertà e all’esclusione sociale, attraverso il quale il Governo intende sostituire una serie di misure frammentarie e scoordinate con un quadro d’intervento unitario, fondato su una misura finalizzata a sostenere l’attivazione dei cittadini su percorsi personalizzati di emersione dello stato di bisogno.

Il Reddito di inclusione rappresenterà il pilastro fondamentale del Piano nazionale per la lotta alla povertà e colma un vuoto annoso nel sistema italiano di protezione degli individui a basso reddito, che ci vedeva come l’unico Paese, insieme alla Grecia, privo di una misura strutturale di contrasto alla povertà.

Il Ministro Paoletti spiega, ancora, che il reddito di inclusione è il segno di un nuovo approccio alle politiche sociali, fondandosi sul principio dell’inclusione attiva, ovvero sul vincolo di affiancare al sussidio economico misure di accompagnamento capaci di promuovere il reinserimento nella società e nel mondo del lavoro di coloro che ne sono esclusi. Sarà determinante il ruolo dei Centri di impiego che avranno il compito, tra l’altro, di favorire il collocamento al lavoro delle persone più deboli.

La delega al Governo prevede anche la razionalizzazione delle varie prestazioni sociali e il rafforzamento del coordinamento dei servizi sociali, per garantire in tutta Italia il raggiungimento di standard di qualità nei servizi. Si tratta di aspetti imprescindibili del Piano che servono a dare efficacia agli interventi di sostegno e di accompagnamento delle persone più fragili.

Quando si parla si fare qualcosa per i poveri e di dare un sostegno a chi vive in stato di povertà, non si può fare a meno che esserne soddisfatti.

Da cittadini di questo Stato possiamo ritenere buono e soddisfacente quanto riferito dal Ministro Paoletti e ricordare che la Carta Costituzionale all’art. 2 sancisce: “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”.

E all’art. 3: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Potremmo continuare con l’art. 32 in merito alla “tutela della salute” ma non è necessario perché chi vive da povero fa a meno di tante e tante cose che la nostra Costituzione già contempla; a volte siamo distratti dalla vita quotidiana e non sempre ci soffermiamo a riflettere.

Il Governo e i ministeri dovranno lavorare alacremente e con sollecitudine per realizzare appieno gli intendimenti e gli obiettivi prefissati.

Le persone in grave stato di deprivazione sono tante e non sempre lo lasciano scorgere. Le bollette da pagare, fare la spesa al mercato e scegliere cosa mangiare e quanti pasti fare in un giorno ecc.. Su questo però non ci soffermiamo e lasciamo il campo a chi è preposto a tali considerazioni.

Osserviamo, però, che non sarà facile trovare una legge il più possibile equa per chi vive in stato di povertà. Qualsiasi legge verrà potrà solo alleviare le sofferenze dei poveri e, se tutto sarà fatto bene, potrà figurare come un segno di solidarietà per questi bisognosi, ma sarà già tanto per coloro che vivono in questo stato di deprivazione.

In attesa di leggere come il Governo regolamenterà il tutto diamo, per ora, il ben venuto al reddito di inclusione.

Luca De Franciscis

dottore commercialista

www.studiodefranciscis.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Stanno scopiazzando il reddito di cittadinanza proposto dal M5S per cercare di sopravvivere a questa tornata elettorale, poi aumenteranno l’IVA e altre tasse come l’IMU dato che stanno già proponendo, ma non lo dicono, di rivedere gli estimi catastali con aumento delle rendite del 300%. Come al solito una presa per i fondelli per i cittadini. Infatti, mentre il reddito di cittadinanza costa 17 miliardi, il governo finanzia questa legge con 1,5 miliardi soltanto. Il M5S propone 780 €/mese, quello che l’ISTAT ha dichiarato sia la soglia minima di povertà, per tutti gli indigenti, compreso i pensionati minimi. Il tutto fa il costo sopradetto. Immaginate adesso cosa possono dare con quanto stanziato; un misero caffè e neppure a tutti. In definitiva un’altra mancetta elettorale come i bonus di Renzi che ci sono costati ulteriori 4 miliardi di manovra e che in molti casi si è ripreso indietro

  2. Faccio presente che ci sono molti Italiani/e che vengono sfruttati per 6 giorni su 7 prendendo 800/900 euro quasi sempre senza copertura contributiva.
    Ora mi chiedo non vi sembra immorale dare 780 euro al mese a persone che quasi sempre non vogliono fare i lavori umili e sottopagati(adetti alle pulizie, camerieri, lavapiatti, badanti)?
    Io quasi quasi quasi mi licenzio(perdo 80 euro rispetto ai 780 euro dei denari a 5 stelle), mi sto a casa e prendio i 780 euro.
    Li mandassero a fare almeno servizi di pubblica utilità, le città le spiagge sono sporchissime, basta con l’assistenzialismo sterile del Pd e dei 5 stelle.
    Quindi dico a salernitano64 che alla fine chi lavora e paga le tasse, diventerà più povero dato l’aumento delle tasse(Imu,rendite catastali etc.), i parassiti che prendono soldi senza far niente aumentano.
    W tutti i partiti politici e i Movimenti, W il reddito di inclusione, W l’Italia dei parassiti e degli incapaci.

  3. penso che il reddito di cittadinanza eviterebbe anche a molti italiani di dover accettare di essere sfruttati sei giorni la settimana per 800/900 euro/mese, a me sembra solo un valido motivo in più per appoggiare l’introduzione di un reddito minimo, un passo di civilità contro lo sfruttamento.

  4. 8,50euro!
    il minimo reddito dovrebbe essere cosi,Lordo.
    prendiamo esempio la Germania,dove funziona con Job Center ,Mini Job ,NebenJob.
    fate una ricerca nella costituzione tedesca Voi Politici,Copiate e incollate qualcosa che funziona di sicuro,testato.Il bel paese ha bisogno di un Nuovo Leader. Eletto dal popolo. Oppure di una Struttura Sociale che aiuta il o e´fatta dal Popolo.
    Cadere e rialzarsi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.