Ciao Marco, una vita spezzata a 20anni: Agropoli piange il baby papà

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Marco aveva soltanto 20 anni. Amici, sport, musica, passioni. La vita di Marco Borrelli è stata spezzata dalla follia di chi non accettava la fine della relazione con una donna.

Sui social tanti gli amici di Marco che manifestano il loro dolore per questa vicenda che ha sconvolto una intera comunità.

«Un ragazzo apparentemente duro ma buono di cuore». Così lo descrivono le persone che lo conoscevano. «Una persona generosa e solare». Così come si evince dai tanti messaggi che gli amici hanno lasciato sul suo profilo Facebook per ricordarlo.

Marco aveva conseguito il diploma all’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato di Agropoli.  Lavorava di tanto in tanto con il padre Vincenzo, titolare di un rimessaggio di barche in località Moio.

Sebbene così giovane, Marco era già papà di un bimbo, avuto quando era ancora adolescente. «Mi dispiace tanto amico mio, eri proprio un bravo ragazzo, quando mi vedevi volevi sempre prendere una cosa al bar con me. Sempre con il  sorriso. Ciao Marco, non è un addio ma un arrivederci» scrive su Facebook l’amico Moreno.

Barbara scrive: Ma dove siamo arrivati? Cos’è diventato questo paese? Non si può uccidere un ragazzo di 20 anni! Un ragazzo solare, sempre allegro ed affettuoso… un ragazzo che dovunque ti incontrava correva a salutarti… spero che chi ha fatto questa cosa così brutta paghi… ma paghi soffrendo tantissimo…
Mi macherai tantissimo Marco… con le tue battute… mi mancherà non poterti dire dove hai messo il telefono che ti ho chiamato…
Non doveva succedere
Ciao Marcolì… tvb
Donato: Ciao fratellone non ti dimenticherò mai per tutto il bene che mi hai voluto io ho pensato molto per te ci sono rimasto malissimo all’inizio non ci credevo ad un certo punto o dovuto piangere cosi tanto perché tu ora non ci sarai più sono profondamente dispiaciuto per te sei il migliore ciao Marco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Adesso mi raccomando i soliti noti perbenisti:a questo killer omicida non portiamo rancore,facciamolo integrare,diamogli un lavoro,amore e…..perché non un premio? POVER A NOI E CHE FIN EMM FATT!!!!

  2. vietato parlare della presidentA senza elogiarla, complimenti .. allora ecco pronta la frase “corretta”, quella che secondo le nuove leggi della presidentA è l’unica che si può dire: compliementi all’ottima presidentessa per le sue indubbie doti morali e i suoi notevoli sforzi sociali all’insegna della tutela delle minoranze! così va bene? è politicamente corretto? (ah, se poi la maggioranza ne perde che ci importa, giusto?)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.