Vitalizi, record di accessi al sito della Regione Campania

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
«La pubblicazione dell’elenco dei vitalizi erogati è solo una minima parte della proposta di legge del M5S sui vitalizi, che certamente non ci basta. Ora che i cittadini sanno chi sono i 250 privilegiati a cui la Regione destina ogni anno 11 milioni di euro dei loro soldi, più che mai occorre intervenire per tagliarli e ristabilire un minimo di equità sociale. Altrimenti la pubblicazione è solo una presa in giro. Lo scrive Andrea Pellegrino su Le Cronache

Taglio dei vitalizi fino al 16%, innalzamento dell’età a 66 e divieto di cumulo con altri vitalizi: è il ‘minimo sindacale’ contenuto nella proposta di legge del M5S. Se ad ottobre scorso ci fosse stata la volontà politica di approvarla, adesso la Regione Campania invece di staccare ogni mese 250 assegni di rilevante importo, avrebbe risparmiato in pochi mesi 2 milioni di euro e circa 5 milioni per ogni anno, da destinare ad un fondo per fronteggiare le tante emergenze sociali e ambientali della nostra terra».

Lo dice Valeria Ciarambino, capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale della Campania tornando sulla pubblicazione dell’elenco completo degli ex consiglieri regionali percettori di vitalizio. «Non mi sorprende che ci siano stati numerosi accessi al sito web della Regione Campania – sottolinea Ciarambino – i cittadini percepiscono quegli importi per ciò che veramente sono: assurdi privilegi della casta».

«Leggono nomi blasonati alcuni dei quali anche protagonisti di inchieste giudiziarie – continua – che per aver passato solo 5 anni di mandato in Consiglio e aver compiuto 60 anni intascano assegni sostanziosi, alla faccia di chi sgobba una vita intera». «Poi ci sono i casi di politici che oltre ad intascare il vitalizio regionale – evidenzia la capogruppo – intascano contemporaneamente altri vitalizi come ex parlamentari e magari pure la pensione».

«E’ inaccettabile che De Luca al pari dei suoi predecessori non abbia voluto minimamente intaccare i privilegi – tuona Ciarambino – La Regione Campania è infatti l’unica tra le grandi regioni italiane a non essersi minimamente adeguata all’Ordine del giorno approvato dai presidenti dei consigli regionali ad ottobre 2014, che prevedeva riduzioni dei vitalizi in essere e innalzamento dell’età».

«L’attuale sistema conservato da De Luca è uno schiaffo alla miseria – prosegue – l’esatto contrario della lotta ai privilegi». «Abbiamo sfidato la Giunta De Luca a dimostrare di voler fare la vera lotta ai privilegi chiedendo di calendarizzare e approvare immediatamente la nostra proposta. L’amara realtà è impressa sul sito web istituzionale – conclude Ciarambino – ora vigileremo per evitare l’ulteriore beffa dell’introduzione dei vitalizi pensionistici per gli attuali consiglieri e assessori»

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. sarebbe proprio una bella sterzata da parte del presidente approvare l’abolizione dei vitalizi… uhmm chissà se mai si ravvederà..

  2. Come ci si può aspettare che De Luca, uno dei più forti rappresentanti della casta, possa calendarizzare il taglio del vitalizio o della pensione di chi è stato in consiglio regionale? E’ pura utopia!!!!!!

  3. Tutti questi politici devono ringraziare il cielo, che noi italiani siamo un popolo di pecoroni. In Italia vige un sistema feudale, strutturato a forma di piramide ( vi ricordate quella studiata alle elementari?) dove al vertice ci sono i signori e alla base c’è il popolo. Non c’è nessun paese in Europa , dove politici , vertici aziendali soprattutto pubblici e manager vari che vengono retribuiti come da noi e con tutti i conseguenti privilegi, portati pure in successione. E il popolo cosa fa? Paga le tasse e nel contempo gioca.
    e spera nel superenalotto,al gratta e perdi, ,, lotto,ecc.Intanto la piramide sopra citata,si ingrandisce……..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.