Falsi documenti per Rca scontata su auto Napoli, 36 indagati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Carte d’identità, codici fiscali, visure camerali, certificati di proprietà e altri documenti, tutti falsi, per riuscire a ottenere da agenzie di assicurazioni del Centro e Nord Italia polizze Rca su auto immatricolate nella Provincia di Napoli, risparmiando così migliaia di euro: è la truffa scoperta dalla Polizia stradale di Amaro (Udine), che ha portato la Procura della Repubblica di Napoli a chiedere il rinvio a giudizio di 36 persone per le ipotesi di reato di truffa e uso di falsa documentazione.

La Stradale ha accertato che i contratti stipulati con falsi documenti sono almeno 150, ma il numero delle polizze truffaldine – secondo gli investigatori – sono svariate centinaia.

A stipularle con agenzie delle province di Udine, Padova, Vicenza, Bolzano, Vercelli, Torino, Bologna, Firenze, Isernia e Campobasso sono stati i componenti di un’organizzazione al cui vertice c’era un’intera famiglia napoletana, composta da due fratelli, una loro sorella e la moglie di uno di loro.

Secondo le indagini, dal 2014 il gruppo ‘commercializzava’ polizze Rca per automezzi che, regolarmente immatricolati a Napoli, faceva illecitamente figurare immatricolati in altre province, soprattutto di Udine, dove le tariffe sono estremamente più basse rispetto a quelle partenopee.

L’inchiesta è scattata alla fine del 2015, dopo la denuncia presentata dalla titolare di un’agenzia assicurativa di Tolmezzo (Udine) per una truffa posta in essere nella sua agenzia.

La Polizia ha così scoperto che l’organizzazione riusciva a presentare alle varie agenzie assicurative documenti creati ad hoc (dalle carte d’identità ai codici fiscali, alle visure camerali, ai certificati di proprietà) e carte di circolazione sulle quali erano stati applicati falsi tagliandi che attestavano passaggi di proprietà mai avvenuti a favore di privati residenti nel Centro e Nord Italia.

Tutta la documentazione veniva trasmessa per posta elettronica, per cui fra agenti assicurativi e componenti dell’organizzazione vi erano solo contatti telefonici.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.