La promozione in A dei sanniti diventa il fardello di Lotito che però pensa al bilancio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
La serie B della prossima stagione sarà a tutti gli effetti una serie A2 per il blasone di tanti club prestigiosi, nobili decadute e neo promosse pronte a recitare il ruolo di outsider come fatto da Spal e Benevento nel campionato appena andato in archivio. Si riparte da alcune certezze: il patrimonio di entusiasmo del tifo granata, 11mila tifosi a partita non sono pochi e vanno preservati. Le ambizioni della piazza non più disposta a recitare un ruolo da comparsa soprattutto dopo la massima serie centrata dai cugini sanniti, partiti in B con un anno di ritardo rispetto ai granata proprio per merito della Salernitana di Menichini ma che in un anno hanno bruciato le tappe andandosela a giocare conto Juve, Napoli, Roma,Milan, ecc.

Una squadra, che almeno sulla carta, annovera giocatori importanti per ben figurare. Di contro c’è Lotito che se da un lato rassicura tutti sulle intenzioni di far bene nella prossima stagione dall’altro ha ricordato l’esposizione debitoria del club, un milione e mezzo di euro da ripianare così come gli 800mila euro per l’iscrizione.

E poi quelle frasi sibilline. «Una persona non resta in un posto a dispetto dei Santi. Se resta deve avere almeno la soddisfazione di essere considerato. Le piazze devono cercare di tenersi strette le proprietà solide.Dopo avere portatola Salernitana in B non lavoriamo certo per farla retrocedere». Salerno è grata a questa società per il lavoro svolto ma non per questo non può dire la sua avendo contribuito, e non poco, al bilancio con incassi pesanti al botteghino e con una media di quasi 11mila tifosi a partita. Chiedere di più e meglio non significa mettere alla porta questa proprietà. Chiedere una stagione di vertice non significa minare la solidità di questa società.
Lotito e Mezzaroma, al netto della corsa del multipatron alla carica di presidente della B, sanno bene che non possono permettersi ulteriori passi falsi. Il settimo anno a Salerno della pattuglia dirigenziale romana, il terzo anno tra i cadetti non potrà rispecchiare il solito clichè fatto di false partenze, di errori in fase progettuale salvo poi rimediare in corso d’opera.

Se da un lato Lotito e Mezzaroma hanno riportato Salerno nel calcio che conta una costante ha quasi sempre caratterizzato il cammino con continui valzer di tecnici e calciatori. Un ultimo appunto. Dei 21 calciatori del vivaio giovanile della Lazio soltanto due hanno avuto fortuna in granata: parliamo di Alessandro Tuia e di Minala. Quest’ultimo conosciuto solo nella seconda parte di questa stagione che si è appena conclusa.

Fonte LiraTv

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Immagino che se il saliern venisse in serie A al San Paolo ci sarebbe il record negativo di incassi,perché a Napoli abituati a giocare col Real Madrid,Benfica e Bayern mal sopporterebbero una partita contro una squadra di provincia senza storia.
    Per questo propongo serie A con club che abbiano vinto almeno un trofeo nazionale,per tutte le altre tornei parrocchiali con braciata finale.

  2. X GIGGIN O’ COMPLESS …una domanda : a pugnett’ comm’ stai?!? Fattene qualcuna in più …ciaciacia

  3. La Pro Vercelli tiene + scudetti dei sopracitati eterni secondi ops quest’anno terzi!!!

  4. PER GIGIN U COMPLESS NAPULILL FACCIO PRESENTE CHE IN B AVETE FTTO 65.000 PER CERCARE DI BATTERCI, HO I GIORNALI DOCUMENTATI COGLIONE
    LAZZARO AL 94

  5. Ma sai che record d’incassi al San Paolo contro Vado, Casale e Novese??? Mettiamoci pure i vigili del fuoco di La Spezia che vinsero lo scudetto del’43-44 !!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.