Salerno: i venditori ambulanti presidiano il Comune

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Nuova iniziativa di protesta delle comunità del Senegal e del Bangladesh sotto i portici e di fronte il Comune di Salerno per rivendicare il loro diritto al lavoro. Presidio pacifico cominciato nella mattinata di lunedì e che proseguirà fino al tardo pomeriggio così come preannunciato nei giorni scorsi dal presidente dell’associazione senegalesi Daouda Niang. 

«Incontrammo anche il presidente della Regione Vincenzo De Luca che, in occasione dell’inaugurazione dell’Embarcadero, ci promise che ci avrebbe ricevuti, ma quella telefonata non è mai arrivata». I venditori ambulanti stranieri puntano i piedi per poter lavorare al centro di Salerno dopo essere stati  ‘sfrattati’ da piazza della Concordia. No secco all’idea di trasferimento sul Lungomare Marconi  dove l’amministrazione ha attrezzato un’area dotata di gazebo.

“E’ stato un piacere incontrare gli amici delle comunità senegalesi e bengalesi – ha detto l’Assesore al Commercio Dario Loffredo – Ritengo che il Comune abbia avuto massima disponibilità in tutti gli anni ed in questi mesi – aggiunge – . Oggi ci hanno chiesto di parlare ed io li ho subito incontrati ed in un clima di piena serenità e civiltà abbiamo ribadito le soluzioni dell’Amministrazione Comunale per il problema dei mercatali. Loro ci hanno chiesto di poter fare ulteriori proposte e noi non abbiamo scartato questa possibilità conclude l’Assessore Loffredo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Ma qual’è la differenza con li ambulanti ITALIANI? Perchè non vengono distribuiti presso i mercati rionali che si tengono la mattina come tutti gli ambulanti regolari? No pretendono il posto fisso al centro per tutto il giorno e anche la domenica. Mi sembra una vera discriminazione…al contrario!!

  2. Assessore al posto di fare solo promesse al vuoto fatte cose concrete i venditori ambulanti che sono iscritti alla camera di commercio pagano le tasse come tutti, quindi e un diritto di lavorare onestamente pagando l’occupazione di suolo pubblico, un entrata anche per il comune di Salerno e posti di lavoro anche per altre persone, smettiamola di fare sempre differenza siamo tutti uguali, si sollecita l’amministrazione comunale di Salerno sia la maggioranza che l’opposizione di valutare la situazione in modo corretto nel rispetto delle leggi.

  3. Mi viene spontanea la domanda: ma i vari operatori ambulanti di Salerno decidono loro dove vogliono stare o è il comune a stabilire le aree mercatali? Invece i vari senegalesi, cingalesi e chi più ne ha ne metta vogliono decidere essi stessi dove stare, cioè sul lungomare o sul corso! Ma è questo un paese normale e questa una città normale, dove le regole dovrebbero rispettarle tutti? Ascoltiamo i senegalesi, i cingalesi e tutti gli altri e continuiamo a rifiutare una chiacchierata con un cittadino salernitano che paga pure le tasse! Abbiamo toccato il fondo e …….. stiamo scavando!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.