I dipendenti della PA una risorsa di Stato (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sono 3 milioni e mezzo i lavoratori distribuiti in 13000 enti dello Stato. Lo conferma l’Istat nel primo censimento sulle istituzioni.

La ministra della Funzione Pubblica, Marianna Madia, annuncia: “Entro giugno si apre il tavolo sui contratti”.

Sono impiegati in ministeri e scuole, nelle camere di commercio, negli uffici comunali. La metà di essi sono donne.

Donne che troviamo soprattutto negli ospedali, tuttavia non ricoprono posizioni di vertice e spesso non godono di un contratto fisso. L’Istat in un censimento ufficiale traccia l’identikit del dipendente statale italiano.

Un vero e proprio esercito della pubblica amministrazione in cui i soldati semplici, cioè i precari, sono poco meno di mezzo milione. Ciò significa che all’incirca  il 13% dei pubblici  dipendenti svolge i medesimi compiti dei colleghi, ma vive la incertezza che il proprio contratto possa rinnovarsi.

Il personale a tempo determinato in quattro anni è cresciuto del 5% a fronte di un calo dei dipendenti fissi. La pubblica amministrazione ne ha persi 45000; oltre un terzo degli statali in servizio è concentrato al Sud. E’ al Nord, però, e più precisamente in Val d’Aosta e in Trentino Alto Adige, che si registrano punte di 7 dipendenti pubblici ogni 100 abitanti.

L’Istat nel censimento – d’ora in poi permanente – ha inserito anche le forze armate: sono 490 mila le donne  e gli uomini impegnati.

Troppo spesso denigrati – anche a causa di episodi di malaffare, registrati in diversi enti del Belpaese – i dipendenti pubblici rappresentano la spina dorsale della macchina statale. Sono coloro ai quali ci si interfaccia per la formazione di un figlio, per il rinnovo di un documento, per la istruttoria di una impresa, per curarsi. Sono quelli che garantiscono la sicurezza del cittadino e della intera Nazione.

Al di là degli scandali e dei correttivi, che si avvertono come necessari ancorché opportuni, per rendere più efficiente il lavoro pubblico, sarebbe utile se tutti potessero distinguere e riconoscere il valore di un tale fondamentale servizio.

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.