Vale la penna di_versar (Parole, vino e libertà)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Descrizione del mafioso contemporaneo.
Di Marco Dell’Acqua
Non parla siciliano e non consce lupara e sangue,
il mafioso è lo gnorry, mi spiego meglio.
Il mafioso è l’essere vivente
Che finge di non vedere il bene…
Mafiosa è la maniera e il modo
per trasformare il male in bene personale
È mafioso l’espediente
per tutelare la forma a discapito della sostanza
È mafiosa l’indifferenza,
far finta di niente,
il farsi finta in tutto.
È mafia
il beneficio che si maschera di fortuna,
è non aver dato,
se non il minimo
e poi
essere dove non si è.
E’ mafioso anche,
il panico da consumo
e l’accavallarsi di desideri indecenti
per numero e stupidità,
è la scelta sempre corretta e onesta nella forma,
per bene nel vestito, difendibile in giudizio,
oggi,
questa è la stortura o
meglio: mafiosa bruttura,
Essere mafiosi
è lasciar morire il fiore e l’essenza.
Per far scorrere l’ acqua
è necessaria la collaborazione
anche solo per vedere di guardare
per sentire cosa è che va, che soffia, cosa porta
e poi dove
e magari perché:
la vita,
quella bella ché finisce.
Il mafioso non ha tempo per collaborare
Non conosce solidarietà
se non per mangiare e magagnare.
È fortemente intento,
Intriso a parer suo di un discutibile concetto di eterno
Nessun problema per lui il malcontento,
fosse anche la natura a lamentarsi, il vicino, il parente, l’amante.
Non c’è  tempo per sentire, di guardare di vedere, non c’è botta;
ha fretta al matrimonio di testimoniare
di corrompere prima di pensare
È tardi quasi sempre per
il sogno, l’idea e l’idea di sognare.
Il mafioso ha delle regole per lui
altre se deve consiglio
Parla male e razzola
ingurgita e non stramazza,
ti vuole bene, come un figlio,
ti vuole bene,
ma non ha interesse per dove tu vuoi “apparare”.
Il mafioso è lo gnorry
Che non parla siciliano e non conosce lupara e sangue,
il mafioso contemporaneo
divento io
tutte le volte che resto guardingo
al balcone dello scempio
tutte le volte che non oso cambiare, modificare,
e non lo cerco il marchingegno che possa funzionare
per saltare,
per superare definitivamente questa infamia del negare:
il volo e l’incontro
E l’acqua che scorre
e lo scontro.
Puzza di mafia questa società nostra malata
Come la pacca sulla spalla prima della coltellata.
E non basta stendere fuori i panni
Coccolino è deconcentrato e l’omino bianco è incrociato
Ci vuol coraggio e il proprio sangue
prima che in cattedra
salga ancora quello
quello che non conosce ne lupara, non parla siciliano
E pensa al suo di sangue
alla sua ipotesi di rispetto
mentre il defunto ormai tace.
Zitti tutti è la condizione presente…
Ma oggi nell’aria
c’è un suono assordante e commuovente,
un strano silenzio stanco e arrabbiato
che non parla di pace
ma chiede al cielo
una altra emozione:
rifare tutto e presto,
si chiama Rivoluzione.

 

Fatima Mutarelli

Mail: valelapennasi@gmail.com
Fb: Fatima Mutarelli (ragazza alla finestra)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.