Diele in carcere in attesa del braccialetto: «È provato»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Resta in cella nel carcere di Salerno l’attore Domenico Diele per il quale il gip ha disposto i domiciliari con braccialetto elettronico. Secondo quanto riporta ANSA, lo strumento non sarebbe però disponibile e servirebbero alcuni giorni per reperirne uno.

“La misura cautelare ai domiciliari disposta dal gip – ricorda l’avvocato della famiglia Dilillo, Michele Tedesco – è subordinata all’applicazione del braccialetto”. Solo quando sarà nella disponibilità delle forze dell’ordine, Diele potrà lasciare la Casa circondariale di Salerno per raggiungere l’abitazione romana della nonna.

Attualmente l’attore 31enne è rinchiuso in una cella del reparto transito del carcere di località Fuorni, che divide con altri tre detenuti. “Ho avuto modo di incontrarlo – ha detto all’ANSA il direttore della casa circondariale salernitana, Stefano Martone – è una persona provata da quello che è successo e da quello che ha determinato, lucida però e presente a se stessa”.

L’attore è accusato di omicidio stradale aggravato per la morte di Ilaria Dilillo, sbalzata dal suo scooter dopo essere stata travolta dall’auto guidata dal 31 enne nella notte tra venerdì e sabato.

Capece (Sappe): braccialetti insufficienti

“Non c’era bisogno della mancata scarcerazione di un detenuto eccellente per sapere che le dotazioni dei braccialetti per il controllo dei detenuti ammessi ai domiciliari – costati allo Stato fino ad oggi 173 milioni di euro! – è largamente insufficiente rispetto alle reali necessità. Questo il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE lo denuncia da tempo, ma se riguarda la mancata scarcerazione di migliaia di “poveracci” e di “signor nessuno” la cosa non fa notizia”.

Lo dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, commentando alcuni articoli di stampa odierni.

“Il paradosso più evidente è che i Ministeri di Giustizia e Interno hanno speso 110 milioni di euro in 10 anni per pochissimi braccialetti, mentre ora che ve n’è una primaria necessità – con la messa in prova ed il potenziamento del ricorso alla misure alternative alla detenzione – non ne sono stati acquistati a sufficienza.

E le carceri restano piene di persone che invece potrebbero da subito scontare la pena sul territorio. Il dramma di questo Paese è che nessuno mai paga per questi sprechi e per questi errori. E le emergenze e le tensioni nelle carceri persistono, come sanno bene le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria che con esse convivono tutti i giorni, 24 ore al giorno…”.

Capece rilancia la proposta di affidare al Corpo di Polizia Penitenziaria i controlli dei detenuti ammessi agli arresti domiciliari, ora di competenza di altre Forze di Polizia: “Serve un adeguato incremento di organico del Corpo per favorire proprio il potenziamento dell’impiego di personale di Polizia Penitenziaria nell’ambito dell’area penale esterna.

Per il SAPPE è fondamentale potenziare i presidi di polizia sul territorio – anche negli Uffici per l’Esecuzione Penale esterna: potenziamento assolutamente indispensabile per farsi carico dei controlli sull’esecuzione proprio dei permessi premio, delle misure alternative alla detenzione, sui trasporti dei detenuti e sul loro piantonamento in ospedale. La sicurezza dei cittadini non può essere oggetto di tagli indiscriminati e ingiustificati ma non può essere messa in condizione di difficoltà se non si assumono gli Agenti di Polizia Penitenziaria”.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Sicuramente saranno provati anche i familiari della povera vittima…intervistate anche loro deficienti invece di far passare per vittima lo pseudo attore senza patente

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.