Le misure fiscali 2017 in sintesi: ripasso facile (di Luca De Franciscis)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un ripasso facile e veloce, delle norme utilizzabili per l’anno in corso, è sempre opportuno. A volte può sfuggire che si è ancora in tempo per utilizzare un’agevolazione, come per esempio l’assegnazione agevolata dei beni ai soci o altro, per cui è utile rileggere i titoli delle novità e/o anche le proroghe previste per quest’anno 2017.

Bisogna riconoscere che l’Agenzia delle Entrate e il MEF, negli ultimi tempi, stanno dando notizie in maniera sempre più dettagliata e precisa, così da permettere di comprendere meglio una normativa, com’è quella fiscale, che a volte (per svariati motivi) si presenta difficile da interpretare.

A supporto, e per una immediata lettura della normativa, si segnala il sito del Ministero dell’Economia e delle Finanza, nel quale è possibile leggere 43 schede che illustrano in maniera sintetica, ma chiara, le misure fiscali contenute nella legge di bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232).

Le schede seguono l’ordine delle disposizioni contenute nella legge, con i corrispondenti articoli e commi in ordine crescente per cui è possibile, poi, approfondire passando alla lettura dell’articolo completo, così come riportato nel testo di legge.

La Legge n. 232/2016.

Le schede sono precedute da un indice degli argomenti che facilita la ricerca.

L’indice:

Scheda 1Ecobonus – art. 1, comma 2, lettera a)

Scheda 2 – Bonus ristrutturazioni e bonus mobili – art. 1, comma 2, lettera c) e comma 3

Scheda 3 – Credito d’imposta per strutture ricettive turistico-alberghiere – art. 1, commi da 4 a 7

Scheda 4 – Proroga super ammortamento per i beni materiali strumentali e iper ammortamento per quelli altamente tecnologici e il software – art. 1, commi da 8 a 13

Scheda 5 – Potenziamento del credito d’imposta per ricerca e sviluppo – art. 1, commi 15 e 16

Scheda 6 – Regime di cassa per imprese in contabilità semplificata – art. 1, commi da 17 a 23

Scheda 7 – Introduzione dell’istituto del gruppo iva – art. 1, commi 24-25-26-29-30

Scheda 8 – Liquidazione iva di gruppo – art. 1, commi 27-28-30

Scheda 9 – Modifica imposizione sui trasferimenti immobiliari nell’ambito di vendite giudiziarie – art. 1, comma 32

Scheda 10 – Aliquota iva del 5 per cento per i servizi di trasporto di persone effettuati per via marittima, lacuale, fluviale e lagunare – art. 1, commi da 33 a 35

Scheda 11 – Noleggio a lungo termine per agenti e rappresentanti di commercio – art. 1, comma 37

Scheda 12 – Facoltà di pagamento cumulativo della tassa automobilistica regionale a favore di ciascuna regione o provincia autonoma competente – art. 1, commi 38 e 39

Scheda 13 – Proroga sospensione aumento tributi locali e regionali – art. 1, comma 42, lettera a)

Scheda 14 – Tasi proroga maggiorazione – art. 1, comma 42, lettera b)

Scheda 15 – Proroga percentuali di compensazione iva – art. 1, comma 45

Scheda 16 – Esclusione delle società di gestione dei fondi comuni d’investimento dell’applicazione dell’addizionale all’Ires del 3,5 per cento – art. 1, comma 49

Scheda 17 – Contributo per l’acquisto di beni mobili strumentali da parte di soggetti che effettuano distribuzione gratuita di prodotti – art. 1, commi da 59 a 64

Scheda 18 – Start-up innovative – art. 1, commi 66 e 67

Scheda 19 – Piccole medie imprese innovative – art. 1, comma 68

Scheda 20 – Perdite fiscali di imprese neocostituite partecipate da società’ quotate – art. 1, commi da 76 a 80

Scheda 21 – Agevolazione per investimenti di lungo termine nel risparmio previdenziale – art. 1, commi da 88 a 96

Scheda 22 – Piani di risparmio a lungo termine (pir) – art. 1, commi da 100 a 114

Scheda 23 – Stabilizzazione agevolazioni fiscali per il rientro di professori e ricercatori – art. 1, comma 149

Scheda 24 – Estensione e potenziamento del regime speciale per lavoratori impatriati– art. 1, commi 150 e 151.

Scheda 25 – Imposta sostitutiva sui redditi prodotti all’estero realizzati da persone fisiche che trasferiscono la propria residenza fiscale in Italia – art. 1, commi da 152 a 159

Scheda 26 – Detassazione premi di produttività e welfare aziendale – art. 1, commi da 160 a 162

Scheda 27 – L’anticipo finanziario a garanzia pensionistica – art. 1, commi da 166 a 178

Scheda 28 – Ape sociale – art. 1, commi da 179 a 186

Scheda 29 – Rendita integrativa temporanea anticipata – rita – art. 1, commi da 188 a 192

Scheda 30 – No tax area pensionati – art. 1, comma 210

Scheda 31 – Detrazione per erogazioni liberali in favore degli istituti tecnici superiori – art. 1, comma 294, lettera a)

Scheda 32 – Premio alla nascita – art. 1, comma 353

Scheda 33 – Prescrizioni in materia di sistemi di tracciamento e misurazione per autobotti e bettoline – art. 1, comma 535

Scheda 34 – Disposizioni per i destinatari registrati in materia di accisa – art. 1, comma 535, lettera b)

Scheda 35 – Depositi fiscali – art. 1, comma 535 lettera e)

Scheda 36 – Imposta sui redditi d’impresa – art. 1, commi 547 e 548

Scheda 37 – Revisione della disciplina in materia di aiuto alla crescita economica (ace) – art. 1, commi da 550 a 553

Scheda 38 – Rivalutazione dei beni d’impresa – art. 1, commi da 556 a 563

Scheda 39 – Assegnazione agevolata dei beni ai soci – art. 1, comma 565

Scheda 40 – Estromissione dal regime d’impresa dei beni immobili strumentali posseduti dall’imprenditore individuale – art. 1, comma 566

Scheda 41 – Note di variazione in caso di assoggettamento a procedure concorsuali del debitore – art. 1, comma 567

Scheda 42 – Credito d’imposta fondazioni bancarie – art. 1, commi da 578 a 581

Scheda 43 – Agevolazione fiscale per la frequenza di scuole dell’infanzia e della scuola secondaria– art. 1, comma 617

E’ possibile visionare le singole schede (come innanzi elencate) che contengono una precisa sintesi della misura fiscale che interessa:

Ad esempio sulla scheda n. 2 intitolata: “Bonus ristrutturazioni e bonus mobili” si legge:

La descrizione – Art. 1, comma 2, lettera c) e comma 3.

  • Proroga al 2017 delle detrazioni per interventi di ristrutturazione edilizia e per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.
  • Con riferimento all’adozione di misure antisismiche, la detrazione:

1) spetta nella misura del 50 per cento delle spese sostenute dal 2017 al 2021, fino ad un ammontare delle stesse non superiore annualmente a 96.000€, relativamente agli edifici ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 destinati ad abitazione, anche non principale, e ad attività produttiva;

2) spetta nella maggior misura del 70 per cento delle spese sostenute dal 2017 al 2021 per interventi che determinano il passaggio ad una classe inferiore di rischio sismico ovvero dell’80 per cento se gli interventi realizzati determinano il passaggio a due classi inferiori di rischio sismico; spetta nelle maggiori misure, rispettivamente, del 75 e dell’85 per cento, su un ammontare delle spese non superiore a 96.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio, se i predetti interventi sono realizzati sulle parti comuni condominiali;

3) spetta anche con riferimento alle spese effettuate per la classificazione e la verifica sismica degli immobili;

4) è ripartita in cinque quote annuali di pari importo

L’obiettivo – la realizzazione di interventi di ristrutturazione edilizia e l’adozione di misure antisismiche

I destinatari – Persone fisiche

I tempi

  • Anno 2017
  • Dal 2017 al 2021 per l’adozione di misure antisismiche

Per approfondire:

Luca De Franciscis

dottore commercialista

www.studiodefranciscis.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.