Mare rovente, rischio alghe tossiche per l’uomo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ma il caldo eccezionale di questi giorni si sente anche in mare? Pesci e alghe soffrono pure loro per l’afa? La risposta è sì, spiega il biologo marino Marco Faimali, del Cnr di Genova. Che avverte: siamo al limite, se questo caldo continua, si avranno danni all’ecosistema marino. E c’è anche il rischio che le alte temperature facciano prosperare alghe tossiche per l’uomo.

“Siamo in un momento di attenzione – spiega Faimali -. La temperatura del mare è più calda dal solito da mesi. La riproduzione di molte specie è avvenuta con un mese, un mese e mezzo di anticipo. Le meduse sono arrivate prima, in primavera. Siamo al limite. Se il clima torna subito alla normalità, con piogge e mareggiate, non ci saranno conseguenze. Ma se persiste il caldo, avremo dei danni all’ecosistema, in primis a gorgonie, coralli e altri organismi filtratori, come le cozze.

I pesci si possono spostare verso acque più fresche, in profondità o in mare aperto, questi organismi no. Stiamo monitorando la situazione”. “La moria delle gorgonie sarebbe la prima conseguenza del caldo eccessivo in mare – continua il ricercatore -.

Il corallo non dovrebbe subire gli effetti disastrosi di sbiancamento che si sono verificati in Australia, a causa del riscaldamento globale. Però di certo andrebbe in sofferenza. La stessa sofferenza delle cozze e di altri organismi filtratori. E poi, con le alte temperature potrebbero prosperare le alghe tossiche, come la ostreopsis ovata”. Piante che provocano dermatiti, congiuntiviti e problemi respiratori nei bagnanti.

Per Faimali, i danni a flora e fauna marine dovuti all’estate rovente non sono necessariamente permanenti. “L’ecosistema poi recupera in autunno, ritrova il suo equilibrio – spiega -. Una singola stagione calda non cambia le cose”. Ci sono però cambiamenti più duraturi e rischiosi.

“Esiste una tropicalizzazione del Mediterraneo, di lungo periodo, dovuta al cambiamento climatico – dice lo studioso -. Specie animali e vegetali del sud del Mediterraneo sono ormai stanziali anche al nord. L’esempio più eclatante è il barracuda, che oramai è comune anche a Portofino.

Ma anche l’alga Caulerpa”. I pescatori delle Tremiti questa estate segnalano che l’acqua è più pulita, perché il Po in secca scarica meno sedimenti. Per il ricercatore però è solo un fenomeno passeggero: “Quando torneranno le piogge, la situazione tornerà come prima”.

Fonte ANSA (di Stefano Secondino)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.