Salerno: «Minacce implicite dai posteggiatori abusivi», svolta giuridica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
I giudici del tribunale del Riesame hanno depositato ieri le motivazioni dell’ordinanza con la quale hanno annullato per mancanza di prove una serie di provvedimenti attraverso cui erano finiti agli arresti 35 presunti parcheggiatori abusivi operanti nelle zone del centro della città di Salerno.

Per nove di loro i giudici (presidente Gaetano Sgroia,a latere Nicola Marrone e Dolores Zarone) hanno ritenuto che un solo episodio non fosse sufficiente a tenerli ristretti. In realtà i giudici hanno riconosciuto ad alcuni di loro il reato di estorsione impropria.

La novità sta nel fatto che nelle motivazioni depositate ieri dal giudice relatore Gaetano Sgroia  si sottolinea come  come la posizione del parcheggiatore abusivo sia ben diversa da quella del mendicante: se davanti a quest’ultimo si può tirare diritto senza timore di ripercussioni, le richieste del posteggiatore sono invece rafforzate dal fatto che nel suo raggio d’azione si lascia la propria autovettura.

Quando il parcheggiatore abusivo si avvicina chiedendo denaro – scrive La Città oggi in edicola -, la minaccia è in re ipsa . Una “minaccia implicita” l’hanno definita i giudici del Tribunale del Riesame, argomentando così la decisione di confermare per i posteggiatori arrestati lo scorso luglio i gravi indizi del reato di estorsione.

Le motivazioni del Riesame chiariscono che per chi è stato rimesso in libertà la valutazione si è fondata non su una messa in discussione dell’ipotesi di reato ma sulla ritenuta insussistenza di esigenze cautelari.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Dovremmo forse credere che finalmente li condanneranno e non avremo più parcheggiatori abusivi a Salerno? Faccio notare che uno degli arrestati e (a quanto dice l’articolo) futuri condannati, ieri pomeriggio stava “in servizio” davanti all’ospedale san leonardo, che da anni è il suo “posto di lavoro”.

  2. Un altro lavora presso la nuova Cittadella giudiziaria in attesa sulla panchina sotto gli alberi, non appena vede la vittima di turno si avvicina all’improvviso pretendendo il pagamento

  3. “SAPIENTI” giudici del “RIESAME” augurandovi di NON INCAPPARE MAI IN UNO DI QUESTI POARCHEGGIATORI ABUSI da Voi DISCOLPATI, VI NOTIFICO CHE CON LA MERITORIA AZIONE DELLE F.O. PROVVEDENDO ALL’ARRESTO, SALERNO, per alcuni giorni & ripeto SOLO PER ALCUNI GIORNI E’ STATA PIU’ VIVIBILE IN RELAZIONE AI PARCHEGGI, ma, ATTUALMENTE, grazie A VOI, I PARCHEGGIATORI ABUSIVI HANNO RIPRESO NUOVAMENTE L’ATTIVITA’ ILLECITA & IL LAVORO DELLA POLIZIA MUNICIPALE, grazie A VOI, HA PRODOTTO ULTERIORE DANNI ALLA COLLETTIVITA'(vedi uomini impegnati ed eventualmente pagati a STRAORDINARIO – INUTILE PERDITA DI TEMPO ect. ect.) NON CENSURARE, grazie

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.