Assicurazioni e polizze ingannevoli sullo sconto, la sentenza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Le compagnie assicurative propongono dei contratti Rca per nulla convenienti, la sentenza del giudice di pace di Salerno, il dottor Giordano, frena la cattiva tendenza.

Si sta diffondendo la pratica da parte di importanti compagnie di assicurazioni di far sottoscrivere ai propri clienti dei contratti per la Rca con i quali, in cambio di un vantaggioso sconto sul premio pari al 3.5% del prezzo totale, viene inserita una penale di 580 euro se l’assicurato violi una clausola inserita nel contratto, cioè la “clausola della conciliazione paritetica-privato”.

Il tranello sta proprio nell’impossibilità di poter attingere alla giustizia ordinaria, ma avvalersi di una commissione di conciliazione. Quindi, è stata dichiarata nulla la clausola sulla “conciliazione paritetica” poiché vessatoria, irrituale e violante del principio costituzionale del diritto di difesa e di equilibrio tra le parti.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ritiene che la clausola sia vessatoria e l’Ivass ha espressamente invitato le imprese d’assicurazione che hanno aderito alla procedura di conciliazione paritetica a dare informativa scritta non solo in ordine alla possibilità di attivare la citata procedura ma anche sulle relative modalità.

Inoltre, è inesistente la commissione per la conciliazione paritetica, non essendo indicata neppure nelle condizioni generali di contratto, né tantomeno vengono indicate le modalità di adesione e/o eventuali recapiti ai quali inviare una potenziale ma mai positivizzata richiesta.

Sono molti i consumatori già danneggiati da questa procedura che sono stati costretti a rinunciare ad avvalersi della giustizia ordinaria, è bene che la notizia si diffonda e metti in guardia tutti dal sottoscrivere un contratto per nulla assicurativo. Lo scrive il quotidiano Le Cronache oggi in edicola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Io mi chiedo, per quale motivo dopo 20 anni di patente, con 0 sinistri in tutta la mia vita…1a classe…debba pagare anche il 30/40% in più rispetto ad uno che vive al nord…
    Questa è discriminazione territoriale!!!!! O vale solo per i cori beceri contro i tifosi del Napoli?
    Mi rendo conto che si è sempre pensato alla forma e poco alla sostanza…e invito qualche avvocato a denunciare il problema alla corte europea dei diritti dell’uomo, perché io salernitano sono oggetto di discriminazione da quando sono nato!!!!!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.