Sgominata banda ladri: con una foto si riproducevano chiavi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Metteva a segno furti in abitazioni, gioiellerie e parcheggi, la banda sgominata oggi dalla Squadra Mobile di Napoli che ha eseguito otto misure cautelari nei confronti di altrettante persone.

Dalle indagini è emerso che la banda aveva a disposizione mezzi e uomini con una elevata preparazione tecnica in grado di consentire la riproduzione di chiavi di complesse serrature. Per realizzarle veniva utilizzato un software che acquisiva i dati necessari per la duplicazione anche da una semplice fotografia. Questo consentiva di evitare che le serrature venissero scassinate.

Il bottino, perlopiù preziosi, veniva poi ‘piazzato’ vendendolo a gioiellerie compiacenti. La banda studiava accuratamente i propri obiettivi, con sopralluoghi e studiando orari e abitudini delle vittime. Il gruppo criminale faceva capo a Salvatore Imperiale, 47 anni: a riprodurre la chiavi, invece, era un esperto fabbro, Mario Tedeschi, 46 anni. Sua moglie, Loredana Brancaccio, faceva da ‘ufficiale di collegamento’ con gli altri componenti la banda e con il capo.

Al capobanda, e ad un altro componente il gruppo, Ciro Rubino, la Squadra Mobile ha sequestrato chiavi per aprire serrature blindate, una torcia, i telefoni cellulari in uso ad entrambi, uno smartphone contenente numerose foto di serrature e chiavi e alcuni video con le persone impegnate ad aprire portoni di ingresso di vari fabbricati, e le foto di chiavi blindate.

Dall’acquisizione di questo materiale, gli investigatori, sono poi risaliti alla banda che agiva in prevalenza nel quartiere Vomero-Arenella di Napoli. La Squadra Mobile ha sequestrato tutto il materiale che la banda utilizzava per i furti: il sistema di riproduzione, le chiavi, gli arnesi, i chiavini e i chiavistelli.

I destinatari delle misure cautelari, emesse dal gip di Napoli su richiesta della Procura sono: Salvatore Imperatore, Ciro Rubino Ciro, Mario Tedeschi, Renato Rusciano, Lucia Mattiello, Loredana Brancaccio, Fabio Storto e l’ucraino Sergio Kobzar.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.