Marian e Osato, hanno nome due delle 26 migranti morte

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Hanno un nome due delle ventisei giovanissime migranti arrivate morte a Salerno domenica scorsa nel ventiduesimo sbarco al porto. Marian Shaka era nata in Nigeria il 7 febbraio 1997, aveva solo vent’anni. Il suo corpo è stato riconosciuto dal marito Sule Shaka. La stessa età aveva Osato Osaro, anche lei nigeriana, identificata dal fratello. Finora i loro corpi erano contraddistinti solo da un cartellino con un numero.

Ad ogni ragazza corrisponde una cifra, che le renda identificabili: Marian era la numero 2, Osato la 8. Una procedura inevitabile, ma che aggiunge dolore ad altro dolore.

Da piccoli particolari si possono, forse, raccontare delle storie, ipotizzare sogni, ideali, speranze di queste tante giovanissime donne che rimarranno, probabilmente, intrappolate in un numero, senza alcun altro segno di riconoscimento.

Erano bellissime, racconta chi ha avuto modo di vederle, molte di loro, e nonostante tutte le sofferenze, erano ben curate, con capelli perfetti e smalto sulle unghie. Vestite all’occidentale, jeans e maglietta, come le ragazze di oggi.

Alcune indossavano due pantaloni, due slip, due t-shirt, presumibilmente come ricambio da portare con sé, altre, invece, non avevano la parte di sopra degli indumenti, probabilmente deterioratasi durano il naufragio. La pista più probabile della loro morte, intanto, resta quella dell’annegamento. Domani il pool di medici legali, coordinato dal professor Antonello Crisci, porterà al pm Luca Masini della Procura della Repubblica di Salerno i risultati degli esami effettuati sui corpi delle giovani.

Nel frattempo, Salerno si prepara al funerale solenne che verrà celebrato nei prossimi giorni. Ancora nessuna conferma sulla data in quanto bisognerà attendere disposizioni dalla Procura. I funerali, che verranno celebrati in forma pubblica, si terranno sull’ossario del cimitero monumentale della città e saranno organizzati dal Comune.

In quell’occasione – come già annunciato nei giorni scorsi – il sindaco Vincenzo Napoli proclamerà lutto cittadino, “come segno doveroso di dolore e commiato nei confronti di queste giovanissime ragazze che hanno trovato la morte in una delle ennesime tragedie del mare. Faremo in modo che sia una celebrazione di semplicità assoluta, di eccezionale sobrietà ma, nei limiti del possibile, di grande solennità”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.