Eboli: Consiglio Comunale vota contro nuovi impianti per trattamento rifiuti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ferma contrarietà del Consiglio Comunale di Eboli a nuovi impianti per il trattamento dei rifiuti, pubblici e privati. E’ questo il tema portante del documento votato a larghissima maggioranza nella seduta consiliare di lunedì sera, con il voto giunto quasi all’alba, a dimostrazione di quanto sia sentita la questione rifiuti nel civico consesso ebolitano. La posizione di opposizione a nuovi impianti è stata votata dalla maggioranza del sindaco Cariello e dalle opposizioni di Pd e MDP, mentre i due consiglieri di Forza Italia e di Eboli 3.0 hanno votato contro.

Una contrarietà, quella del consiglio comunale, che il primo cittadino di Eboli porterà nei due appuntamento regionali del 29 novembre e del 19 dicembre, quando si discuterà di ipotesi di insediamento in area PIP e di ampliamento del biodigestore. «Una posizione di ferma contrarietà – spiega il sindaco, Massimo Cariello – che ha visto impegnata la maggioranza consiliare ed anche una parte dell’opposizione, quella rappresentata dai consiglieri di Pd e MDP, che ringrazio per l’impegno e la sensibilità.

Voglio anche ringraziare cittadini, associazioni e comitati sia di Eboli, che di Battipaglia, per l’attenzione e l’impegno, così come gli esponenti dell’Amministrazione Comunale di Battipaglia e la rappresentanza dei consiglieri comunali che hanno partecipato e contribuito al Consiglio Comunale di Eboli. Stiamo valutando con gli uffici come strutturare il nostro dissenso, sapendo che una soluzione va comunque ricercata e puntando su tecnologie e sicurezza, sapendo che in ogni caso un impianto di compostaggio è sempre una soluzione preferibile rispetto ai vecchi Stir che stipano rifiuti per lungo tempo».

Insieme con i due appuntamenti regionali del 29 novembre e del 19 dicembre, Eboli guarda anche ad una grande assemblea. «Stiamo pensando ad un consiglio monotematico congiunto con i Comuni che si affacciano sul nostro territorio e sono interessati agli impianti. Vogliamo, come abbiamo fatto nel Consiglio di Eboli, arrivare ad una sintesi possibile che metta insieme tutti e dia più forza alle posizioni della Piana del Sele, partendo dalla contrarietà del Consiglio Comunale di Eboli all’ipotesi di realizzare nuovi impianti che si aggiungano a quelli esistenti per il trattamento dei rifiuti».

Attenzione per le verifiche è stata chiesta dal presidente del Consiglio comunale di Eboli, Fausto Vecchio: «E’ necessario operare verifiche attente, perché la realizzazione di nuovi impianti rischia di incidere negativamente sui piani di sviluppo delle città e dei territori. Per quanto riguarda la richiesta di realizzare un nuovo impianto da parte di un privato, anche se dovesse rivelarsi un’iniziativa compatibile con il sistema di trattamento dei rifiuti, di certo non potrà essere ospitata nell’area indicata, dove colliderebbe con le iniziative di rilancio industriale della zona e della città».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.