Rapporti non protetti con prostitute, numeri choc tra Napoli e Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Lui si chiama Andrea Morniroli, è torinese, è un volontario di una cooperativa (la Dedalus) e consulente della Regione Campania consulente in materia di immigrazione e organizzazione dei servizi territoriali di accoglienza e assistenza sanitaria agli immigrati nell’ambito del progetto-Demetra. Morniroli ha reso la sua testimonianza nell’ambito del convegno “Salute dei migranti – Accoglienza ed integrazione”  realizzato dall’Asl di Salerno. A riportare l’argomento il sito web LaDenuncia.it

“I nostri interventi – ha detto – rivestono importanza elevata in quanto sono oramai rivolti non solo alle marginalità ed alle vulnerabilità estreme che abbiamo sempre conosciuto (tossicodipendenze, senza fissa dimora, prostituzione, tratta) ma riguardano anche categorie sempre più ampie e non tradizionali: oggi in strada tra i senza fissa dimora in particolare a Napoli ma anche a Salerno troviamo moltissimi migranti che hanno alle spalle un progetto migratorio di successo nel centro nord ma che a causa della crisi hanno perso lavoro e casa e che vengono al sud perché qui anche in condizione di estrema povertà si riesce a sopravvivere. Persone che si sentono fallite, che preferiscono dormire nei cartoni piuttosto che relazionarsi con i servizi”.

Continua: “Da volontario due volte alla settimana esco con la nostra unità mobile di strada e vado alle ‘rotonde’ dove, come nella Piana del Sele, ci sono i lavoratori che attendono la chiamata per un impiego a giornata. Da Soccavo a Pianura, su tre chilometri di strada, ogni mattina vi sono circa 300 migranti che aspettano le chiamate per l’agricoltura, la piccola edilizia ed i privati che, ad esempio, hanno bisogno di braccia per traslochi o per svuotare cantine.

Il loro compenso è di 20 euro a giornata. Persone che se hanno la bronchite preferiscono non curarsi per non rimanere alcuni giorni fermi. In quelle stesse rotonde, negli ultimi due mesi abbiamo registrato la presenza di 25 giovani italiani che ogni mattina sperano di essere scelti e quindi di salire sui camioncini sottostando alle stesse modalità che valgono per i lavoratori migranti”. Poi la rivelazione più forte: “Mi occupo molto del fenomeno della prostituzione.

Vi dico che se a Napoli o a Salerno ogni sera circa 400 persone tra uomini, donne e transessuali si vendono sulla strada, tra cui molte vittime della tratta, vuol dire che vi sono 2.500 -3.000 mila uomini che cercano sesso a pagamento, di cui l’80% cerca rapporti non protetti ed è disposto a pagare il triplo pur di ottenere questa prestazione. I nostri interventi di assistenza sanitaria a chi si prostituisce in strada servono quindi anche alle mogli ed alle fidanzate italiane i cui compagni sono potenziali clienti: ecco il nesso tra l’ultima prostituta nigeriana e la signora della Possillipo-bene.

Con un investimento di 100mila euro per interventi di prevenzione sanitaria e dei rischi in strada si riescono a contattare nella sola Napoli mille persone all’anno (tossicodipendenti, senza fissa dimora, prostitute, vittime di tratta). Se con questo nostro intervento riuscissimo ad assicurare che anche solo il 5% non si contagiasse con l’HIV, il sistema sanitario regionale risparmierebbe 1,3 milioni all’anno”.

Morniroli cede quindi ad una analisi politica: “In Italia si rischiano scelte fatte sulla narrazione del fenomeno dell’immigrazione e non sulla conoscenza dello stesso. Una società strutturata sulle paure e sul rancore e non sulla cura e sulla mediazione regala questo malessere a chi lo sta sfruttando sul mercato del consenso elettorale e che propone scenari che non permettono di intravedeere nessun futuro possibile”.

FONTE LA DENUNCIA.IT

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.