Salerno, minori immigrati senza accompagnatori, Natella (Psi): Sistemazione difficile

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Il Consigliere Comunale Massimiliano Natella Capogruppo PSI Presidente Commissione III  – Annona e Turismo del Comune di Salerno, in una nota torna sul problema sistemazione minori Immigrati senza Accompagnatori.

La decisione di sistemare gli immigrati in una struttura privata ad Ogliara, parco Galdi, è assolutamente – scrive Natella  – non semplice da adottare e sconsigliabile per una serie di motivazioni.

Il parco Galdi, a parte i problemi tecnici di qualsiasi tipo da esaminare, presenta problemi di natura logistica: è situato in collina, appartato rispetto al centro del rione, a diretto contatto con le alture circostanti, che arrivano fin sul Monte Stella ed offrono una facilissima via di fuga per un minorenne trapiantato in un paese che non conosce e magari non accetta. Difficili, pertanto, le ricerche da parte di eventuali sorveglianti della struttura e con pericoli di vario genere per i residenti.

Inoltre problemi di tutela del territorio e dei residenti: i rioni collinari tutti sono privi di una efficace tutela da pericoli di delinquenza spicciola o organizzata, le richieste di video sorveglianza sono cadute almeno fino ad oggi inascoltate, lo stesso Capo della Questura li richiede per il centro città, dimenticando che i rioni collinari, parte assolutamente non piccola della città di Salerno, esposti come sono ad ogni forma di delinquenza e ad ogni tipo di fuga dai luoghi, meritano davvero ogni cura da parte dell’Amministrazione comunale, come da parte delle Forze dell’ordine.

Come si può pensare di esporre i residenti di Ogliara e dei rioni tutti a pericoli nuovi in assenza assoluta di qualsivoglia rete di protezione: gli immigrati sono dei minori, ma nessuno sa delle loro abitudini, tendenze, desideri od altro.

Come pure, essendo in età scolare, non si può pensare di immetterli eventualmente in alcuna scuola sia del territorio collinare, sia del centro città senza un adeguato supporto di insegnanti di sostegno, come purtroppo già avvenuto in qualche comune viciniore.

I cittadini che protestano vanno compresi e assolutamente non da condannare: essi non sono razzisti, epiteto facile da applicare in tali frangenti, essi sono evidentemente impreparati a tale evenienze, sconcertati e sgomenti di fronte ad un futuro senza prospettive sicure.

Non razzismo, dunque, ma giusta apprensione per le problematiche prima evidenziate.

D’altra parte, sono sicuramente incomprensibili le decisioni assunte dai proprietari delle strutture del parco Galdi; quali sono le motivazioni di tale concessione: di ordine umanitario, di desiderio di realizzazioni economiche? Qualunque siano i loro desiderati essi avevano l’obbligo di informarne i loro concittadini dal momento che, se proventi da questa operazione, di tipo economico o di altra natura, rimangono ovviamente ad essi, le conseguenze di qualsiasi altra natura ricadono esclusivamente sui loro concittadini.

Si è in attesa di decisioni tecniche sull’opportunità di tale destinazione per gli immigrati da sistemare: nessuna decisione tecnica sul sito, sul tipo di fogne, sugli accessi, può comunque prescindere dalle considerazioni esposte, che meritano di essere tenute in considerazione con prioritaria attenzione; l’assenza di una qualsivoglia comprensione delle angustie e delle preoccupazioni allarmate dei residenti aprirebbe lastrada a insubordinazioni di ogni tipo e alla deflagrazione di denunce del già non ottimale livello sociale di vita.

Il problema immigrazione, si sa, affligge anche Salerno come altri comuni della provincia, ma ogni decisione deve essere ben ponderata e assolutamente non assunta senza le considerazioni delle problematiche che si ingenerano nel corpo sociale, soprattutto se le dislocazioni di immigrati possono essere indirizzate in zone isolate e già afflitte da antichi problemi.

In conclusione, nessuna accusa si levi contro i residenti di Ogliara, ad essi sono sicuramente solidali tutti gli abitanti dei rioni collinari, coinvolti nello stesso tipo di preoccupazioni, i quali sicuramente sono anche comprensivi della sorte misera di tante persone sfortunate, soprattutto dei bambini lasciati soli al mondo da un destino crudele e cieco.

Si abbia, comunque, da parte delle Istituzioni la necessaria comprensione per giuste paure e non si perda l’occasione di dare risposte sicure all’insicurezza quotidiana di queste popolazioni.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. A questo punto dell’invasione, dato il numero dei nostri “ospiti” e soprattutto dato quello che quotidianamente combinano (vedi cronache locali e nazionali ) , la loro sistemazione non è difficile, È IMPOSSIBILE!
    Chiaro? E sappiate che continua in modo silenzioso e senza pubblicità l’invasione e gli sbarchi, so

  2. A questo punto dell’invasione, dato il numero dei nostri “ospiti” e soprattutto dato quello che quotidianamente combinano (vedi cronache locali e nazionali ) , la loro sistemazione non è difficile, È IMPOSSIBILE!
    Chiaro? E sappiate che continua in modo silenzioso e senza pubblicità l’invasione e gli sbarchi, solo che adesso li tengono nascosti , dato che anche i buonisti ed i pro-invasion hanno cominciato ad aprire gli occhi. Questo commento sarà sicuramente censurato, come altri simili, mi spiegate perché? La verità è scomoda, anche se è sotto gli occhi di tutti? Vabbene , allora continuare a dire che va tutto bene, che siamo città europea, che l’occupazione cresce, che la città è sicura, ci sono soldi e benessere per tutti e funziona tutto alla grande, queste sono le notizie da divulgare vero?

  3. Ieri sera nel programma tv di Santoro da una attrice hanno fatto ripetere il pensiero della giornalista scomparsa Fallaci mi ha colpito il passaggio in cui diceva bisogna avere il coraggio di di dire sono razzista peche e il sistema di societa che ci hanno imposto che c e l ho fa diventare non perche lo siamo

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.