La Salernitana si ferma al palo: con la Pro Vercelli è solo 0-0

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
Non si arresta l’emorragia di punti in casa granata. Un pareggio che ha il sapore di sconfitta per la Salernitana che voleva i tre punti contro una rimaneggiata Pro Vercelli. Buon approccio alla gara dei campani che con Bocalon non concretizzano un paio di buone incursioni. Poi esce la Pro Vercelli e Radunovic salva su uno strepitoso Raicevic. Colantuono si innervosisce e dice qualche parola di troppo all’arbitro che lo espelle nel finale di tempo. Nella ripresa dopo un bel destro di Palombi salvato dall’estremo piemontese, l’ingresso di Rosina sembra cambiare la dinamica del match.

Proprio il numero 10 granata su punizione centra un doppio palo incredibile con la sfera che passeggia sulla linea a Pigliacelli battuto. Lo stesso ex Torino manda alle stelle una buona occasione un minuto dopo. La Pro Vercelli punge in contropiede, pericoloso con l’esperto Reginaldo e un vivace Germano, ma oggi Radunovic è lucido e puntuale. Nel finale gli animi si surriscaldano, gli ingressi di Zito e Di Roberto poco cambia: ci prova Sprocati con il classico tiro a giro dei suoi che stavolta si spegne sul fondo. Dopo cinque di recupero finisce tra i fischi con l’ennesimo nulla di fatto: classifica sempre più preoccupante e Spezia decisiva a questo punto venerdi per Colantuono.

In quattro precedenti dunque la Salernitana non ha mai battuto la Pro Vercelli. Ci proverà oggi in una gara che non da altre possibilità alla squadra di Colantuono obbligata a vincere quello che a tutti gli effetti è uno spareggio salvezza. Contro la rimaneggiata squadra allenata dai salernitani Grassadonia e Fusco la Salernitana sarà chiamata a fare la partita ma senza la spinta del suo pubblico, almeno per 45 minuti. Nessun coro, nessun canto, nessuno slogan. Il silenzio come forma di protesta contro la pioggia di daspo che è stata comminata a 45 supporter granata in occasione della trasferta di Palermo del 28 dicembre scorso per il ritrovamento di petardi nel bus dei supporters campani.  Oltre la per la protesta della Curva la prevendita in settimana è stata fiacca. Nella scorsa partita poco più di 6300 spettatori. Si viaggia verso lo stesso dato se non inferiore.

Formazioni: Colantuono che ritrova Ricci a centrocampo dopo tre giornate di squalifica passa al 3-4-3. In mediana, accanto a Ricci e Minala, sugli esterni c’è il confermatissimo Pucino a destra e Vitale che ritorna a sinistra rispedendo Zito in panca.

In difesa Casasola Monaco e il rientro a sorpresa di Alessandro Tuia che scalza Schiavi. Difende la porta il serbo Radunovic. Nonostante il recupero Mantovani partirà dalla panchina così come l’ultimo arrivato Akpa Akpro. In avanti il tridente con Bocalon punta centrale e Palombi e Sprocati sugli esterni. Senza Rossi, Colantuono ha inserito tra i convocati il baby Felicetti e, di fatto, si lascia come alternative offensive cui eventualmente attingere in corso d’opera solo un esterno, Di Roberto, e due trequartisti, Rosina e Kiyine.

La Pro Vercelli giocherà con il 4-3-3. Gianluca Grassadonia ex centrale granata e salernitano verace si affida tra i pali al solito Pigliacelli, con Berra, Gozzi, Konatè e Mammarella in difesa. A centrocampo Paghera pronto a spostarsi in cabina di regia, con Jidayi e Germano. In attacco, infine, Reginaldo, Raicevic e Pugliese. Arbitra il sardo Giua di Olbia.

LA PARTITA

Clima gradevole all’Arechi anche se c’è il “freddo” del pubblico come calore e come presenze. Squadre in campo con le rispettive casacche ufficiali. Fasi di studio nelle prime battute condite da un silenzio surreale. Al 5’ duro scontro di gioco testa a testa tra Pucino e Konatè. L’esterno granata costretto ad uscire ma poi rientra. All’8’ primo squillo granata: combinazione Sprocati-Vitale, la conclusione dell’esterno tocca lo stinco di Bocalon ed esce fuori. Un minuto dopo grande giocata di Bocalon che si beve Gozzi ma Pigliacelli si distende: respinta sui piedi di Palombi che conclude a botta sicura Jidayi salva a porta sguarnita ma c’era offside. Al 12’ Minala pesca Palombi in area, il destro dell’ex laziale esce fuori.

La Pro Vercelli prova a mettere la testa fuori dal guscio mettendo apprensione Tuia e compagni. Al 21’ Berra da 50 metri prova a sorprendere Radunovic la sfera è alta. Al 28’ ci prova Minala dalla distanza sfera deviata in corner. Intanto Mammarella viene ammonito per proteste. Dopo la mezz’ora la gara vive di fiammate, spesso condizionate da imprecisione. Al 35’ botta dai 35’ di Raicevic, Radunovic vola in corner e salva il risultato. Al 38’ Colantuono viene espulso da Giua per proteste. La gara si spegne: solo una mischia pericolosa in area piemontese nel finale. Finisce cosi una mediocre prima frazione di gara.

SECONDO TEMPO

Squadre in campo per la ripresa con i medesimi interpreti della prima frazione. Ci prova subito Palombi con un destro nel sette, Pigliacelli imita il Radunovic del primo tempo e vola in corner. Dalla bandierina Monaco di testa non inquadra lo specchio. La Pro risponde con Reginaldo che taglia per Germano che tira a botta sicura, Radunovic salva di piede. Con la fine dello sciopero del tifo ora la gara sembra più vivace. Al 7’ i piemontesi intensificano la pressione con i granata in evidente difficoltà difensiva. Reginaldo servito da Berra spara in curva. Al 9’ punizione pericolosa di Mammarella, Radunovic salva ancora la porta. Entra dopo una lunga assenza Alessandro Rosina al posto di Palombi. Al 17’ Pugliese abbatte Ricci e si becca il cartellino giallo. Punizione invitante per Rosina che calcia bene e la sfera sbatte su entrambi i pali danzando sulla linea. Ancora Rosina dopo un minuto ha una buona palla sul sinistro ma spara alto. Nella Pro Vercelli entra Altobelli al posto di Pugliese. Germano mette i brividi ai 6 mila dell’Arechi, sfera in corner. Intanto entra Da Silva nei piemontesi al posto di Jidayi mentre nei granata è il turno di Zito per Tuia.

Il solito Reginaldo pericoloso alla mezz’ora: il brasiliano si gira bene, Radunovic c’è. Grassadonia inserisce Morra per Raicevic. La partita ora si gioca a viso aperto da ambo le squadre che cercano i tre punti. Al 35’ girata di Sprocati che fa la barba al palo. Rimane a terra Gozzi, sanguinante al sopracciglio mentre entra Di Roberto per Pucino per l’ultimo cambio di Colantuono. Le squadre però non ne hanno più e dopo cinque di recupero e un tiro ancora alto di Rosina finisce con l’ennesimo nulla di fatto: classifica sempre più preoccupante e Spezia decisiva a questo punto venerdi per Colantuono.

SALERNITANA – PRO VERCELLI 0-0

SALERNITANA (3-4-3): Radunovic; Casasola, Tuia (27’st Zito), Monaco; Pucino (37’st Di Roberto), Ricci, Minala, Vitale; Palombi (11’st Rosina), Bocalon, Sprocati. A disp.: Adamonis, Mantovani, Popescu, Schiavi, Akpa Akpro, Della Rocca, Kiyine, Signorelli, Felicetti. All.: Colantuono.

PRO VERCELLI (3-5-2): Pigliacelli; Gozzi, Jidayi (27’st Da Silva), Konate; Berra, Germano, Pugliese (23’st Altobelli), Paghera, Mammarella; Reginaldo, Raicevic (32’st Morra). A disp.: Gilardi, Kanoute, Vives, Bifulco, Alex, Gatto, Ivan, Grossi, Marcone. All.: Grassadonia

Arbitro: Giua di Olbia.

Ammoniti: Mammarella (P), Pugliese (P).

Note: Colantuono allontanato dal campo al 39’pt . Spettatori: 6752.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. stiamo inguaiati giocatori scadenti che Dio ci salvi ………………….grazie ancora maitre chocolatier.

  2. Senza ne testa ne coda….senza programmi…senza obiettivi…praticamente senza niente…! Ora sentiremo le esternazioni…del proprietario….

  3. È arrivato il momento che Lotito si faccia da parte,che la metta in vendita ma non come vuole lui.I 20.000.000 che vuole lui è un ostacolo insormontabile,è un prezzo non giusto che spaventa i possibili acquirenti.Cosi lui ha la scusa per dire che nessuno vuole comprarci.Hai capito il furbacchione.

  4. questa squadra non ha i numeri, le qualità , le p…e e Menichini per salvarci come due anni fa. la vedo davvero nera.

  5. Mi fai veramente pena, le tue gioie calcistiche sono diventate ….il gioire per un pareggio del tuo capoluogo?
    Inizia a seguire altri sport, eviterai di riempire la tua vita di simili miserie😉

  6. sei il nulla cosmico ci salveremo con tranquillità pensa a fare le sagre del tuo paese forza Salernitanaaaa

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.