Da Salerno i viaggi della speranza: 16 ore in bus per fare il concorso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa

Non si arriva freschi come una rosa, diciamolo subito. Il viaggio è abbastanza duro, in pullman, fermate ogni due ore e mezza per fare i bisogni, pasto in autogrill, veglia notturna e senza possibilità di fare nemmeno una lavata di faccia prima dell’ingresso in aula. Anzi, per i ragazzi del concorso per infermieri (5mila candidati per soli cinque posti disponibili) che seguiamo l’arrivo al palazzetto dello sport Ruffini è avvenuto con tanto di suspense a causa del maltempo. Sono ragazzi che hanno scelto di viaggiare con Bus to go, la star up creata da Raffaele Di Siervo per trasportare i concorsisti, in questo caso aspiranti infermieri. «Colleghi» li chiama Di Siervo, perché prima di essere un imprenditore è un infermiere anche lui.

«Dopo le prime trasferte al Nord mi sono reso conto che occorrevano circa 300 euro a concorso, una spesa insostenibile. Poiché ho molti parenti che lavorano nel settore dei trasporti, due anni fa mi è venuta questa idea del bus in condivisione». E ha fatto il botto. In poche settimane le richieste si sono triplicate. Anziché pagare 2-300 euro a viaggio con Bus to go la spesa oscilla tra i 45 e i 65 euro. In più si dorme in autobus e si risparmia il costo dell’hotel. E’ questo il reportage de Il Corriere.it

La partenza alle 16.30 da Salerno

Partiamo alle 16,30 da Salerno con arrivo previsto alle 7,00 a Torino. In mezzo c’è la notte più travagliata di questo inverno targato Burian. Arrivati a Bologna l’autostrada chiude per la pioggia ghiacciata, un sottile strato di ghiaccio che rende scivoloso l’asfalto. Per circa un’ora restiamo bloccati senza sapere dove andare, girando a vuoto. Nell’autobus ci sono 46 ragazzi tra i 24 e i 33 anni. Altri bus sono partiti da Puglia, Molise, Abruzzo, Calabria. C’è tutto uno spaccato di Meridione. Per lo più sono laureati in Scienze Infermieristiche. Una piccola parte è alla prima prova concorsuale, il resto è esperto di test e viaggi di questo tipo.

«E’ il viaggio della speranza. Di concorsi ne ho già fatti una quindicina da quando sono rientrata in Italia. Il primo anno dopo la laurea sono andata a lavorare a Manchester e poi sono rientrata, non l’avessi mai fatto, è stato il mio errore più grande» dice una ragazza di 27 anni di Salerno. Accanto c’è il fidanzato, anche lui aspirante infermiere. Stanno insieme da cinque anni e da altrettanto tempo si prenotano e viaggiano insieme verso il Nord in cerca di lavoro.

«Non chiamateli viaggi della speranza, questi sono viaggi della disperazione», incalza una ragazza di Potenza, 33 anni, laurea triennale a Napoli e poi tanto lavoro in un’agenzia di scommesse, così come la collega intervistata prima di lei. Che però si arrangia facendo la hostess in un’agenzia di scommesse e la barista. «In attesa di superare un concorso, invece, io mi alterno tra volontariato e lavoro… nero… Si può dire?» continua la vicina di poltrona. Ogni tanto la chiamano dalle agenzie interinali o dalle cooperative.

«Mi chiedono di fare qualche sostituzione ma poiché sono l’ultima arrivata non mi mettono in regola. Come me ci sono tanti altri». Un paio di posti più indietro c’è una ragazza di Venosa, in provincia di Potenza, 27 anni, all’ennesima prova d’esame. «Ho rifiutato un lavoro, è vero, ma sai in che cosa consisteva? Un privato di Torino mi aveva offerto di lavorare alcune ore al giorno, qualche giorno, qualche volta alla settimana, quando ce n’era bisogno. Pretendeva che andassi a chiamata da Potenza a Torino, senza stabilità economica e senza alloggio. Io voglio lavorare ma mi devi mettere anche in condizioni di lavorare».

Chi non riesce a trovare un impiego nel settore privato come infermiere si arrangia facendo tutt’altri mestieri. Troviamo baristi, centralinisti, camerieri, addetti alle sale bingo, badanti, commesse in sale gioco. Dovrebbero fare gli infermieri. «A 30 anni sono riuscito a coronare il mio sogno, lavorare per il 118. Ma sai come? Con la partita Iva, a chiamata» dice un ragazzo di Avellino.

La lunga notte in viaggio e l’arrivo a Torino

Mentre raccontano le loro storie si fa notte, qualcuno appoggia la testa sulla spalla del vicino, altri al bracciolo del sedile. La durata del viaggio dovrebbe essere di circa 13 ore. Ne impiegheremo 16 a causa della neve e della pioggia gelata. Arrivati nei pressi di Bologna la strada chiude, si esce dall’autostrada. I ragazzi sono costretti a scendere per una sosta forzata. «Sono stremata. All’ultimo concorso sono arrivata talmente stanca che a un certo punto mi sono addormentata sui fogli, ho iniziato a mettere crocette a caso. E infatti non sono passata».

L’alternativa costa troppo anche in considerazione del fatto che le sedi d’esame sono quasi sempre al Nord. «Le ultime tappe sono state Udine, Torino, Genova, La Spezia, Parma e Ferrara» racconta l’autista che generalmente li accompagna. Con lui viaggia sempre un collega per il cambio. Si arriva al Pala Ruffini di Torino alle 8,10. Mancano venti minuti alla chiusura dei cancelli, la convocazione è per le 8,30. I ragazzi prendono velocemente le poche cose che hanno portato con sé e corrono ai cancelli d’ingresso. Non c’è tempo nemmeno per una lavata di faccia. Nevica, c’è una fila chilometrica.

Un gruppetto resta fuori, sotto la neve, anche quando sono già entrati tutti. Sono i candidati prenotati per la sessione pomeridiana delle 13,30. Aspetteranno lì davanti altre cinque ore mentre a quelli che sono entrati al mattino toccherà l’attesa dei compagni del pomeriggio. Dopodiché si torna a casa, altre 13 ore di viaggio. Ed è solo la prova pre selettiva. Seguiranno le prove scritte (il 28 marzo a Collegno) e gli orali (il 9 aprile a Chivasso). Se saranno fortunati. Se saranno quell’uno su mille a cui è destinato il posto.

Articolo de il Corriere.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Che tristezza vedere questi giovani del sud che fanno questi viaggi della speranza per un futuro migliore verso il nord.Anni e anni la politica ha illuso, saccheggiato,impoverito e distrutto il meridione.
    Al popolo del sud resta un grande sogno. Una Grande Rivoluzione con Secessione e Indipendenza dall’Italia.

  2. Davanti a questo articolo trovi sempre il
    Napoletano cretino neoborbonico che spara fesserie…

  3. Quelli che viaggiano sono i fessi della generazione corrente. Chi i santi ce li ha fa l’infermiere all’ospedale dietro casa… e con assunzione diretta! Dopo il napoletano neoborbonico trovi sempre l’hater professionista.

  4. Credo che quel napoletano non ha tutti i torti,tutti sanno che il sud sta sprofondando sempre più a sud.Sono proprio quelli come te che si lava e non si lava appiattiti e succubi del pensiero negativo in attesa che lo stato elargisce elemosine per controllare le masse meridionali.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.