Salerno: niente triduo pasquale nella chiesa del Carmine, è polemica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Santuari e parrocchie chiuse in vista del triduo pasquale le cui celebrazioni dovranno tenersi esclusivamente in chiesa.

E’ questa – se non per ordine cronologico
– l’ultima disposizione del vescovo di Salerno, Monsignor Luigi Moretti che ha  “ordinato” alle parrocchie e ai santuari del salernitano di non tenere alcuna celebrazione eucaristica in vista della Santa Pasqua perchè tutto deve tenersi nelle chiese ad esse collegate.

A darne notizia il quotidiano Le Cronache oggi in edicola. Una decisione mal digerita dai fedeli della Madonna Santissima del Carmine

I riti del triduo pasquale, ossia la Messa in Coena Domini, l’azione liturgica del Venerdì Santo e la veglia pasquale, non potranno essere celebrati nel Santuario ma per chi volesse, nella Chiesa dell’Immacolata in piazza san Francesco era l’invito che ha fatto storcere il muso a tanti.

E chi si aspettava un dietro front dell’ultim’ora è rimasto deluso. Il rettore monsignor Benedetto D’Arminio ha annunciato tutti gli appuntamenti fissati nella Settimana santa con una locandina diffusa nei giorni scorsi. Non c’è ovviamente la messa del Giovedì ma gli orari delle celebrazioni eucaristiche e della Via Crucis in programma questa sera con i Simulacri della Vergine Addolorata, e di Gesù e con la partecipazione di un coro che farà da corredo all’evento. La manifestazione dovrebbe svolgersi all’interno del Santuario.

Una decisione della curia, più determinata dalla volontà di creare comunione e unità che altro. Anzi, con termine più leggero, si preferisce non parlare nemmeno di decisione, ma di “invito”.  Eppure non tutti hanno accettato la volontà della curia e qualche malumore, sotto traccia, non è mancato. Malgrado l’obbedienza dovuta. Il codice di diritto canonico spiega, all’articolo 315, che «tali associazioni sono dirette a norma degli statuti, però sotto la superiore direzione dell’autorità ecclesiastica».

Lo stesso arcivescovo Luigi Moretti vuole che anche le confraternite siano maggiormente legate, sotto ogni aspetto, non ultimo quello economico, alla vita delle parrocchie e della diocesi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ma vi siete chiesto perché le chiese sono piene solo a Natale e Pasqua?O Perché giovani famiglie le vedete solo nei 2 anni del catechismo? Io abito in una parrocchia di oltre 1000 famiglie ma fuori “festa” è desolatamente vuota. Dunque ciò premesso, se queste famose tradizioni non si devono cambiare, ma chi siete tutti voi che venite in chiesa solo per queste? Forse volete dire la vostra solo perché è di moda sui social su tutto? La liturgia è cosa seria, non si può ridurre a tifo calcistico. La fede è un altra cosa. Il Vescovo, maiuscola, è il pastore ed ha il carisma per guidare il suo popolo-gregge, non lo si può attaccare impunemente, come accadde durante la processione con certe vaiassate, se no per me stai fuori dalla Chiesa Cattolica. Punto

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.