Bracconaggio, piaga senza fine: blitz nel salernitano di Enpa e Carabinieri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Durante un servizio mirato  alla difesa della fauna  migratoria e alla lotta del bracconaggio le guardie zoofile dell’Enpa, insieme ai Carabinieri della stazione di Quindici, comandati dal Ten. Gianluca Candura e coordinati dal Mar. Magg. Giovanni Pagano, e con i volontari del Cabs hanno denunciato  un soggetto per uccellagione, furto venatorio e maltrattamento nei confronti della fauna selvatica.

Nella mattinata di ieri le guardie zoofile della protezione animali e i volontari del Cabs  eseguivano un controllo nel comune di Bracigliano (Sa) e notavano alcune postazioni attive per la cattura di avifauna selvatica, decidevano quindi di appostarsi tra la vegetazione e aspettare l’arrivo dei bracconieri.

L’attesa non  e’ stata vana, infatti dopo alcune ore giungeva sul posto un auto con a bordo due soggetti. Gli stessi,  non accorgendosi delle guardie zoofile nascoste, posizionavano nei pressi di una postazione alcuni richiami vivi, nello specifico  esemplari di Cardellino e Lucherino mentre un altro Cardellino  veniva utilizzato come “zimbello”.

Lo “zimbello” normalmente viene legato e imbracato con le ali e posizionato su un bastoncino di legno, mosso a piacere dall’uccellatore per attirare i suoi simili.
Le guardie dell’Enpa e i volontari del Cabs, accertato il reato, decidevano di uscire allo scoperto  per fermare  i due soggetti.

Alla vista delle guardie i soggetti si davano alla fuga, uno dei due riusciva a scappare a piedi riuscendo a nascondersi nella vegetazione, l’altro veniva identificato a seguito  di accertamenti condotti dai carabinieri di Quindici.

L’operazione ha permesso quindi di denunciare un soggetto e allo stesso venivano sequestrate due reti per la cattura di avifauna, tre richiami acustici, pali e corde per manovrare le reti, quattro esemplari di Cardellino e tre esemplari di Lucherino.
La fauna consegnata al Cras di Napoli, veniva successivamente liberata perche’ idonea al volo.

L’Enpa di Salerno ringrazia i Carabinieri di  Quindici per la preziosa collaborazione e per le indagini che stanno seguendo per permettere di individuare e denunciare anche l’altro soggetto. Ricorda inoltre che la cattura e la detenzione di Fringillidi sprovvisti delle regolari autorizzazioni è reato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. solite cretinate ambientaliste,ma cosa centra il fucile messo in bella mostra?se andassero a zappare invece di scrivere cretinate con tutti i guai ambientali dai fiumi ridotti a scarichi,il mare pieno di plastica l’inquinamento totale da auto e fabbriche,l’agricoltura che con i diserbanti e gli altri agenti usati uccidono di tutto,l discariche di rifiuti che inquinano anche le falde acquifere…….guarda un poco che articolone vanno a scrivere!!!!!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.