Bandito ucciso da Carabiniere mentre scappava: s’indaga

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
La Procura dispone 4 perizie, l’ultima effettuata giovedì, per la morte dell’albanese Taff Jakini, il 42enne deceduto a causa di un proiettile esploso accidentalmente dalla pistola di un carabiniere della Stazione di Pontecagnano lo scorso 2 aprile mentre tentava una fuga. Lo scrive il quotidiano Metropolis oggi in edicola

Quattro periti, ognuno per settore, relazioneranno il sostituto procuratore Carlo Rinaldi titolare del fascicolo d’inchiesta. Il militare, da ricordare è indagato con l’ipotesi di reato di omicidio colposo.

L’anatomopatologo, il medico legale, l’esperto in balistica e un tossicologo sono stati incaricati per permettere alla Procura di avere un quadro completo su quel delitto. Sessanta giorni di tempo, quindi se ne parlerà a giugno, per avere i risultati delle quattro perizie.

L’albanese Jakini morì in ospedale al Ruggi la mattina del 3 aprile dopo che la sera prima era stato raggiunto da un colpo di pistola al torace. Il ferimento che aveva causato la morte, era avvenuto la sera prima, intorno alle 20, in un piazzale tra via Irno e via Picentino a Pontecagnano. Taff era l’autista della Fiat Croma, rubata a Maddaloni (dove aveva residenza con moglie e tre figli)  ed abbandonata sull’Autostrada del Mediterraneo, in direzione Sud. I due complici erano riusciti a scappare e far perdere le loro tracce.

Tutto parte da una comunicazione della Polizia stradale che rileva l’auto rubata in transito sul tratto autostradale Salerno-Battipaglia. La segnalazione viene smistata ai carabinieri della compagnia di Battipaglia, diretta dal maggiore Erich Fasolino. Dal comando dell ‘Arma vengono organizzati posti di controllo stradali alle tre uscite autostradali di competenza. La Croma passa per Salerno, esce a Pontecagnano Nord e viene agganciata sulla Statale 18 dalla pattuglia della locale stazione. I malviventi ritornano sull’A2.

Inseguiti dai carabinieri, abbandonano la m acchina sulla corsia di emergenza dopo circa un chilometro e mezzo. I due passeggeri scendono dalla Croma ancora in movimento mentre l’autista è costretto a ritardare la fuga perché prima deve arrestare la corsa. E su di lui che si concentrano i militari: Jakini salta il guardrail e sta per scavalcare anche una seconda recinzione. In quel momento si gira verso il carabiniere ed alza una mano. Il militare a quel punto- secondo la ricostruzioni – inciampa e finisce nella doppia barriera metallica. In quel momento parte il colpo in modo accidentale. Tant’è che nessuno immagina, neppure il diretto interessato, di averlo ferito.

L’albanese, infatti, fugge sul lato sinistro del piazzale dove poi è stato trovato esanime. Che fosse ferito, i carabinieri lo intuiscono quando torna sui suoi passi. Lì il 42enne si era tolto i guanti che usava per non lasciare impronte. Si accascia al suolo quando gli vengono meno le forze. Ricoverato al Ruggi muore dopo una notte di agonia. Da qui l’inchiesta con le 4 perizie disposte dal sostituto procuratore Carlo Rinaldi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. E poi ci si meraviglia che in Italia non ci sono pene e che i malviventi sono protetti. Se lo prendevano dopo una serata in caserma sarebbe stato rilasciato magari con un foglio di via che avrebbe usato come carta igienica. Al militare invece adesso gli faranno fare una vita di merda…

  2. Inciampa e spara accidentalmente il ladro in fuga, ma che sono gli agenti della Walt Disney. Il ladro ha pagato e anche salto il prezzo pagasse anche il carabiniere.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.