Giornata mondiale vittime dell’amianto: la Città di Eboli risponde con 50 bonifiche

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il bilancio della lotta serrata contro la presenza dell’amianto sul territorio comunale arriva nella giornata in ricordo delle vittime dell’amianto. Un bilancio che parla di azioni sull’intero territorio comunale, con interventi di privati e del Comune e con la collaborazione di cittadini ed organismi associativi. «Sensibilità per l’ambiente, volontà di tutelare la salute dei cittadini e la strettissima collaborazione con comitati ed associazioni hanno consentito al Comune di avviare e realizzare un’imponente azione di bonifica dell’intero territorio comunale – sottolinea il sindaco di Eboli, Massimo Cariello -. Siamo tra i pochi Comuni ad avere strutturato interventi ed azioni, con un programma preciso ed obiettivi chiari per tutelare la salute dei cittadini, per dire no all’amianto che provoca 4000 morti all’anno, con oltre 21mila casi di mesotelioma maligno diagnosticato dal 1993 al 2012». I dati dell’azione comunale riguardano sia strutture private, che pubbliche. «A 26 anni dalla sua messa al bando, l’amianto è ancora diffusissimo in diverse forme in tutta la nazione – ricorda l’assessore all’ambiente, Ennio Ginetti -. Eboli si colloca tra i pochi Comuni che hanno istituito uno sportello amianto, frutto dell’indispensabile collaborazione con il comitato “Leviamoci l’amianto dai tetti” di Eboli. Abbiamo emesso decine di ordinanze comunali per la rimozione dell’amianto, oltre 50 bonifiche sono così state eseguite da privati». Privati a parte, il Comune ha già rimosso l’amianto da tutti gli edifici di proprietà comunale. Per i privati a reddito basso, è stato introdotto un contributo per la rimozione dell’amianto. Nella lotta all’amianto il Comune ha voluto ricomprendere l’intero territorio. «Abbiamo lavorato ed ottenuto un finanziamento per la bonifica dell’ex Apoff, seppure struttura non comunale – ricorda ancora l’assessore Ginetti – e stiamo lavorando con la proprietà per l’ex foro boario. Il territorio è monitorato quotidianamente dagli ispettori ambientali in collaborazione con l’Asl e stiamo per avviare, su spinta del comitato cittadino per la salute pubblica, un monitoraggio ambientale sulla presenza di polveri di amianto P10 nell’aria».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.