Alzheimer, Parlamento Europeo: Isabella Adinolfi (M5S) organizza proiezione di “Lettera a mia figlia”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Proiezione speciale al Parlamento Europeo per “Lettere a mia figlia”, il film breve di Giuseppe Alessio Nuzzo, premiato ai Nastri d’Argento ed al Giffoni Film Festival, interpretato da Leo Gullotta nei panni di un anziano padre che scrive delle lettere alla figlia nel tentativo di spiegare la sua malattia, l’Alzheimer.

Mercoledì 6 giugno, alle ore 11, Isabella Adinolfi, Eurodeputata del Movimento 5 Stelle, ha organizzato la visione dell’opera di Nuzzo, con successivo dibattito con i protagonisti del film. Interverranno Fabio Massimo Castaldo, vice presidente del Parlamento europeo, Laura Agea, capodelegazione M5S al Parlamento europeo, il regista Nuzzo e anche parte del cast tra cui l’attrice Diane Patierno e il compositore delle musiche originali Adriano Aponte.

Non sarà purtroppo presente Leo Gullotta che ha realizzato un video di saluto da trasmettere durante la proiezione del cortometraggio: “La storia che si racconta è quella di un uomo che ha vissuto la sua vita gioiosa in famiglia con la moglie e la bambina che diventerà presto donna – spiega Leo Gullotta -. In questo percorso lo aggredisce la malattia che porterà lui e la sua famiglia ad attraversare un dolore quasi “cosciente”.

“Un’opera che serve a far entrare chi guarda in questa piccola storia di una malattia terribile, l’Alzheimer – commenta Isabella Adinolfi – che prende il controllo del corpo e della mente del protagonista, una malattia che divora i ricordi senza sosta e che sembra trascinare con sé anche la dignità ultima del malato.

Ma il regista Nuzzo accompagna magistralmente al dolore della malattia la dolcezza del rapporto padre-figlia, rendendo quindi centrale il più semplice e il più potente dei sentimenti, l’amore”.

“Per me – continua Isabella Adinolfi – è stato davvero un onore aver organizzato questa proiezione al Parlamento europeo”.

“Lettere a mia figlia”, interamente girato tra Napoli e provincia, ha ottenuto una menzione speciale ai Nastri d’Argento, è stato miglior corto al Giffoni Film Festival, in selezione ai David di Donatello ed avuto 30 riconoscimenti in tutto il mondo.

“Raccontare di una malattia così delicata non è facile – spiega Giuseppe Alessio Nuzzo, regista partenopeo, già direttore generale del Social World Film Festival –. Ho ritenuto necessario far trasparire sin dalle prime immagini il rispetto della dignità della persona in quanto tale, cercando collaborazione nella stesura della sceneggiatura da parte di scienziati ed esperti in materia. “Lettere a mia figlia” è stato per me, e lo è ancora, un percorso di vita»

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.