Treno andava fermato! Cassazione condanna Rfi per rogo 24 maggio ’99

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
Quel treno andava fermato e non avendolo fatto Le Ferrovie di Stato dovranno risarcire i danni ai familiari di un tifoso della Salernitana morto il 24 maggio 1999 (insieme ad altri tre coetanei) a causa di un incendio divampato sul treno, proveniente da Piacenza e diretto a Salerno, che era stato adibito al trasporto di 1.500 sostenitori della squadra campana. La terza sezione civile della Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla societa’ ferroviaria contro la sentenza con cui la Corte d’appello di Salerno aveva parzialmente accolto la richiesta di risarcimento avanzata dai genitori e dalla sorella della vittima, respinta invece dal giudice in primo grado.

Il treno lungo il tragitto era stato devastato dai tifosi e gli estintori erano stati tutti scaricati dagli stessi supporters facinorosi. Cosi la Suprema Corte, condividendo tali conclusioni, rileva che “poiche’ il personale del convoglio aveva avuto la percezione che il treno mancava degli estintori ed ha consentito la ripartenza del treno dalla stazione di Nocera Inferiore pur nella consapevolezza che si doveva attraversare una lunga galleria, tale comportamento, o meglio l’omissione dell’adozione di un comportamento di fermo del treno in quella stazione, in quanto determinativo di una situazione di moto del treno nella quale, ove si fosse sviluppato un incendio, non sarebbe stato possibile intervenire con la ordinaria dotazione di sicurezza, rappresentata dall’estintore presente in ogni carrozza, ha svolto un rilievo concausale nella determinazione dell’evento, sebbene l’incendio fosse stato appiccato dolosamente da terzi”.

Fonte PuntoAgronews

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. adesso hanno anche ragione i due/tre personaggetti che hanno appiccato il fuoco e causato la loro morte con quella di una persona innocente … l’italia è anche questo cari amici

  2. Il disastro è stato causato dagli ultras.
    Sono gli ultras bombaroli, incendiari, pistoleri ecc., che vanno condannati.
    Cosa c’entrano i ferrovieri, il treno e gli estintori.
    Era meglio un convoglio di carri bestiame anziché passeggeri che vanno in gita.
    Squalificati a vita !

  3. Che ne sai come sono andate le cose e chi ha appiccato il fuoco…se le cose non le sai stai zitto essere inutile da tastiera…state sempre a giudicare senza il potere di poterlo fare…la gente come te merita solo indifferenza…capra !

  4. Linarello ma lo hai letto l’articolo? “Il treno lungo il tragitto era stato devastato dai tifosi e gli estintori erano stati tutti scaricati dagli stessi supporters facinorosi.”, capisci cosa vuol dire? cosa vogliamo aggiungere?
    Ebbene sì, è una vergogna che dopo questa devastazione di mezzo pubblico, con strage conseguente, sia colpevole la società che gestisce il treno. Sarebbe come se io venissi a casa tua a rubare, distruggo tutto, poi mi faccio male con un coltello e arrestano te per non averlo custodito… Ti pare logico? a quanto pare sì..

  5. Allora diciamo che tra quei tifosi ci sono diverse “latrine” alle quali andrebbero addebitati i danni subiti dal treno ed i risarcimenti alle vittime. Dovrebbero confessare il loro omicidio colposo le suddette “latrine”. Pulitevi la coscienza

  6. alla sentenza. Onore eterno alla medaglia d’oro al valor civile Simone Vitale. La storia di quella immane tragedia ancora deve essere scritta completamente, anche dal punto di vista giudiziario. Dolore indelebile. Pietosa indifferenza per i giudizi dei signori Andrea e Gino e per quelli simili che dovessero comparire.

  7. Ci hanno messo appena 19 anni per arrivare a questo importantissimo risultato, ma complimentoni davvero.

  8. Il problema non è chi ha appiccato il fuoco e cosa è poi successo ma…
    A Nocera chi doveva controlla sapeva che gli estintori erano vuoti? SI.
    Il treno può camminare con gli estintori vuoti? NO.
    Traete le conclusioni.
    Non sto difendendo nessuno…

  9. Il treno devastato e’ responsabilità delle bestie presunti appassionati di calcio. Il fatto che gli estintori fossero vuoti, a prescindere se buttati fuori o meno, e’ delle ferrovie.

    Nessun innocente, solo diverse sfumature di colpevolezza.

  10. E’ ovvio, sul piano del diritto, che la colpa sia delle ferrovie.
    In soldoni, la sentenza dice..dal momento che TU FERROVIA sapevi che il treno già dalla stazione di Nocera non era coperto dalle dovute norme di sicurezza (e a nulla rileva che fossero stati i tifosi a devastarlo in precedenza..il rilievo della sentenza è sul tragitto da Nocera a Salerno) dovevi FERMARTI lì e non ripartire…punto e basta….in pratica..hai avuto la possibilità di fermarti e non lo hai fatto.

  11. Qui non si parla di responsabilità di chi ha appiccato l’incendio, qui si parla di mancati controlli delle Ferrovie, per legge se non ci sono gli estintori a bordo il treno non può partire e in quel caso nessuno verificò, che poi ci siano state altre “bestie” che hanno buttato gli estintori dai finestrini e dato fuoco al treno è un altro discorso

  12. per il presuntuoso delle 10.31: ignorante sei tu, e pure poco attento. Il motivo te lo spiego subito e puoi capirlo pure tu forse: la sentenza non univoca nei gradi di giudizio precedenti. OK? Questo in parte risponde anche ad Antonio, non è per nulla ovvio, per lo stesso motivo.
    Nel merito, non conosco i tempi esatti della DEVASTAZIONE messa in atto da quei delinquenti (i tifosi sono altra cosa), ma per me è alquanto ingiusto far ricadere l’unica responsabilità sulle ferrovie per atti delinquenziali di terzi.
    Dovevano controllare? OK, ma ogni quanto? ogni km dovevano farsi il giro del treno per vedere se qualche delinquente aveva distrutto qualcosa? magari qualche leva dei freni o finestrino o bagno etc? secondo voi un capotreno poteva, con quei delinquenti, farsi un giro del treno e bloccare il treno a nocera, rischiando che quei delinquenti venissero in contatto con gli omologhi noceresi o cavesi o altri? Le ferrovie avrebbero dovuto fermare il treno, riaggiustarlo (dove? come?), rimettere gli estintori, controllare TUTTO, e poi farlo ripartire? Il tutto con centinaia di delinquenti (non tutti, ok) che attendevano pacificamente in sala d’attesa? Ma per favore, tornate con i piedi per terra..

    Avrebbero devastato pure la stazione e magari ci sarebbe scappato il morto con scontri con la polizia o avversari, e avreste detto che era sbagliato far fermare quel treno a nocera..
    Ripeto, meno certezze, signori: ci sono giudici che non hanno attribuito tutte queste colpe esclusive alle Ferrovie, un motivo ci sarà.
    E per ultimo vi chiedo (davvero non so), quanti delinquenti sono stati condannati per quei gesti (danneggiamento aggravato, incendio doloso, interruzione pubblico servizio, omicidio colposo)?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.