Bollini a Il Mattino: «Non bastano i curriculum, servono idee»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’edizione odierna de Il Mattino apre con un’intervista all’ex tecnico granata Alberto Bollini.

Il trainer di Poggio Rusco ha ripercorso la sua avventura sulla panchina della Salernitana tracciando il percorso da seguire per il futuro. Ecco le dichiarazioni dell’ex mister della Salernitana

“Come ho vissuto l’esonero? Con dispiacere, soffrendo in silenzio: tenevo al lavoro, a quanto costruito, al legame forte con la piazza, maglia e proprietà. Non polemizzai per evitare errate interpretazioni. Preferii uscire sereno, a testa alta, con educazione. Spiegazioni non me ne sono state date, né le ho chieste. Ho rispettato la scelta anche se non me l’aspettavo”.

Su quella famosa (ed unica) conferenza pre-partita del 24 agosto (prima della trasferta di Venezia): “Fui schietto. Espressi concetti chiari che poi si sono verificati in stagione: la proprietà mi parlò di salvezza e mantenere sano il bilancio. Ero certo di centrare l’obiettivo ma ho sempre avuto voglia di guardare più avanti. Dissi di essere felice del gruppo, anche con ‘scommesse’ in attacco: Rossi usciva dalla Primavera, Bocalon rientrava in B e va elogiato per professionalità ed umanità, ha fatto un onesto torneo. Credo di non aver detto stranezze, qualcuno elaborò male le mie frasi.

Tra tante difficoltà la squadra ha mostrato forza, senso del gioco, con alti e bassi della categoria. Sono fiero dei 12 risultati utili di fila e della imbattibilità interna. Se poi si mirava a cose più grandi… ci credevo anche io: nella mia gestione siamo stati anche in zona play-off, unica volta in tre anni per il club. E le mie squadre hanno sempre fatto più punti nel ritorno, vedi i 30 del 2017”.

Una considerazione sulla Salernitana che nascerà: “Non  spetta a me dare giudizi o consigli ad una proprietà forte, che conosce il posto. É importante la chiarezza. In B contano idee, solidità societaria, lavoro, compattezza ambientale, non i curriculum. Servono ragazzi consoni alla categoria e pazienza nei momenti bui”.

E poi il momento più bello e quello più brutto: “Le rimonte (otto in tutto)  come quella da 3-1 a 3-3 a Cesena in dieci, ma anche il 2-3 del Partenio. Il rammarico è che alla terza giornata l’anno scorso avevamo 2 punti che potevano essere 7 o 9 per quanto creato”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.