Gli aumenti in bolletta e la pericolosa ricaduta sociale (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Più 57% in un anno; più 9% solo nell’ultimo mese.

L’impennata del prezzo del petrolio non pesa solo sulla benzina, ma anche sulle bollette di luce e gas che da ieri son diventati più cari, con aumenti del 6,5% per l’elettricità e del 8, 2% per il gas.

Quest’ultima, è una maggiorazione di cui avvertiremo gli effetti soprattutto durante i mesi invernali, ovvero quando riaccenderemo i riscaldamenti. Secondo l’Autorità per l’Energia una famiglia spenderà in media per la luce 537€ l’anno, 24 in più; mentre per il gas, oltre i 1000 con un incremento di 21€.

Aumenti che sarebbero stati più consistenti se l’Authority non fosse intervenuta abbassando i cosiddetti oneri di sistema; cioè quelle voci della bolletta che servono a finanziare, per esempio, le fonti rinnovabili e gli sconti alle imprese.

Un risparmio solo momentaneo per noi consumatori perché verrà recuperato con i pagamenti autunnali. La stangata per le famiglie va a sommarsi ai rincari di benzina e gasolio già in atto da un paio di mesi. Una tendenza che potrebbe continuare proprio ora che iniziano le partenze per le vacanze.

Molto preoccupata la Coldiretti, secondo cui. “L’aumento della spesa energetica ha un doppio effetto negativo perché riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l’agroalimentare. Il costo dell’energia si riflette, infatti, in tutta la filiera e riguarda sia le attività agricole, ma anche la trasformazione, la conservazione degli alimenti”.

Gli ha fatto eco il Codacons con il presidente Carlo Rienzi, il quale ha tra l’altro dichiarato: “Il governo deve intervenire sul fronte della tassazione sia sulle bollette, dove la pressione fiscale supera il 40% per il gas, sia per i carburanti, perché il peso delle tasse nel settore dell’energia è diventato insostenibile e incide negativamente sull’intera economia”.

Mentre a Roma continuano incessanti le guerre di potere, le scaramucce, le lotte pseudo ideologiche, la vita reale, impietosa, ci ricorda che il cittadino, le famiglie, le imprese ogni giorno combattono una battaglia che si fa sempre più dura, con un lento, incessante aggravio del costo della vita il quale contribuisce ad allargare quella forbice che, pian piano, senza farcene render nemmeno conto, finirà per minare la nostra stessa coesione sociale.

Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.